ARCHIVIO POST (2)









PIU' DI 200 CITTADINI ISRAELIANI HANNO INVIATO UNA LETTERA ALL'UNIONE EUROPEA CON LA QUALE CHIEDONO DI FARE PRESSIONE SU ISRAELE AFFINCHE' ACCETTI LE CONDIZIONI DI HAMAS PER LA TREGUA. BASTA LEGGERE LE PROPOSTE DI HAMAS PER CONVINCERSI CHE SONO GIUSTE, EQUILIBRATE SACROSANTE. TUTTO IL SISTEMA INFORMATIVO, I PARTITI POLITICI ED IL GOVERNO ITALIANO SI SONO RESI COMPLICI DI QUESTO MASSACRO COI LORO SILENZI E CRIMINALIZZANDO UN MOVIMENTO DI RESISTENZA IL QUALE, PUR NON ESSENDO UN MODELLO DI DEMOCRAZIA E DI LAICITA', IN QUESTO MOMENTO STA DIMOSTRANDO TENACIA E FERMEZZA PUR DI DARE UNA SVOLTA RISOLUTIVA ALL'INSOSTENIBILE REGIME DI OCCUPAZIONE ISRAELIANO. 






Israeli citizens to the EU: Pressure Israel to accept Hamas’ terms of truce

– Posted on 21 juillet 2014Posted in: European UnionNews
On Sunday – July 20th – a group of more than 200 Israeli citizens sent a letter to the European Council, Commission and the European Parliament calling on the EU to pressure Israel to accept Hamas’ terms of truce.
Also up to day 725 Israeli citizens signed Hebrew/Arabic language onlinepetition supporting Hamas’ conditions as a basis for immediate and direct negotiations
Israeli Citizens Accept Terms of Truce as Proposed by Hamas:
We, the undersigned citizens of Israel, call on the European Council, Commission and Parliament to pressure Israel to accept the terms of truce presented by Hamas (as they were published in Israeli and international media outlets).
The terms echo previous recommendations made by the UN and the European Union and major human rights organisations, most notably in the Goldstone Report. The refusal of the Israeli government to address these terms results in sacrifice of civilian lives for the sake of ongoing occupation, and thwarting the long-awaited Palestinian national unity agreement.
Israel’s reluctance to seriously address all political and diplomatic proposals made by Palestinian leadership, regional and international mediators, is costly in lives. It also gives rise to worrying tendencies within the Israeli public, swayed by governmental rhetoric of “no partner”. This can no longer be acquiesced.
These are the conditions of Hamas (according to media reporting). We fully endorse these conditions as first steps toward a just solution in Israel/Palestine.
  •   ·Withdrawal of Israeli tanks from the Gaza border;
  •   ·Freeing all the prisoners that were arrested after the killing of the three youths;
  •   ·Lifting the siege and opening the border crossings to commerce and people;
  •   ·Establishing an international seaport and airport, which would be under U.N.supervision;
  •   ·Increasing the permitted fishing zone to 10 kilometres;
  •   ·Internationalizing the Rafah Crossing and placing it under the supervision of the U.N. and some Arab nations;
  •   ·International forces on the borders;
  •   ·Easing conditions for permits to pray at the Al Aqsa Mosque;
  •   ·Prohibition on Israeli interference in the reconciliation agreement;
  •   ·Re-establishing an industrial zone and improvements in further economic development in the Gaza Strip.
We are all appalled by the death and destruction in Gaza. Yet, this is not simply a tragedy; this is a policy. It can and it must be changed. It is in the power of political leaders and peaceful nations. We urge you to act immediately so thatIsrael ceases all violence against the people of Gaza, ends the siege and takes action towards a just peace.
Inna Michaeli, Sociologist
Eilat Maoz, Anthropologist
Adam Maor, Musician
Adi Dagan, Tel Aviv
Adi Maoz, Educator, Jaffa
Adi Ophir, Tel Aviv University
Aharon Eviatar Ph.D. Professor Emeritus Tel Aviv University
Alan Traister, Carmiel 11.
Aliza Dror social worker
Amir Yatziv, Artist 14.
Angela Godfrey-Goldstein, Peace activist, Human rights defender,
Dr. Anat Matar, The Dept. of Philosophy, Tel Aviv University
Anat Erez, Software engineer
Anna Cohen-Yanay 19.
Anna Shlonsky, Teacher
Ariel Hanaor, Civil engineer (retired)
Ariella Azoulay, Brown University
Ariella Sturm. Tel-Aviv 24.
Assaf Tamari, Historian, Jaffa.
Aya Shoshan, Ben Gurion University
Ayala Shani, Software Developer
Beate Zilversmidt, Holon
Prof. Emeritus Colman Altman, Technion-Israel Inst. of Technology, Haifa
Dr. Dafna Hirsch, The Open University of Israel
Dani Gal
Dr. Danny Rosin, Surgeon
Daniel Regev, Student
Danielle Schwartz, Hebrew University of Jerusalem
David L. Mandel 42.
David Shamgar, pensioner, Rehovot
Deb Reich, Author, “No More Enemies”
Debby Lerman, Business Analyst
Dorit Gurny, Psychotherapist and Social Worker. Member in Psychoactive
Dorit Naaman, Professor of Film and Media, Queen’s University
Dorothy Naor, Activist 49.
Efrat Appel, Farm and Garden Center
Einat Podjarny
Prof. Eli Glasner, Tel Aviv University.
Prof. Esther Levinger University of Haifa Israel
Ella Littwitz, Artist
Emil Pisker, 26, school teacher, Tel aviv.
Emmanuel Farjoun Hebrew University
Eppie Krietner, Jerusalem
Eran Torbiner, Documentary Film Director
Erella Grassiani gate48, Amsterdam
Esti Micenmacher, Activist in Tarabut-Hithabrut
Eyal Vexler, Culture and Art Producer
Dr. Felix Laub, Pensioner, Davidson Institute of Science Education, Weizmann Institute of Science
Gali Agnon, a mother
Prof. Galia Patt-Shamir, Chinese Philosophy, Tel Aviv University
Galit Saporta, gate48, Amsterdam
Gerardo Leibner, Tel Aviv, Tarabut – Hithabrut: Jewish-Arab Movement.
Gila Svirsky, Jerusalem
72. Gilad Brener, Activist 73.
Guy Davidi, Dcumentary Filmmaker (Five Broken Cameras)
Hadassah Haskale, writer, poet, peace activist
Hagar Kotef, Tel Aviv University Haggai Ram, Chair,Dep. of Middle East Studies,Ben Gurion University of the Negev
Hagit Keysar Ben Gurion University
Prof. Haim Bresheeth, SOAS, University of London
Hamutal Erato, student 81.
Hana Amori, Hithabrut-Tarabut Movement, Jaffa
Dr. Hannah Safran, Woman to Woman – Haifa
Hanan Agnon, Gardener
Herzl Schubert, Teacher
Hila Amit, PhD Student, SOAS, University of London
Dr. Hilla Dayan, gate48
Hila Vardi, Educator, Tel Aviv
Idit Elia Nathan, PhD candidate at Central St Martin’s College of Art and Design,London
Ilana Hairston, Tel Aviv-Jaffa Academic College
Iris Hefets, Psychotherapist, European Jews for Just Peace Germany
Itamar Hamiel, National Coordinator, Mahapach-Taghir
Itamar Shachar, PhD Student
Ivy Sichel, Coalition of Women for Peace, Hebrew University of Jerusalem
Dr. Janina Altman, Research Chemist,
Judith Yahav, Journalist, Tel Aviv
Keren Assaf, Group Facilitator
Keren Yedaya, Film Director
Kholod Idris, Coordinator of Education in the Arab Society, ACRI and Activist in Mahapach-Taghir
Kobi Snitz, Tel Aviv 101.
Laliv MelamedNew York University
Leah Even Chorev, Student
Liat Schahar 105.
Lior Elefant, M.A. Student
Matan Kaminer, PhD student in Anthropology, University of Michigan
Matan S. Cohen, Computer Network Administrator
Maya Lavie-Ajayi
Maya Reggev, Knowledge Manager
112. Maya Wind 113.
Merav Amir, Queen’s University Belfast
Michal Baror, Artist
Michal Fischer, Teacher / Hithabrut-Tarabut, Coalition of Women for Peace
Michal Kaiser-Livne, Psychoanalyst, Jewish Voice for a Just Peace, Germany
Michal Peleg, Author, Tel Aviv
Prof. Miriam Eliav-Feldon, Dept. of History, Tel Aviv University
Miriam Moore, Jaffa – Tel Aviv
Moshe Perlstein. Stage Director and Lecturer, Kibbutzim College
Naama Nagar, Student
Naomi Fink, Hebrew teacher
Natalia Berlin
Natasha Dudinski, filmmaker, Jerusalem
Neriya Mark, Whaat-elSalam, Neve Shalom
Neta Golan, Activist
Netta Kugel
Ni Harel, Artist.
Niva Grunzweig, Project Manager, Member of Zochrot NGO
Noa Levy, Adv., Deputy Chair of the Junior Faculty Union, Tel Aviv University
Noam Bahat, Carpenter 138.
Nomi Erteschik-Shir, linguist, Omer, Israel
Norma Musih, PhD student Indiana University
Prof. Nurit Peled-Elhanan, Heb. University. 2001 Laureate of EUP Sakharov Prize for Human Rights
Oded Regev, Professor Emeritus of Physics, Technion
Oded Schechter
Ofer Neiman, Co-editor, The Occupation Magazine, Jerusalem
Prof. Ofra goldstein-Gidoni, Tel Aviv University
Orian Zakai, Visiting Assistant Professor of Modern Hebrew, Middlebury College,VT
Oriana Weich, Artist
Orna Levy, Screenplay writer, director and lecturer of cinema studies 149.
Orly Noy, Translator, Jerusalem
Orna Raviv, Israeli Documentary Filmmakers Forum
Osnat Bar-Or, Artist
Pepe Goldman, Organizational Consultant
Dr. Pil Kollectiv and Dr. Galia Kollectiv, Artists and lecturers, University of ReadingUK
Prof. (Emeritus) Ron Barkai, Tel Aviv University
Raanan Shemesh Forshner, New Profile, Jerusalem
Rachel Giora, Professor of Linguistics, Tel Aviv University
Racheli Bar-Or, Psychotherapist
Racheli Merhav, Landscape Architect
Reem Amer, Activist and Finance Coordinator
Regev Nathanson
Rela Mazali, Writer and Activist
Revital Madar, Writer and M.A. Student in Tel Aviv University
Dr. Roy Wagner, Hebrew University of Jerusalem
Dr. Ruth Preser, ICI-Berlin Institute for Cultural Inquiry
Ruti Kantor, Tel Aviv
Saar Szekely, Artist
Shachaf Polakow, Photographer
Shira Havkin, Sciences-Po/CERI
Shlomi Avniel, Teacher
Smuel Yerushalmi
Shoshi Shamir, Poet, Editor and Group Facilitator
Silan Dallal
Silvina Landsmann
Tal Dor, PhD student in Sociology, Paris
Talma Bar-Din, Woman to Woman, Women in Black
Tamar Aviyah, One Democratic State Activist
Tamar Yaron, Software & documentation quality tester
Tamar Basan, Pensioner, Social Workers, Ramat Gan
Dr. Tamar Berger, Bezalel Academy of Arts and Design
Tamar Cohen, translator, Jerusalem
Tami Schneider, History High School Teacher
Tammar Hoffman
Timna Perets
Tirtza Even
Tom Pessah, PhD Candidate, Sociology, UC Berkeley
Tommy Dreyfus, School of EducationTel Aviv University
Tzvi Adelman
V ardit Shalfy
Dr Yonat Nitzan-Green, Artist and researcher
Yael Arbell, Editor
Yael Even Or, Graduate Student, The New School
Yael Lerer
Yael Messer, Curator, High&Low Bureau
Yael Tsabari, Project Coordinator, Sadaka-Reut
Yafit Armon
Yair Oren
Yanay Israeli
Yasmeen Daher, PhD Candidate, Philosophy Department, Université de Montréal
Yehoshua Rosin, Rehovot
Yiftach Starick, Musician .
Yoav Beirach, PHD candidate, Tel Aviv University
Yoav Shemer-Kunz, PhD candidate in Political sciences, University of Stras
Yonah Adelman, Social Worker
Yonatan Dekel, Filmmaker
Yonathan (Jon) Anson, Dept. of Social Work, Ben-Gurion University of the Negev
Yosefa Sartiel M.D. Physicians for Human Rights
Yossi Vaanunu, Theater Director
Yuval Halperin, Editor, Tel Aviv

versione in francese dell'appello





http://www.agencemediapalestine.fr/blog/2014/07/21/des-citoyens-israeliens-a-lue-faites-pression-sur-israel-pour-quil-accepte-les-conditions-dune-treve-proposee-par-le-hamas/
----------------------------------------------------------------------------

Le Monde Diplomatique, luglio 2012, pag 3
Concetti sempre efficaci - Gramsci, un pensiero diventato mondo
di Razmig Keucheyan  
(traduzione dal francese di José F. Padova)


La crisi dell'Europa "... si spiega (...) con l’incapacità del progetto europeo di ottenere il consenso attivo delle popolazioni continentali. Ora, perché un’egemonia si stabilisca durevolmente, a livello di un Paese o di un Continente, i dominanti devono convincere i dominati che essa serve almeno in parte ai loro interessi". Questo è uno dei concetti espressi da Antonio Gramsci nei suoi "Quadeni dal carcere", presi in esame da questo articolo pubblicato nel luglio 2012 da Le Monde Diplomatique, che ancora dimostrano lo spirito profetico di questo grande critico politico. J.F.Padova
Le Monde Diplomatique, luglio 2012, pag 3
Concetti sempre efficaci
Gramsci, un pensiero diventato mondo
Condurre la battaglia delle idee per sottrarre le classi popolari all’ideologia dominante allo scopo di conquistare il potere… Frequentemente citate, ma raramente lette e molto spesso oggetto di abuso, le analisi che Antonio Gramsci sviluppa quando è incarcerato nelle prigioni fasciste all’inizio degli anni ’30 sono protagoniste di un rimarchevole revival. Dall’Europa all’India passando per l’America Latina, i suoi scritti circolano e fertilizzano i pensieri critici.
Razmig Keucheyan
(traduzione dal francese di José F. Padova)
Perché quello che è stato possibile in Russia nel 1917, vale a dire una rivoluzione operaia, altrove è fallito dappertutto? Come mai è accaduto che all’epoca il movimento è stato sconfitto negli altri Paesi europei – in Germania, Ungheria, ma anche nell’Italia delle «assemblee di Torino», quando gli operai del Nord del Paese, negli anni 1919-1920, occuparono le loro fabbriche durante molti mesi?
Questa domanda è il punto di partenza dei celebri Quaderni dal carcere (1) di Antonio Gramsci, che, giovane rivoluzionario, era alle prime armi al tempo dell’esperienza torinese. Redatti qualche anno dopo il riflusso di quel progetto, questa opera politica del XX secolo, di fondamentale importanza, fornisce una profonda riflessione sull’insuccesso delle rivoluzioni in Europa e sul modo di superare la sconfitta del movimento operaio degli anni 1920 e 1930. Tre quarti di secolo dopo la morte di Gramsci essa continua a parlare a tutti coloro che non hanno rinunciato a trovare le vie verso un altro mondo possibile.
Stranamente, essa parla anche a quelli che si accaniscono per impedire che questo altro mondo si realizzi. «In fondo, ho fatto mia l’analisi di Gramsci: il potere si ottiene con le idee. È la prima volta che un uomo di destra fa propria quella battaglia», così dichiarava Nicolas Sarkozy qualche giorno prima del primo turno delle elezioni presidenziali del 2007 (2).
Il ricupero dell’autore dei Quaderni dal carcere da parte dell’estrema destra, dalla quale provenivano alcuni consiglieri di Sarkozy – in particolare Patrick Buisson – è in realtà un caso vecchio. Così essi sono un riferimento centrale per la «nuova destra», quando il suo principale teorico, Alain de Benoist, qualifica la sua strategia di «guerra culturale» di «gramscismo di destra» (3). Questa appropriazione indebita tuttavia non ha impedito che, lungo il secolo XX, Gramsci fosse oggetto di stimolanti reinterpretazioni da parte delle correnti rivoluzionarie nel mondo intero.
Che la rivoluzione sia stata possibile in Russia ma non nell’Europa occidentale è dovuto, secondo Gramsci, alla natura dello Stato e della società civile. Nella Russia zarista l’essenza del potere era concentrata nelle meni dello Stato; la società civile – partiti, sindacati, imprese, stampa, associazioni… - era poco sviluppata. Prendere il potere in queste condizioni, come l’hanno fatto i bolscevichi, presuppone innanzitutto impadronirsi dell’apparato dello Stato: esercito, amministrazione, polizia, giustizia… Poiché la società civile era allo stato embrionale, chiunque detiene il potere dello Stato è in grado di assoggettarla. Beninteso, una volta preso lo Stato, cominciano i problemi: guerra civile, rilancio dell’apparato produttivo, delicati rapporti fra la classe operaia e quella contadina…
Nell’Europa dell’Ovest, al contrario, la società civile è corposa e autonoma. Sotto l’effetto della rivoluzione industriale essa si costituisce progressivamente come sede della produzione. Detiene una parte importante della somma totale del potere, a tal punto che non basta impadronirsi dello Stato: occorre ancora dominare nella società civile, poiché il problema è che non la si conquista nello stesso modo. Ciò presuppone che il cambiamento sociale prenda forme distinte da quelle del caso russo. Non è che le rivoluzioni nell’Europa occidentale siano diventate impossibili, tutt’altro, ma esse dovranno inserirsi in una «guerra di posizione» di lungo corso.
Dal peronismo ai «subaltern studies»
Gramsci vuole essere fedele alla rivoluzione russa – è un ammiratore di Lenin, al quale nei Quaderni dal carcere non cessa di rendere omaggio. Ma ha anche compreso che questa fedeltà implicava, in pratica, di cambiare il modo di fare le rivoluzioni. La sua teoria dell’«egemonia» trova il suo punto di partenza in questa constatazione. La lotta delle classi, dice Gramsci, deve ormai includere una dimensione culturale, deve porsi la questione del consenso delle classi subalterne alla rivoluzione. La forza e il consenso sono i due fondamenti della conduzione degli Stati moderni, i due pilastri di una egemonia. Quando il consenso viene a mancare – come fu il caso, per esempio, nel 2011 nel mondo arabo – si creano le condizioni per il rovesciamento del potere esistente.
La prima edizione dei Quaderni dal carcere esce alla fine degli anni ’40. È messa sotto la responsabilità di Palmiro Togliatti, il segretario generale del Partito comunista italiano (PCI), che fino all’inizio degli anni ’60 manterrà il dominio sulla messa in circolazione degli scritti del suo compagno defunto. Da quest’epoca in poi l’opera di Gramsci serve come punto di incontro a tutti coloro che, nel mondo, cercano di combinare fedeltà alla rivoluzione d’Ottobre e volontà di adattare il processo a contesti sociopolitici talvolta lontani dal caso russo. Questo è ciò che spiega la rapida diffusione internazionale delle tesi di Gramsci e la costituzione di correnti gramsciane in tutto il globo. Dei Quaderni dal carcere si può così dire che si tratta di una delle prime teorie critiche a livello mondiale.
Tre casi molto diversi gli uni dagli altri illustrano questa circolazione delle sue idee. Dalla metà del XX secolo l’Argentina diventa il centro di un’importante tradizione gramsciana, prima che altri Paesi del Continente, come il Brasile, il Messico o il Cile, si immergano anch’essi nello studio dei Quaderni dal carcere. La rapidità e l’ampiezza dell’accoglienza di Gramsci in Argentina si spiega con l’importanza dell’immigrazione italiana. Esse sono ugualmente dovute al fatto che i suoi concetti principali – «egemonia» ma anche «cesarismo» o «rivoluzione passiva» – vi sono messi a contributo per comprendere questo fenomeno politico tipicamente argentino che è il peronismo.
Più in generale essi servono allora per analizzare i regimi militari «progressisti» o «espansionisti dello sviluppo» - oltre a Juan Domingo Perón in Argentina, Lázaro Cárdenas in Messico o Getúlio Vargas in Brasile – che fanno la loro comparsa nella regione. Questi poteri mettono in opera forme di «modernizzazione conservatrice», né rivoluzione né restaurazione, frequenti durante il secolo XX nei Paesi del terzo Mondo, che si modernizzano garantendosi che le ineguaglianze di classe non siano fondamentalmente rimesse in discussione.
Il concetto di «rivoluzione passiva, che Gramsci forgia nei Quaderni dal carcere quando esamina la formazione dello Stato nazionale italiano nel XIX secolo, descrive precisamente questo tipo di processo politico ambivalente. Talvolta queste rivoluzioni sono condotte da un «cesare» - da qui l’idea di «cesarismo» -, cioè da un capo carismatico che stabilisce un legame immediato con le masse, i cui esempi, anche qui, non mancano nell’America Latina dei secoli passati e presente.
Fra gli altri, pensatori come José Aricó, Juan Carlos Portantiero, Carlos Nelson Coutinho o Ernesto Laclau producono in quel tempo letture innovatrici dei Quaderni dal carcere, la cui influenza si estende molto al di là dell’America Latina (4). Sull’esempio dello stesso Gramsci molti dei loro interpreti più importanti sono impegnati nella lotta rivoluzionaria che dilagò sul Continente negli anni ’60 e ’70.
Il partito degli oppressi
All’altro capo del Pianeta le idee dell’intellettuale italiano raggiungono l’India a partire dagli anni ’60. Gramsci è un grande punto di riferimento degli studi postcoloniali (postcolonial studies). Il principale fondatore di questa corrente di pensiero, il palestinese Edward Said, vi ha fatto ricorso per formulare la sua critica dell’orientalismo, vale a dire delle rappresentazioni di «Oriente in auge nel mondo occidentale (5)». Sotto l’influsso di Said, ma anche degli storici marxisti britannici Eric Hobsbawm e E. P. Thompson, emerge negli anni ’70 un settore specifico indiano di studi postcoloniali: gli studi subalterni (subaltern studies).
Questa corrente, rappresentata particolarmente da Ranajit Guha, Partha Chatterjee (6) e Dipesh Chakrabarty, prende il suo nome direttamente da Gramsci. L’espressione «subalternes» si trova effettivamente nel titolo del Quaderno dal carcere n° 25, il cui titolo esatto è «Ai margini della storia. Storiografia dei gruppi subalterni». I «margini della storia» vogliono significare i gruppi sociali assenti dalle storie «ufficiali», ma suscettibili, quando entrano in attività, di sconvolgere l’ordine sociale.
La circolazione dei concetti gramsciani dall’Italia dell’inizio del XX secolo all’India degli anni ’70, si spiega con la prossimità delle strutture sociali di questi Paesi e in particolare con la presenza in entrambi di una classe contadina rilevante. Nel testo che scrive nel 1926, proprio prima della sua incarcerazione, «Qualche tema della questione meridionale», Gramsci preconizza un’alleanza fra la classe operaia del Nord d’Italia, numericamente minoritaria, ma economicamente e politicamente in ascesa, e quella contadina del Sud, a quell’epoca ancora numerosa. I «subalternisti» indiani presagirono il medesimo tipo di strategia nel loro Paese.
Una terza corrente si è dedicata a pensare la geopolitica con l’ausilio dei concetti proposti dall’autore dei Quaderni dal carcere. Essa si presenta sotto il nome di teoria «neogramsciana» delle relazioni internazionali. Il suo fondatore è il canadese Robert Cox, un marxista innovatore che ha anche svolto funzioni direttive presso l’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) a Ginevra. Kees Van der Pijl, Henk Overbeek e Stephen Gill, fra gli altri, s’iscrivono in questa orbita. Questi autori hanno analizzato in particolare la costruzione europea, della quale cercano di comprendere l’attuale crisi (7). Da una parte, essa si spiega ai loro occhi con l’incapacità del progetto europeo di ottenere il consenso attivo delle popolazioni continentali. Ora, perché un’egemonia si stabilisca durevolmente, a livello di un Paese o di un Continente, i dominanti devono convincere i dominati che essa serve almeno in parte ai loro interessi.
D’altronde, dall’inizio del XX secolo, si assiste a un’interpenetrazione crescente fra le élite europee e americane. Questo spiega perché la costruzione europea sia stata molto sovente subordinata agli interessi dell’impero americano e non sia pervenuta a dotarsi di un progetto politico autonomo.
Gramsci non cesserà di contribuire alla costruzione del «partito degli oppressi», su scala sia italiana che mondiale, tramite le sue attività nella III Internazionale. Egli collegava quindi la teoria con la pratica, ciò che si rivela essere – purtroppo – un caso raro fra gli intellettuali critici attuali.
Al servizio della rivoluzione – Una breve biografia
Nato in Sardegna nel 1891, Antonio Gramsci cresce in una famiglia relativamente povera. Dopo aver ottenuto nel 1911 una borsa di studio che gli permette di proseguire gli studi di filologia a Torino, conosce Palmiro Togliatti, Angelo Tasca e Umberto Terracini. Insieme essi militeranno dapprima nel Partito Socialista Italiano (PSI), prima di creare nel 1919 il mitico giornale operaio L’Ordine Nuovo. Al momento della fondazione del Partito Comunista Italiano (PCI), nel 1921, Gramsci diviene membro del Comitato centrale; è nominato segretario generale nel 1924. In aprile dello stesso anno è eletto deputato al Parlamento nazionale. Si racconta che, quando Gramsci prendeva la parola nell’emiciclo con la sua voce esile, Benito Mussolini tendeva l’orecchio per non mancare una parola del discorso di questo irriducibile oppositore.
Arrestato in novembre 1926 a Roma, Gramsci è condannato nel 1928 a vent’anni di prigione. «Noi dobbiamo impedire a questo cervello di funzionare per vent’anni», dirà il Procuratore fascista prima che la sentenza sia emessa, cosciente della minaccia che un simile avversario rappresentava per il potere in carica. Nel 1929 Gramsci ottiene il diritto di scrivere in carcere, diritto che esercita fino al 1935, al momento in cui la sua salute si degrada irrimediabilmente. Egli muore il 27 aprile del 1937 per un’emorragia cerebrale, dopo dieci anni di calvario nelle prigioni mussoliniane, lasciando un insieme di quaderni incompiuti che sconvolgeranno il marxismo della seconda metà del XX secolo.
(1) Antonio Gramsci, Cahiers de prison, Gallimard, coll. « Bibliothèque de philosophie », Paris, 19781992, 5 tomes.
(2) Le Figaro, Paris, 17 avril 2007.
(3) Cf Pierre-André Taguieff, «Origines et métamorphoses de la nouvelle droite », Vingtième Siècle, n° 40, Paris, 1993.
(4) Cf. Raúl Burgos, Los gramscianos argentinos, Siglo XXI, Buenos Aires, 2004.
(5) Edward Said, L'Orientalisme. L'Orient créé par l'Occident, Seuil, coll. «La couleur des idées», Paris, 2005 (l" éd. : 1978).
(6) Lire Partha Chatterjee, « Controverses en Inde autour de l'histoire coloniale», Le Monde diplomatique, février 2006.
(7) Cf par exemple Henk Overbeek et Bastiaan Van Apeldoorn (sous la dir. de), Neoliberalism in Crisis, Palgrave Macmillan, Basingstoke, 2012.

Sulle notizie raccapriccianti 
dalla Siria
di Patrick Boylan

L'ultima notizia raccapricciante dalla Siria (il napalm contro una scolaresca) si rivela una bufala. Non importa: come la notizia raccapricciante che l'ha preceduto (l'uso di gas letale, realmente avvenuto), questo “scoop” viene subito strumentalizzato per chiedere un intervento militare USA. Ma quest'interminabile sfilza di notizie orrende dalla Siria può essere fermata, se riconosciamo che i mandanti siamo noi e se ripudiando il giornalismo sensazionalistico.
8 settembre 2013 
BBC e la bufala della scuola siriana bombardata con il napalm  Sono davvero abili gli operatori della guerra psicologica al servizio dalla CIA, i quali riescono ad inventare di continuo e "videoregistrare" eventi sempre più raccapriccianti da attribuire al governo siriano di Bashar al-Assad, eventi assai più terribili di quelli già terribili che vengono commessi comunque in Siria, dalle diverse parti coinvolte in una cruente guerra per procura. Questi mega orrori vanno dai bambini dalle gole tagliate "dai sicari del regime" a Houla un anno fa, ai 1700 morti per gas a Ghouta (un sobborgo di Damasco) il 21 agosto, ai "bambini bruciati vivi in una scuola", ossia l'ultima horror story in ordine di tempo, diffusa la settimana scorsa dalla BBC e prontamente smontata come bufala sul blog di Francesco Santoianni.
Anche quando ci accorgiamo che sono delle messe in scena recitate da attori improvvisati, come nel caso della bufala smontata da Santoianni, questi video sono pur sempre orripilanti. Ma diventano orripilanti per davvero quando ci accorgiamo che ciò che è stato filmato, come a Houla e a Ghouta, non è affatto una recita ma la realtà e, nel contempo, anche una messinscena. Cioè una montatura. Infatti, dagli indizi più attendibili raccolti, sembra ormai chiaro che in questi due casi (per non parlare di altri), i ribelli siriani, pur di avere dei cadaveri reali da filmare per noi guardoni occidentali (nonchè da mostrare agli ispettori ONU in arrivo), abbiano tagliato loro stessi la gola ai bambini di Houla e lanciato loro stessi le granate a gas letale contro una fazione rivale a Ghouta. (Nel secondo caso, i ribelli sono stati aiutati da professionisti esterni, dotati di armi attribuibili ad Assad, per ingannare gli ispettori ONU.) Lo scopo di entrambe le messinscene: screditare il regime e quindi fornire agli USA un pretesto per intervenire militarmente al loro fianco. I ribelli sanno di non poter vincere altrimenti.
Quindi, in un caso come nell'altro, i mandanti involontari di queste messinscene orribili – recitate o fatte accadere realmente – siamo noi telespettatori occidentali. Infatti, questi video sono stati ideati e girati – usando attori sdraiati a terra o creando cadaveri reali da filmare – proprio per noi. I ribelli (e i loro suggeritori della CIA) sanno perfettamente che il telespettatore medio in Occidente s'interessa alla Siria solo se vede scene raccapriccianti; per cui sanno di dover – per forza – sfornare notizie ogni settimana più orrende perché il loro messaggio, a favore di un intervento armato, ci arrivi.
Spetta a noi, dunque, gli “utenti finali” (e quindi indirettamente i committenti) di queste notizie sensazionalistiche, porre un altolà. In che maniera?
Se non possiamo fermare gli “orrori ordinari” che vengono commessi in una guerra cruenta come quella siriana, possiamo perlomeno fermare i “mega orrori” che vengono deliberatamente messi in scena per condizionarci, boicottando i mass media che li divulgano. Così, facendo calare l'audience e quindi gli introiti pubblicitari di questi mass media, riusciremo ad imporre un silenzio stampa sulle notizie sensazionalistiche – come si fa per i sequestri. Con il risultato che, non avendo più riscontri nei media, le messinscene raccapriccianti cesseranno di essere realizzate. E noi non saremo più strumentalizzati.
Detto ciò, dobbiamo riconoscere che, in un certo senso, è un vero peccato – consentitemi un po' di ironia – che noi non possiamo reclutare questi abili sceneggiatori della CIA e farli lavorare invece per le popolazioni che l'Occidente bombarda di continuo. Sarebbero in grado di ideare servizi – questa volta basandosi su fatti reali, non messinscene o montature – che fanno vedere tutto l'orrore dei droni USA nello Yemen e nel Pakistan (dove i bambini vengono bruciati vivi per davvero) e dei bombardieri italiani e alleati in Afghanistan (dove perfino le feste di nozze vengono fatte saltare in aria dalle bombe occidentali). In pratica, video di eventi veri, ma realizzati in chiave sensazionalistica per “bucare” i tg occidentali e le prime pagine dei giornali. Sarebbe una trovata gentiale, no?
Certo, esistono già molti video realizzati da tempo sulle devastazioni causate dalle truppe occidentali nei paesi del terzo mondo. Ma questi video – girati soprattutto dai contadini del luogo e caricati malamente su YouTube – vengono totalmente ignorati dai nostri tg. Evidentemente, secondo i caporedattori, sono troppo rozzi, fatti senza criterio, rischiano di non fare audience. Servirebbero, dunque, davvero a questi contadini potersi avvalere di esperti in guerra psicologica e in video propaganda, disposti a passare dalla loro parte – altri Bradley Manning e Edward Snowden, per dire. (E qui finisce l'inciso ironico.)
L'ironia, infatti, sta nel fatto che il vero motivo – diciamocelo francamente – per il quale i video di questi contadini non vengono mostrati nei nostri tg è che i loro contenuti sono troppo scottanti: mettono sotto accusa l'Occidente. Toccano tasti dolenti. Per cui non servirebbe a nulla realizzarli con maggiore criterio, con l'aiuto di esperti – sarebbero censurati lo stesso.
Donde questo paradosso: noi in Occidente sappiamo più sugli orrori commessi dal governo alawita-sunnita in Siria di quanto non sappiamo sugli orrori commessi dal nostro stesso governo due anni fa in Libia e ininterrottamente, da dodici anni, in Afghanistan. I nostri tg ci mostrano i video di cadaveri carbonizzati solo se sono di siriani bombardati da Assad (o dai ribelli e poi attribuiti ad Assad per fare propaganda), ma non se sono di somali bombardati dai droni statunitensi, pilotati a partire dalla base di Sigonella in Sicilia.
A questo punto diventa chiaro perché, da oltre due anni, la CIA aiuta così tanto i ribelli siriani a realizzare video e a scattare foto ben messe in scena (con occasionali sbavature come nel video smontato da Santoianni) e comunque sempre più raccapriccianti. Questi video e queste immagini servono non solo ad incitare l'opinione pubblica occidentale a sostenere un intervento militare USA in Siria a fianco dei ribelli (l'obiettivo principale, già menzionato); ma servono anche a distrarre l'opinione pubblica occidentale dagli orrori commessi nel mondo dalle proprie forze armate, e da quelle dei loro alleati.
E' dunque anche per questo secondo motivo che i padroni dei mass media ci fanno focalizzare tutta la nostra attenzione sugli orrori commessi in Siria: per distogliere il nostro sguardo da ciò che fanno realmente le nostre missioni militari all'estero. Occhio non vede, coscienza non duole. Perchè se ne diventassimo davvero consapevoli, sicuramente insisteremmo perchè il governo ritiri subito le truppe dall'Afghanistan e chiuda subito la base droni di Signonella. Se diventassimo consapevoli che l'attuale guerra in Siria è una guerra per procura in cui noi occidentali siamo coinvolti dietro le quinte sin dall'inizio, allora ci schiereremmo recisamente contro ogni ulteriore intervento militare esterno in Siria e a favore di un blocco totale delle armi provenienti clandestinamente dalle nostre industrie belliche. Prima di fare pulizia in Siria, faremmo pulizia in casa nostra.
Ovviamente tutto ciò rovinerebbe i piani di egemonizzazione del mondo, tramite la proiezione delle proprie forze armate sull'intero pianeta, che la NATO Globale ha teorizzato quindici anni fa e votato a Chicago un anno fa. In compenso e in positivo, obbligherebbe i nostri governi a trattare con i paesi emergenti o già emersi, invece di cercare di sottometterli con la forza per ripartire le ricchezze naturali del mondo e per ricomporre le divisioni geopolitiche. E così, cercando di promuovere i nostri interessi con l'ingegno anziché con la violenza, diventeremmo finalmente una razza... umana.
Un sogno? Intanto possiamo cominciare a realizzarlo. Possiamo dedicarci, anzitutto, alla madre di tutte le battaglie politico-sociali: la lotta per spezzare il controllo delle informazioni da parte dei ceti dominanti, a partire dalla creazione di un autentico pluralismo ed equilibrio nei mass media. In che modo?
Possiamo cominciare la nostra lotta in piccolo, selezionando bene i media che usiamo per informarci, dando più spazio a quelli alternativi in Internet. Come si è già detto, possiamo boicottare e far boicottare i mass media dominanti che, pur di demonizzare un regime da rovesciare, si abbassano fino al punto di rifilarci bufale sensazionalistiche – come ha fatto la BBC la settimana scorsa (ma non è la prima volta). Possiamo imparare ad essere fruitori attivi dei media che parlano di attualità, commentando gli articoli che leggiamo – non con battute, ma con ragionamenti filati – e poi passando a scrivere recensioni e articoli per questi media, se sono aperti a contributi esterni. Non allo scopo di diventare giornalisti (seppure questo metodo è un ottimo primo passo), ma per chiarire i fatti e le nostre idee esponendoli per iscritto.
Infatti, lo scrivere affina la lettura. Più scriviamo sull'attualità e più capiamo gli articoli d'attualità altrui che leggiamo. E meno dipendiamo dai mezzibusti in tv per spiegarci come va il mondo. Diventiamo così cittadini autonomi e consapevoli. Pronti ad iniziare la seconda fase della lotta per spezzare il monopolio delle informazioni mainstream. Ma di questo parleremo in altra sede.
Patrick Boylan
Note:
la notizia data dal BBC: bbc.co.uk
smentita di Francesco Santoiani: francescosantoianni.it
un'ulteriore prova di falsità: (youtube.com

Il grande giornalista israeliano Gideon Levy incontra Suor Agnes-Mariam de la Croix, badessa carmelitana che vive in Siria. Una testimonianza preziosa per capire le menzogne costruite per rovesciare il governo siriano.

di Gideon Levy



Suor Agnes-Mariam de la Croix temeva che gli Stati Uniti avrebbero attaccato la Siria nella notte di Sabato. Si aspettava un attacco massiccio e disastroso per la Siria e l'intera regione. Secondo Suor Agnes-Mariam, ci sono oggi in Siria 150.000 combattenti jihadisti ben addestrati provenienti da 80 paesi, con le armi che hanno ricevuto da Arabia Saudita, Giordania, Turchia, e persino dagli Stati Uniti. Lei dice che alcuni di loro sono drogati con le pillole Captagon.


La suora vive in Siria ed è la badessa, o madre superiora, del Monastero di San Giacomo il Mutilato. Lei sostiene che questi combattenti jihadisti controllano il 60 per cento delle aree popolate della Siria. Lei sostiene che il gruppo  ribelle islamico-siriano Jabhat al-Nusra, che gli Stati Uniti hanno designato come un gruppo terroristico, è responsabile per gli atti di omicidi di massa, stupri e saccheggi che sono stati commessi in Siria. Lei sostiene anche i combattenti ceceni sono eccezionalmente crudeli e che, tra i combattenti stranieri, c’è un gran numero di prigionieri e cittadini di paesi occidentali rilasciati. Secondo lei, la maggior parte dei cittadini della Siria sostengono il regime del presidente Bashar Assad perché temono un cambio di gestione del paese da parte di estremisti islamici.

Lei chiede al mondo di non attaccare la Siria, e di fermare il flusso di combattenti stranieri nel suo territorio e la fornitura di armi che stanno ricevendo. Quando lei oggi viaggia in Siria, si sente come se fosse in Afghanistan o Somalia. Un attacco americano alla Siria farà male al suo esercito e aprirà la porta a un sequestro totale del paese da parte del movimento della jihad globale. Di questo è fermamente convinta. "Se questo regime sarà rovesciato," dice, "sarà peggio che in Iraq. Avrà conseguenze per il Libano, Israele e Giordania, e non è una situazione che promuoverà la sicurezza ".

Crede anche che le immagini delle vittime del presunto attacco chimico del mese scorso nella zona est di Damasco siano invenzioni.

Ho incontrato Suor Agnes-Mariam questa settimana in un convento nelle colline di Gerusalemme, non lontano da Abu Ghosh. Lei è in visita in Israele per un paio di giorni e la prossima settimana tornerà in Siria, dove ha vissuto negli ultimi 19 anni. La storia della sua vita è sorprendente come le sue dichiarazioni circa la situazione.

E 'nata Fadia al-Laham, 61 anni fa a Jounieh, Libano (i suoi genitori erano fuggiti da Nazareth nel 1948). Quando aveva 15 anni suo padre morì, e, come lei stessa ammette, alcuni anni dopo, divenne una
hippy che ha usato droghe vagando tra il Nepal e l'India. Sul palmo della mano ha ancora alcuni tatuaggi fatti in India - un ricordo di quella volta nella sua vita. Dice che ama ascoltare i Doors, i Rolling Stones e Santana. Le sue esperienze indiane l’hanno portata ad abbracciare una vita di clausura e, per 22 anni, ha vissuto nella solitudine più totale in un monastero carmelitano in una regione dell’altipiano del Libano.

Suor Agnes-Mariam si trasferì in Siria 19 anni fa e, insieme ad altre due suore, ricostruì le rovine di un monastero, sulla strada principale tra Damasco e Homs, non lontano dal villaggio di Qara. E 'diventata madre superiora del Monastero di San Giacomo Mutilato. Oltre alle suore del convento, ci sono 20 sunniti rifugiati che hanno cercato asilo dagli orrori della guerra.

È stata costretta a lasciare il monastero nel giugno 2012, dopo le insistenti minacce alla sua vita perché era sospettata di essere un agente del regime di Assad. Il suo monastero è situato tra la zona controllata dall'esercito siriano libero e la zona controllata dalle "legioni straniere".

Attualmente vive a Damasco ed è un attivista per la pace internazionale, cercando di mettere in guardia il mondo dei pericoli di una scalata jihadista del suo paese di adozione. Lei sta combattendo quello che considera un mucchio di bugie, cercando di contrastare la propaganda e la disinformazione nei media arabi e internazionali, e documentare le atrocità della guerra per l'organizzazione che ha stabilito. E 'arrivata questa settimana per visitare i parenti a Nazareth e per partecipare a una conferenza interreligiosa in Israele.

L’ho incontrata una prima volta ad una conferenza internazionale di pace a Kuala Lumpur, in Malesia, dove ha fatto uno splendido discorso e presentato video- clip scioccanti su quanto, a suo parere, fanno gli  jihadisti. Quando mi fu presentata, lei mi ha detto che ama Israele e che gli ebrei dovrebbero servire come una luce tra le nazioni. Sono rimasto sorpreso di apprendere che era venuta in Israele per una breve visita.

Come libanese, lei sostiene, non può essere sospettata di essere un agente del regime di Assad, perché il Libano è, come si vede, in realtà sotto l'occupazione siriana. Lei presenta questi argomenti per negare le accuse che sono state fatte contro di lei, tra cui l'accusa che lei è personalmente responsabile - nel gennaio 2012 - per la morte del giornalista francese Gilles Jacquier, 43 anni, un giornalista televisivo che era in missione per il canale francese France 2. Lei nega completamente ogni responsabilità per la sua morte, sostenendo che lei l’ha aiutato solo entrare in Siria.

Lei crede che il regime di Assad è l'unica cosa che può salvare la Siria da un sopravvento da parte di Al-Qaeda, e che la maggior parte dei siriani sostiene l'attuale regime. Questo, spiega, è la ragione per cui il presidente egiziano Hosni Mubarak è stato rovesciato così in fretta e perché Assad è ancora in piedi.

Alla fine del 2011, dice, ha cominciato a capire due cose: primo, che non c'era nulla di vero nelle notizie di una opposizione siriana rivolta ai principi democratici, e, dall'altro, che la ribellione era stata lanciata soprattutto da stranieri. In un primo momento, ricorda, sono stati indicati come forze non identificate; tuttavia, sottolinea, la loro vera identità emerse pochi mesi più tardi.

Quando il canale televisivo Al Jazeera del Qatar  riferì nelle prime fasi del combattimento che un massacro avesse avuto luogo in uno dei quartieri di Damasco circondato dall'esercito siriano, lei decise di verificare di persona quello che era successo, ed è stato sorprendente scoprire che la relazione era completamente falsa. Secondo Suor Agnes-Mariam, quando espresse le sue condoglianze al prete locale del quartiere, quello non riusciva a capire di cosa lei stesse parlando.

Nel dicembre 2011 si recò a Qusayr, dopo che era stato riferito che i civili erano stati massacrati dall'esercito siriano. Nell’ospedale locale furono mostrati i corpi di 100 civili che erano stati uccisi la sera prima; tuttavia, secondo la testimonianza sa lei raccolta, il massacro è stato veramente compiuto da bande di stranieri.

Suor Agnes-Mariam crede che le vittime siano principalmente causate dai combattimenti tra le stesse forze ribelli. E, in alcuni casi, l'esercito siriano collabora con l'Esercito Siriano Libero contro gli stranieri. A suo parere, gli stranieri vogliono la sharia islamica da applicare a tutte le sfere della vita in Siria, si stabiliscono tribunali popolari, e si giustiziano le persone. Per esempio, lei sostiene, il giudice che è stato nominato nella città settentrionale di Saraqib è in realtà uno che ripara pneumatici.

Negli ultimi mesi ha visitato Homs, Aleppo, Qusayr, e altri luoghi in cui ha avuto luogo la lotta. Inoltre, lei ha visitato ospedali e case private nei suoi sforzi per raccogliere prove per l’organizzazione Mussalaha (Riconciliazione) in Siria, di cui lei è la fondatrice del ramo internazionale.

Durante il presunto attacco chimico, il 21 agosto, lei era a Damasco. La settimana prima dell'attacco, racconta, un massacro scioccante è stato compiuto a Latakia, dove almeno 500 civili sono stati uccisi da organizzazioni appartenenti ad Al-Qaeda, ma i media mondiali hanno appena segnalato questo evento.

Per lei la Siria è tornata al periodo più barbaro della sua storia, e i media stanno in silenzio. Lei crede che Jabhat al-Nusra stia commettendo massacri sia di militari che di civili ed è una minaccia per tutto il mondo civile, specialmente Libano e Israele. Se il regime di Assad sarà rovesciato, una dittatura jihadista emergerà in Siria. Così, lei sostiene, gli Stati Uniti in realtà stanno contribuendo a rafforzare Al-Qaeda.

Suor Agnes-Mariam crede che le immagini della presunta aggressione chimica del mese scorso sono state fabbricate. La maggior parte dei civili in quella zona erano già fuggiti, lei sostiene, quindi come potevano esserci improvvisamente decine di bambini? Questa parte di Damasco ha ora 20.000 combattenti provenienti da Giordania, lei dice. Se sono state utilizzate armi chimiche, si chiede, perché le foto mostrano i medici e decine di persone in piedi nelle immediate vicinanze della scena dell'attacco senza maschere a gas o qualsiasi altra forma di protezione? Dopo tutto, dice, le armi chimiche potrebbe risultare pericolose per loro.

Nel primo presunto attacco chimico, in Aleppo - dove sono state impiegate armi chimiche introdotte dalla Turchia - i medici non hanno nemmeno il coraggio di avvicinarsi ai corpi delle vittime. Nei video clip che sono state diffuse in tutto il mondo e che presumibilmente documentano il più recente attacco chimico, si possono vedere decine di persone in piedi attorno ai corpi. Precisa che lei era a Damasco, quella notte, e che 50 corpi di soldati che erano soffocati, dopo essere stati uccisi dal gas nelle gallerie dell'esercito, sono stati evacuati in un ospedale. Lei sostiene che un battaglione islamico è stato responsabile di quell'attacco, e che questo è stato l'unico attacco chimico che abbia avuto luogo finora nella guerra civile siriana.

L'unica cosa che può fermare i jihadisti, sostiene, è l'esercito siriano. A suo parere, se l'attuale regime cade la situazione in Siria sarà peggio di quello che è oggi in Iraq. Ella implora il presidente degli Stati Uniti Barack Obama di non partecipare a quello che vede come un altro crimine di guerra, come un’altra atrocità commessa contro la popolazione civile. Non riesce a capire perché il mondo è determinato ad andare in guerra ora, perché, secondo lei, il risultato sarà che la Siria sarà controllata da caotici, gruppi estremisti.

Gli Stati Uniti non sono interessati a ciò che è meglio per il popolo siriano, sostiene, ma opera in conformità con i propri interessi. Inoltre, non si riesce a capire perché l'America vuole innescare un'altra guerra regionale, che porterà solo alla nascita di un regime islamico più crudele. "Perché vuoi [l'Occidente] innescare una guerra regionale per sostenere l'Islam radicale?" Chiede. "Perché?

"Gli Stati Uniti dicono di avere la prova, ma questo non basta. Sono una parte del conflitto, in modo che non può essere un giudice. E' molto pericoloso quando una nazione cerca di essere il giudice e la polizia del mondo. Questa non è la prima volta che hanno fatto un errore. "E aggiunge:" Non abbiamo bisogno di un’altra falsa guerra ".
 "Che cosa può fare l'Occidente?" Le abbiamo chiesto. Lei ha risposto che dovrebbe smettere di alimentare i ribelli con le armi. "E' uno scandalo quello che l'Occidente sta facendo."
(La traduzione dall'inglese è mia) 


"La verità proibita: Gli USA stanno fornendo armi chimiche ad Al Qaeda in Siria, Obama è un bugiardo e un terrorista"


 di Michel  Chossudovsky


14/06/2013

Chi ha oltrepassato la "Linea rossa" ? Barack Obama e John Kerry stanno sostenendo un'organizzazione terroristica sulla lista del Dipartimento di StatoIl presidente Obama sta creando le condizioni per un "intervento umanitario" accusando disinvoltamente il presidente siriano di uccidere il suo popolo?"A seguito di un'accurata analisi, i nostri servizi di intelligence stimano che il regime di Assad, nell'ultimo anno abbia usato più volte armi chimiche in piccole quantità, incluso l'agente nervino Sarin, contro l'opposizione", ha detto il consigliere per la sicurezza nazionale Ben Rhodes. "I nostri servizi di intelligence sono molto sicuri di questa valutazione dati i molteplici, indipendenti flussi di informazioni"."Obama ha informato il presidente Bashar Al Assad sulle 'importantissime consequenze' dovute all'aver oltrepassato la 'linea rossa'" per aver asseritamente utilizzato armi chimiche.Soldi e armi per Al QaedaQuella in corso è una saga delle "Armi di distruzione di massa", basata su prove contraffatte, del tipo di quella vista per l'Iraq. I media occidentali accusano coralmente e incessantemente il governo siriano di omicidi di massa premeditati, invitando la "comunità internazionale" ad intervenire per salvare il popolo siriano."La Siria ha oltrepassato la 'linea rossa' sulle armi chimiche. Come reagirà Obama?"L'"opposizione" siriana sta rivolgendo appelli agli USA ed ai suoi alleati per attuare una "no fly zone".A sua volta la Casa Bianca ha riconosciuto che la linea rossa "è stata oltrepassata", sottolineando che gli USA e i suoi alleati "aumenteranno l'ambito e l'entità dell'assistenza" ai ribelli.Il pretesto delle armi chimiche è usato per giustificare ulteriori aiuti militari ai ribelli, che sono stati in gran parte decimati dalle forze governative siriane.Queste forze di opposizione ribelli sconfitte - composte in gran parte dall'affiliata di Al Qaeda Al Nusrah - sono sostenute da Turchia, Israele, Qatar e Arabia Saudita.USA-NATO-Israele hanno perso la guerra di terra. I loro combattenti del Fronte Al Nusrah, che costituiscono le truppe di terra dell'alleanza militare occidentale, non possono, in ogni caso, essere rapidamente ricostituite attraverso un rinnovato flusso di aiuto militare USA-NATO.L'amministrazione Obama è ad un impasse: i suoi soldati di terra sono stati sconfitti. Una "no fly zone" sarebbe, a questo punto, una proposta rischiosa dato il sistema di difesa aerea siriano, che comprende il sistema russo S300 SAM.USA-NATO stanno addestrando i ribelli dell' "opposizione" all'uso di armi chimicheLe accuse di armi chimiche sono falsificate. Per amara ironia, l'evidenza conferma ampiamente che le armi chimiche sono usate non dalle forze governative siriane ma dai ribelli di Al Qaeda sostenuti dagli USA.In una logica contorta in cui la realtà è rovesciata, il governo siriano è accusato delle atrocità commesse dai ribelli affiliati ad Al Qaeda e sponsorizzati dagli USA.I media occidentali stanno alimentando di disinformazione la catena dei media, smentendo disinvoltamente le proprie informative. Confermato da varie fonti, CNN compresa, l'alleanza militare occidentale non solo ha reso disponibili armi chimiche al Fronte Al Nusrah, ma ha anche inviato contractor militari e forze speciali per addestrare i ribelli:L'addestramento [con le armi chimiche], che sta avendo luogo in Giordania e Turchia, comporta, secondo le fonti, il controllo e la messa in sicurezza delle scorte e come gestire i depositi di armi e i materiali.Alcuni dei contractor stanno sul campo in Siria lavorando con i ribelliper monitorare alcuni dei siti, secondo uno dei funzionari.La nazionalità degli addestratori non è stata rivelata, sebbene i funzionari abbiano messo in guardia dal ritenere che siano tutti americani. (CNN, 9 dicembre 2012, grassetto aggiunto).Se per un verso i reportage non confermano l'identità dei contractor della difesa, le dichiarazioni ufficiali suggeriscono una stretta relazione contrattuale con il Pentagono:La decisione degli USA di assumere contractor inaffidabili per addestrare i ribelli siriani a gestire i depositi di armi chimiche appare pericolosamente irresponsabile in sommo grado, specie considerando quanto Washington sia stata finora incapace di garantire che i suoi aiuti e le armi che gli alleati negli stati del golfo arabico hanno fornito, siano pervenuti solo a ribelli degni di fiducia e laici - ammesso che ne esistano.Questo alimenta anche le accuse fatte recentemente dal ministero degli Esteri siriano secondo cui gli USA stanno lavorando per incastrare il regime siriano per aver usato o preparato una guerra chimica."Quello che solleva preoccupazioni riguardo queste notizie circolate nei media è la nostra seria preoccupazione che alcuni dei pesi che sostengono il terrorismo e i terroristi possa fornire a gruppi armati terroristi, armi chimiche e sostenere che è stato il governo siriano ad usare quelle armi", dicevano le lettere. (John Glaser, Us Defense Contractors Training Syrian Rebels, Antiwar.com, 10 dicembre 2012, grassetto aggiunto).Non facciamoci illusioni. Questa non è un'esercitazione di addestramento per i ribelli alla non-proliferazione delle armi chimiche.Mentre il presidente Obama accusa Bashar Al Assad, l'alleanza militare USA-NATO sta fornendo armi chimiche ad Al Nusrah, un'organizzazione terroristica sulla lista del Dipartimento di Stato.Con tutta probabilità l'addestramento dei ribelli di Al Nusrah all'uso di armi chimiche è stato intrapreso da contractor militari privati.La missione indipendente delle Nazioni Unite conferma che le forze ribelli sono in possesso di gas nervino SarinMentre Washington punta il dito al presidente Bashar Al Assad, una commissione d'inchiesta indipendente delle Nazioni Unite ha confermato nel maggio 2013 che i ribelli, piuttosto che il governo, sono in possesso di armi chimiche e stanno usando gas nervino Sarin contro la popolazione:Gli ispettori per i diritti umani delle N.U. hanno raccolto testimonianza dai feriti della guerra civile siriana e da personale medico, indicanti chele forze ribelli hanno usato l'agente nervino Sarin, ha dichiarato domenica uno dei principali ispettori.La commissione indipendente delle Nazioni Unite di inchiesta sulla Siria non ha ancora visto prove che le forze governative abbiano usato armi chimiche, le quali sono bandite dal diritto internazionale, ha detto il membro della commissione Carla Del Ponte."I nostri ispettori sono stati i paesi vicini intervistando vittime, dottori e ospedali da campo e, secondo i loro rapporti della scorsa settimana che io ho visto, ci sono forti, concreti sospetti, ma non ancora prove incontrovertibili, dell'uso di gas sarin, in base al tipo di cure prestate alle vittime", ha detto Del Ponte in un'intervista ad una televisione della Svizzera italiana."Questo è stato usato da parte dell'opposizione, dai ribelli, non dalle autorità governative", ha aggiunto parlando in italiano. ("U.N. has testimony that Syrian rebels used Sarin gas: investigator", Chicago Tribune, 5 maggio 2013, grassetto aggiunto).Rapporto della polizia turca; gli USA hanno tollerato che i terroristi di Al Nusrah possedessero armi chimicheSecondo l'agenzia di stato turca Zaman, la Direzione generale di sicurezza turca (Emniyet Genel Müdürlüü):[La polizia ha] bloccato 2 kg di gas Sarin nella città di Adana nelle prime ore di ieri mattina. Le armi chimiche erano in possesso di terroristi di Al Nusrah che si ritiene fossero diretti in Siria.Il gas Sarin è una sostanza incolore e inodore che è estremamente difficile da scoprire.Il gas è stato bandito dalla Convenzione sulle armi chimiche del 1993.La EGM [polizia turca] ha identificato 12 membri della cellula terrorista Al Nusra e ha bloccato anche armi da fuoco e apparecchiature digitali. Questa è la seconda principale conferma ufficiale dell'uso di armi chimiche da parte dei terroristi di Al-Qaeda in Siria dopo la recente dichiarazione dell'ispettore delle N.U. Carla Del Ponte che ha confermato l'uso di armi chimiche in Siria da parte dei terroristi sostenuti dall'occidente.La polizia turca sta conducendo ulterori indagini sulle operazioni di gruppi legati ad Al-Qaeda in Turchia. (Per ulteriori dettagli vedere Gearóid Ó Colmáin, "Turkish Police find Chemical Weapons in the Possession of Al Nusra Terrorists heading for Syria", GlobalResearch.ca, 30 maggio 2013)Chi ha oltrepassato la "Linea rossa" ? Barack Obama e John Kerry stanno sostenendo un'organizzazione terroristica sulla lista del Dipartimento di StatoQuello che si va realizzandosi è uno scenario diabolico - parte integrale della pianificazione militare USA - precisamente una situazione in cui terroristi dell'opposizione del Fronte al Nusrah consigliati da contractors occidentali sono incredibilmente in possesso di armi chimiche.L'occidente sostiene che sta arrivando per salvare il popolo siriano, le cui vite sono asseritamente minacciate da Bashar Al Assad.Obama non solo ha "oltrepassato la linea rossa", sta sostenendo Al Qaeda. E' un bugiardo e un terrorista.La verità proibita, che i media occidentali hanno mancato di rivelare, è che l'alleanza militare USA-NATO-Israele non solo sta sostenendo il Fronte Al Nusrah, ma sta anche mettendo armi chimiche a disposizione delle forze ribelli di "opposizione" a loro vicine.La questione più generale è: Chi è una minaccia per il popolo siriano? Il presidente siriano Bashar al Assad o il presidente americano Barack Obama, che ha ordinato il reclutamento e l'addestramento di forze terroriste che sono sulla lista nera del Dipartimento di Stato?Per amara ironia, secondo l'ufficio anti-terrorismo del Dipartimento di Stato USA, il presidente Obama ed il Segretario di Stato John Kerry, per non parlare del senatore McCain potrebbero essere ritenuti responsabili di "aver fornito coscientemente, o tentato o cospirato per fornire, supporto materiale o risorse, o di aver effettuato transazioni con il Fronte al-Nusrah":Il Dipartimento di Stato ha emendato le designazioni di al-Qa'ida in Iraq (AQI) del Foreign Terrorist Organization (FTO) e dell'Executive Order (E.O.) 13224 per includere i seguenti nuovi pseudonimi: Fronte al-Nusrah, Jabhat al-Nusrah, Jabhet al-Nusra, Il Fronte della Vittoria, e Fronte Al-Nusrah per il popolo del levante. Le conseguenze dell'aggiunta del Fronte al-Nusrah come nuovo pseudonimo per AQI include la proibizione di fornire consapevolmente o di tentare o di cospirare per fornire, supporto materiale o risorse o di aver effettuato transazioni con il Fronte al-Nusrah ed il congelamento di tutte le proprietà e interessi nella proprietà dell'organizzazione che sono negli Stati Uniti, o arrivano negli Stati Uniti o sotto il controllo di statunitensi (grassetto aggiunto).L'avviso del Dipartimento di Stato ammette che dal novembre 2011 al dicembre 2012:"Il Fronte Al-Nusrah ha rivendicato circa 600 attacchi - da oltre 40 attacchi suicidi a operazioni con armi leggere o ordigni esplosivi improvvisati - nei principali centri cittadini inclusi Damasco, Aleppo, Hamah, Dara, Homs, Idlib e Dayr al-Zawr. Dutante questi attacchi numerosi siriani innocenti sono stati uccisi. …"L'avviso conferma anche che "gli Stati Uniti intraprendono questa azione [di inserire il Fronte Al Nusrah nella lista nera] nel contesto del nostro sostegno globale al popolo siriano. …"Quello che omette di menzionare è che l'amministrazione Obama continua a far affluire denaro e armi ad Al Nusrah in lampante disprezzo della legislazione anti-terrorismo USA.L'"intermediario" di Washington: il generale Salem IdrissL'"intermediario" di Washington è il capo del Consiglio militare supremo dell'esercito siriano libero, che è in contatto permanente con i comandanti militari di Al Nusrah.Il Segretario di Stato John Kerry incontra i rappresentanti dell'opposizione siriana. Funzionari USA incontrano il genarale Idriss. Quest'ultimo, agendo per conto del Pentagono, fa affluire denaro e armi ai terroristi. Questo modello di supporto ad Al Nusrah è simile a quello realizzato in Afghanistan negli anni '80 laddove il governo militare pakistano del generale Zia Ul Haq riforniva di armi gli jihadisti "Combattenti per la Libertà" al culmine della guerra sovieto-afghana.Gli aiuti USA ai terroristi sono sempre inviati attraverso un intermediario fidato. Secondo un funzionario dell'amministrazione Obama: "Se da un lato gli Stati Uniti possono avere influenza sul generale Idris, non hanno però modo di controllare alcuni jihadisti - come il Fronte Nusra, che pure stanno combattendo le froze governative siriane". (New York Times, 23 maggio 2013)John McCain entra in Siria, si mescola con terroristi sponsorizzati dagli USANel frattempo, il senatore John McCain "è entrato in Siria [all'inizio di giugno] dal confine con la Turchia e si è trattenuto alcune ore ... McCain si è incontrato con i dirigenti di unità dell'Esercito Siriano Libero sia in Turchia che in Siria".Il ruolo contraddittorio del Consiglio di sicurezza delle Nazioni UniteA fine maggio 2013, il Consiglio di sicurezza dell'ONU ha aggiunto Al Nusrah alla sua "Lista delle sanzioni di Al-Qaida".Al tempo stesso, tuttavia, la decisione del Consiglio di sicurezza ha distrattamente ignorato il fatto, ampiamente documentato, che tre membri permanenti del Consiglio, cioè Gran Bretagna, Francia e Stati Uniti continuano a fornire aiuto militare al Fronte Jabbat Al Nusrah, in sprezzo della legge internazionale e della carta dell'ONU


Ha fatto bene Snowden a fuggire dagli Stati Uniti


L’autore di questo commento, pubblicato suwww.sinpermiso.info e ripreso dal giornale cubano Granma, è Daniel Ellsberg. Attivista dei diritti civili, nel 1971 passò al quotidiano The New York Times importanti rivelazioni sul coinvolgimento degli Stati Uniti in Vietnam, le così dette Carte del Pentagono. Nato nel 1931, ha un dottorato in economia ad Harvard ed è l’autore del “paradosso di Ellsberg”, sulla teoria matematica della decisione.(Alessandra Riccio)
Daniel Ellsberg
Ha fatto bene Snowden a fuggire dagli Stati Uniti
Molta gente paragona in maniera sfavorevole Edward Snowden con me per aver abbandonato il paese e aver chiesto asilo, invece di affrontare il processo, come ho fatto io. Il paese nel quale io sono rimasto era un Nordamerica diverso, molto tempo fa.
Dopo che fu impedito al New York Times di pubblicare le Carte del Pentagono il 15 giugno 1971, prima censura preventiva a un quotidiano della storia nordamericana e dopo che io ebbi consegnato un’altra copia al The Washington Post (al quale pure fu proibita la pubblicazione), sono entrato in clandestinità insieme a mia moglie, Patricia, per tredici giorni. Il mio scopo (abbastanza simile a quello di Snowden quando è andato a Hong Kong) era quello di eludere la vigilanza mentre preparavo, con l’aiuto fondamentale di una serie di persone ancora sconosciute all’FBI, la distribuzione sequenziale delle Carte del Pentagono ad altri 17 giornali, in vista di altre due proibizioni. Gli ultimi tre giorni di questo periodo li ho passati nonostante ci fosse un ordine di cattura: proprio come Snowden oggi, sono stato un ricercato dalla giustizia.
Però quando mi sono costituito per essere arrestato a Boston, dopo aver inoltrato le ultime copie delle carte in mio possesso la notte precedente, sono tornato in libertà su cauzione quel giorno stesso. In seguito, quando si sono aggravate le accuse contro di me, passando dalle tre imputazioni iniziali a una dozzina, per cui rischiavo una sentenza di 115 anni, la cauzione è aumentata fino a 50.000 dollari. Ma durante i due anni del processo, sono stato libero di parlare con la stampa e nelle manifestazioni e conferenze pubbliche. In fin dei conti io facevo parte di un movimento contrario a una guerra ancora in corso. La mia principale preoccupazione era quella di aiutare a far finire quella guerra. Non avrei potuto farlo dall’estero e non mi è mai passato per la testa di lasciare il mio paese.
Non c’è la più piccola possibilità che questa esperienza possa ripetersi al giorno d’oggi, per non parlare del fatto che un processo possa essere dichiarato concluso se rivela azioni della Casa Bianca contro un accusato, azioni che nell’era di Richard Nixon erano chiaramente criminali e che sono state parte in causa nelle sue dimissioni prima di affrontare l’impeachment, ma che adesso sono considerate tutte legali, compreso il tentativo di dichiarami totalmente incapace.
Spero davvero che le rivelazioni di Snowden scatenino un movimento che riscatti la nostra democrazia, ma lui non potrebbe far parte di questo movimento se fosse rimasto qui. Le possibilità che sia lasciato in libertà dietro cauzione se tornasse adesso sono inesistenti e quasi inesistente la possibilità della libertà dietro cauzione se non avesse abbandonato il paese. Anzi, starebbe in una cella di un penitenziario come Bradley Manning, in isolamento.
Starebbe in totale isolamento, anche più lungo di quello sopportato da Manning durante i suoi tre anni di carcere prima dell’inizio, recente, del processo. Il Relatore Speciale per la Tortura delle Nazioni Unite, ha descritto le condizioni di Manning come crudeli, disumane e degradanti (questa prospettiva realista dovrebbe dare adito a che la maggioranza dei paesi concedesse asilo a Snowden, ammesso che ce la facessero a resistere all’intimidazione e al tentativo di corruzione da parte degli Stati Uniti).
Snowden crede di non aver fatto niente di male. Sono completamente d’accordo. Più di 40 anni dopo la pubblicazione non autorizzata delle Carte del Pentagono da parte mia, queste rivelazioni sono la linfa vitale di una stampa libera e della nostra repubblica. Una delle lezioni delle Carte del Pentagono e delle rivelazioni di Snowden è semplice: il segreto corrompe proprio come il potere corrompe.



Lettera ad un delinquente che mi ha sputato

di Gideon Levy


domenica 26 maggio 2013

articolo pubblicato in HAARETZ


Queste righe sono prevalentemente dedicate ad un lettore - tu, il delinquente che mi è venuto alle spalle venerdì nel tardo pomeriggio sulla strada fuori del Mercato del Carmelo di Tel Aviv. Mi hai minacciato di picchiarmi e hai gridato  con voce rauca e con le vene del collo che sembravano scoppiarti :  “sinistroide” , “Nemico di Israele” e “Amico degli arabi” per non parlare dei commenti   volgari  e irripetibili nella tua lingua madre inglese e in ebraico accentato. Poi sputi in faccia a  me e alla mia compagna  Catrin.
Non sei il primo ad attaccarmi  per la strada in quel modo e probabilmente non sarai l’ultimo, ma tu sei il primo a sputare. Mi sono arrabbiato con te, ti ho  preso a calci nel sedere, mi sono asciugato  lo sputo, ma non l’insulto. Alcuni dei curiosi ti appoggiavano, ma  la mia curiosità era più grande della  loro.
Cosa ti ha spinto ad attaccare un uomo e una donna ? Da dove viene questa rabbia  senza che  alcuna parola sia stata  pronunciata  tra di noi? Che cosa ti  ha portato a tanta furia, probabilmente non pianificata? Come è possibile che tra tante persone il tuo odio e la tua rabbia  tu li abbia diretti contro di me che scrivo  per un giornale di dimensioni modeste, i cui articoli sei invitato  a non leggere ?
Lasciamo le diagnosi psicologiche  ai professionisti. E ‘possibile che i flussi di rabbia scaturiscano proprio per  il semplice fatto che nel profondo del tuo cuore, nel profondo della tua   coscienza non sviluppata, ci sia  ancora qualche dubbio sul fatto che tu abbia ragione   circa il percorso che si sta cercando di proteggere con la saliva?
Dopo tutto, se tu fossi così certo di aver ragione  personalmente non mi preoccuperei tanto. Forse volevi farmi tacere. Hai pensato che il tuo  sputo  avrebbe modificato  la mia opinione  o  mi avrebbe  spinto a cambiare  professione  facendomi  tacere  per sempre.
Hai pensato che mi piace  criticare Israele che amo  e per il cui futuro ho più timori di te. Volevo dirti che forse dovresti tornare da dove sei venuto,  negli  Stati Uniti o in  Gran Bretagna . Non  abbiamo bisogno di  persone violente qui,  ne abbiamo più che  a sufficienza di persone di questo tipo che   sostengono  di essere  sionisti  e   di  amare Israele.  Quindi voglio chiederti: che  Israele,vuoi?
Sei cresciuto in un paese  altrettanto democratico come Israele. I frammenti  della reputazione del tuo   nuovo paese si basano sui resti della sua democrazia  che si desidera mettere a tacere con la tua saliva e il tuo corpo. Pensi davvero che un Israele senza rappresentanti  del campo della pace, senza l’ Alta Corte di Giustizia, senza  gruppi per i diritti umani, senza  Haaretz, senza coloro che  ”odiano Israele” e sono  ”amanti  degli  arabi” e anche senza il sottoscritto sarebbe  un paese migliore?Meno abominevole?

Immagina l’Israele dei tuoi sogni. Un coro omogeneo e  nazionalista  che esalta  il razzismo e l’odio senza musica di sottofondo, con un  esercito senza pietà (e nei tuoi sogni senza  critica). Vuoi davvero vivere in un paese così? Se è così, tu e chi la pensa come te  meritate   di vivere in un tale stato, ma  purtroppo per voi ci sono ancora altri  che meritano qualcosa di diverso. Sognano  una società più giusta  e sono anche disposti a prendere il vostro sputo per essa. Probabilmente   ti sei vantato  con gli amici e i  familiari, ma a me  hai fatto vedere ciò che  devo portare avanti ad ogni costo :  gente come te costituisce oggi  la maggioranza, ma se diventerete tiranni assoluti  il sogno , anche se di pochi, sarà davvero finito. Ciò che è caduto oggi su questi pochi  è sputo, non pioggia .


(traduzione dall'inglese di Diego Siragusa)


Antonio María Rouco Varela.JPG
IL CARDINALE DI MADRID È MOLTO ARRABBIATO: CON LA DESTRA AL POTERE NON È CAMBIATO NIENTE
da Adista Notizie n. 17 del 04/05/2013
37146. MADRID-ADISTA. «Persiste la crisi economica», «persiste l’assenza di protezione legale del diritto alla vita dei nascituri o alla dovuta attenzione agli anziani e agli emigranti»; «persiste la mancanza di protezione adeguata per la famiglia e la natalità, specialmente per le famiglie numerose». Nella ripetizione martellante di questo “persistere”, tutta l’insoddisfazione del cardinale di Madrid, card. Antonio María Rouco Varela, per l’azione del governo spagnolo che pure da più di un paio d’anni è guidato da Mariano Rajoy e dal suo Partito Popolare: non è cambiato niente da quando c’era il socialista José Luis Rodríguez Zapatero, non una virgola sulle questioni che la Chiesa reputa più importanti.
Nel discorso con cui ha inaugurato la 51.ma Assemblea plenaria dei vescovi spagnoli (15-19/4) Rouco ha manifestato tutta la sua sorpresa: «Non è facile capire – ha detto – che ancora non si possa contare su un progetto di legge che permetta una protezione efficace del diritto alla vita di esseri innocenti». È «urgente la riforma in profondità della legislazione vigente» che il cardinale giudica radicata «nell’assurdo etico e giuridico del diritto di qualcuno a togliere la vita ad esseri umani che stanno per nascere». Altrettanto «urgente è la riforma della nostra legislazione sul matrimonio», ammesso in Spagna anche per soggetti dello stesso sesso. «Non si tratta – ha affermato – di privare qualcuno dei suoi diritti, né di invasione legale nell’ambito di opzioni intime personali. Si tratta di restituire a tutti gli spagnoli il diritto di essere espressamente riconosciuti dalla legge come sposo e sposa», di «proteggere un diritto tanto fondamentale per i bambini come quello di avere una chiara relazione di filiazione con un padre e un madre». E «ancora si aspetta – ha lamentato l’arcivescovo di Madrid – una legislazione più giusta sulla libertà di insegnamento, in concreto l’effettivo esercizio del diritti fondamentale dei genitori di scegliere per i loro figli la formazione etica e religiosa che desiderano». Nella formazione scolastica «c’è un deterioramento progressivo» dovuto anche alla «imposizione di materie impregnate di relativismo ed ideologia di genere», ha segnalato riferendosi alla materia di “Educazione alla cittadinanza”, una sorta di etica civica, introdotta dal governo Zapatero (v. Adista Notizie n. 36/12).
La situazione economica rimane «difficile», «le tensioni sociali non sembrano diminuire», ha ancora constatato. E se i «i cittadini continuano a mostrare un ammirevole spirito civico», «tuttavia è necessario vigilare perché il delicato equilibrio della pace sociale non soffra gravi alterazioni».
Il Partito Popolare è imbarazzato
Del discorso inaugurale di Rouco, peraltro in contemporanea con l’udienza di papa Francesco a Mariano Rajoy, sono state le parole sull’aborto a destare le maggiori polemiche. Anche perché il ministro della Giustizia Alberto Ruiz Gallardón ha risposto immediatamente, facendo infuriare l’opposizione, che il progetto di riforma è «pronto», vedrà la luce fra due-tre mesi. «Il Psoe (il partito socialista spagnolo, ndr) non consentirà che governi Rouco–Varela», ha ribattuto Elena Valenciano, vicesegretaria generale del partito. «Se il governo del Pp modificherà la legge sull’aborto nel solco dei voleri dei vescovi, già annuncio che il Psoe esigerà che si denunci la revisione del 1979 del Concordato con la Santa Sede», ha aggiunto costringendo a parole prudenti il portavoce parlamentare del Partito Popolare Alfonso Alonso, che ha dichiarato: «La legge che stiamo preparando non piacerà sicuramente ai vescovi», perché «i vescovi li si ascolta – ha aggiunto – ma non sono i vescovi che governano».
In effetti, è probabile che la riforma non sarà ancora abbastanza restrittiva agli occhi dell’episcopato, più propenso alla definizione dell’aborto come reato, magari evitando il carcere alle donne, ma certo pare che secondo la nuova normativa non si potrà più abortire senza fornire motivate giustificazioni a monte della scelta, come la legge riveduta nel 2010 consentiva entro la 14 settimana. La bozza attuale prevede che siano due i medici a valutare la situazione, anche in caso di stupro, malformazione del nascituro, seri danni fisici e psicologici.
È la terza volta che il governo di Rajoy mette mano alla riforma sull’interruzione volontaria della gravidanza senza venirne a capo. Non è compito facile per il Partito Popolare, che non vuole essere schiacciato sull’episcopato per non perdere elettori. Basta considerare che nella dichiarazione dei redditi del 2011 solo il 34,83% del totale dei contribuenti ha apposto la firma nella casella del 7% da destinare alla Chiesa cattolica, e che un recentissimo sondaggio ha raccolto questi dati: l’84% dell’intera popolazione desidera un nuovo Concordato, il 73% chiede che la Chiesa cattolica non riceva trattamenti speciali dallo Stato, soprattutto in materia fiscale (qui la cifra sale all’82%) e che l’88% dei cattolici (e il 73% di quanti si definiscono praticanti) desidera che si ponga fine all’attuale discriminazione della donna nella Chiesa. (eletta cucuzza)






Il governo austriaco: armare l’opposizione siriana è illegale secondo la legge internazionale



24 maggio 2013  - Tra i governi delle nazioni membri dell'UE circola un documento ufficiale del governo austriaco che si oppone alla proposta britannico-francese di togliere l’embargo di armi all'opposizione siriana. Pubblicato il 13 maggio, il documento austriaco è un contributo alla discussione in vista del vertice dei ministri degli Esteri UE del 27 maggio, in cui si deciderà dell’embargo UE che scade il 1 giugno.

Il documento, di cui la Reuters ha ricevuto copia, riassume in modo molto efficace i motivi per cui togliere l’embargo sarebbe politicamente e legalmente inaccettabile.

Le ragioni politiche date sono le seguenti:

Togliere l’embargo minerebbe la recente iniziativa USA-Russia per giungere ad una soluzione politica.
La Coalizione Nazionale Siriana non ha il controllo sui ribelli all’interno della Siria. Inoltre non si dissocerà da gruppi quali Al Nusra.
Ci sono già fin troppe armi in Siria. Altre forniture rischiano di cadere nelle mani di gruppi antidemocratici.
Fornire altre armi metterebbe in pericolo le forze di pace UNDOF, alcuni membri delle quali sono stati recentemente rapiti.
Anche le argomentazioni giuridiche sono solide, in quanto la fornitura di armi all’opposizione "violerebbe il diritto internazionale e le leggi UE":

La fornitura di armi "equivale ad una violazione del principio di non intervento e del principio del non uso della forza previsti dall’ Art. 2, 4 della Carta dell'ONU".
Violerebbe inoltre la posizione comune UE sul controllo dell’esportazione di armi.
Equivarrebbe "ad una violazione delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza che stabiliscono l’embargo sulle armi contro individui ed entità associate ad Al-Qaeda".
"Gli stati membri che forniscono armi all’opposizione siriana si macchierebbero di assistenza in atti illegali secondo la legge internazionale".
Il fatto che l’opposizione ufficiale non "controlli i ribelli" è stato ammesso candidamente dal Generale Salim Idriss, l’uomo scelto dall’occidente per guidare l’opposizione militare al governo Assad, che ha sede in Turchia. In un’intervista al giornalista del McClatchy News David Enders, pubblicata il 7 maggio, il generale ha ammesso di avere pochi contatti con le unità di ribelli all’interno della Siria, e nessuna autorità diretta su alcune delle sue fazioni.

La posizione chiarissima del governo austriaco mette i bastoni tra le ruote ai piani francesi e britannici di indurre l’UE a fornire armi pesanti all’opposizione siriana, che in larga parte è composta da elementi stranieri. Stando ai resoconti della stampa austriaca, il Regno Unito ha chiesto a Vienna di non far circolare questo documento, ma il governo l’ha fatto lo stesso.



La posizione austriaca, così come quella ribadita più volte dai russi, afferma chiaramente che armare i ribelli in Siria equivale ad una palese violazione del diritto internazionale. Ma è anche vero che i leader UE non si sono preoccupati di violare il diritto internazionale in molti casi, come in Iraq e Libia, per non parlare delle violazioni delle leggi UE con la politica di salvataggi bancari.


L’Isis è una creazione dell’Occidente

testimonianza di Monsignor George Abou-Khazen



Il Monsignor George Abou-Khazen, francescano della Custodia di Terra Santa è vescovo della città siriana di Aleppo. Vive da 11 anni in Siria ed è la testimonianza diretta di una delle più sanguinose guerre dell’ultimo secolo. "Noi lo sappiamo bene. Tutti quanti lo sanno e tutti quanti ne sono consapevoli ma tutti quanti fanno finta di non sapere: l’Isis è stato creato dalle potenze occidentali". Monisgnor George Abou-Khazen
Blog- Cosa succede in Siria?
Mons. George – La situazione è molto difficile, come tutti sanno, e purtroppo questa situazione drammatica sta spingendo la gente a fuggire e a scappare. Ci sono varie ragioni per cui queste persone scappano e fuggono, come la sofferenza o il pericolo della morte. Ci sono molte aree (in Siria, ndr) dove è impossibile vivere a causa di questa guerra civile e intestina. Purtroppo la Siria si sta ormai svuotando della sua popolazione. E chi parte? Partono i giovani, quindi una nazione senza giovani è anche una nazione senza un futuro. Parte la gente istruita, qualificata.
Blog– Cosa sta facendo l’Europa?
Mons. George – Noi ringraziamo l’Europa per il suo senso umano e per l’accoglienza di questi profughi, però siamo di questo avviso: "Perché invece di curare gli effetti non si va subito alla radice, ovvero alla causa?" E’ risolvendo il problema alla radice che si risolve il problema dei profughi. Invece di armare i vari gruppi, addestrarli e incitarli a combattere l’uno contro l’altro, perché non obbligarli a stare insieme, a dialogare, a fare la pace? Certo, è un po’ difficile, ma non impossibile.
Blog– Molti analisti parlano della guerra siriana come una “guerra per procura”...
Mons. George – Purtroppo anche noi pensiamo sia una guerra per procura. Ognuno di questi gruppi armati fa capo a un Paese esterno che lo arma e lo finanzia. Quindi, volendo, questa guerra si può arrestare.
Blog – Gli Usa chiedono le dimissioni di Assad, Mosca vuole che resti al potere per aprire una transizione pacifica. Chi ha ragione dei due?
Mons. George – Gli americani dicono che per risolvere tutto Assad deve lasciare, ma lasciare che cosa? E il vuoto che si creerà? I russi invece dicono che Assad è un presidente di una nazione libera e indipendente, rieletto dalla sua stessa popolazione, lasciate che sia la sua popolazione a decidere se deve rimanere o deve andar via. E credo che questa sia la posizione più giusta.
Blog– Crede che un intervento militare della Nato possa essere la soluzione?
Mons. George – Noi siamo contrari a qualsiasi intervento militare. La guerra non ha mai risolto questioni. Noi siamo convinti al 100% che quello che loro credono di fare con un intervento militare si può fare in modo pacifico. Basta chiudere il rubinetto e le cose andranno bene.
Blog – La Germania ha annunciato di voler accogliere i rifugiati siriani, ma poi ci ha ripensato. Anche gli Usa si sono aperti all'accoglienza. Secondo lei perché?
Mons. George – L'Europa del Nord e gli Stati Uniti si sono detti pronti ad accogliere questi siriani, è vero, ma io credo che lo abbiano fatto per ripulirsi un po' la coscienza, perché non ce l'hanno tanto pulita.
Blog – A cosa si riferisce?
Mons. George – Vedete, oggi la comunità internazionale si trova nella difficoltà di voler mettere pace, ma continua a vendere armi e queste armi sono mescolate col sangue degli innocenti. Quindi, per favore, il mio appello è questo: non vendete più armi. Tra l'altro, noi sappiamo anche che l’Isis oggi è in possesso di giacimenti di petrolio e di gas, e che lo sta vendendo. Ma chi lo sta comprando?
Blog – La Turchia?
Mons. George – Sì la Turchia e qualche altro Paese tramite la Turchia. La cosa più pericolosa però è che stanno vendendo tutto il tesoro artistico e archeologico dell’Iraq e della Siria. Ciò che non possono vendere, invece, lo stanno distruggendo. Stiamo parlando di un giro di miliardi per queste opere artistiche.
Blog – Eppure, nonostante gli stalli, i negoziati di adesione di Ankara all’Ue sono ancora aperti…
Mons. George – La Unione Europea aveva cominciato un processo che per noi era logico: a chi voleva essere membro o avere delle relazioni con l’Unione Europea aveva imposto delle regole, come i diritti dell’uomo, la libertà religiosa, eccetera. E speriamo che l’Europa continui su questo percorso, perché con quello che stiamo vedendo, anche nella stessa Turchia ad esempio, dove c'è un radicalismo religioso che pian piano sta nascendo. Prima era un Paese laico, mentre oggi i governanti non sono più laici, bensì islamici. E poi noi abbiamo una esperienza poco felice (con la Turchia, ndr), perché molti di questi combattenti stranieri provengono proprio da lì. Insomma, io credo che aprire gli occhi non faccia mai male.
Blog – L’Isis cos’è?
Mons. George – C’è questa organizzazione dello Stato Islamico che occupa gran parte della Siria, dicono più del 50% del territorio, quello dove c’è la ricchezza nel sottosuolo, ovviamente, e dove ci sono poche persone. Il punto è che noi lo sappiamo bene. Tutti quanti lo sanno e tutti quanti ne sono consapevoli, ma fanno finta di non sapere. La nostra lettura è questa: dalle potenze occidentali è stato creato l’Isis, che oggi è sostenuto anche da altri Stati come quelli del Golfo.
Blog – Torniamo ai rifugiati: come fermare gli sbarchi?
Mons. George – Mi domando perché l’Europa e l’Occidente, che stanno sfruttando quest’Africa per cercare oro e petrolio, non pensano di fare un piano di sviluppo per questa povera gente. Cioè, creategli nel loro Paese delle opportunità di lavoro, portate fabbriche, istruzione, conoscenza. Questo si può fare ed è un bene economico sia per il Paese che esporta, sia per quello che importa, dove vengono realizzati questi piani di sviluppo. C’è una buona parte della comunità cristiana e delle minoranze della Siria che lasciano le loro terre, sono gruppi storici come i Caldei, gli Assiri, i Siriaci, che hanno migliaia di anni di storia, lingue e tradizioni che perdono quando sono costretti ad abbandonare le proprie città. E’ un peccato, un impoverimento per tutti. Perché non li si aiuta con lo sviluppo affinché questa gente possa restare nel proprio Paese? Costerebbe all’Europa e all’Occidente molto meno di quanto costa l'accoglienza dei migranti.


(Soldati israeliani stanno vicino al confine con la Siria nelle alture del Golan occupate mentre si preparano ad evacuare un ferito siriano entrato per cure mediche, 23 settembre 2014. Foto da Reuters)

L’Onu rivela i legami tra israeliani e ribelli siriani
I rapporti degli osservatori dell'ONU nel Golan, presentati ai 15 membri del Consiglio di sicurezza, riferiscono contatti regolari tra i funzionari israeliani ed esponenti dell'opposizione 
armata siriana alla frontiera.

Per Barak Ravid | 7 dicembre 2014 | 06:00 | 4



  

I rapporti degli osservatori dell'ONU sulle Alture del Golan negli ultimi 18 mesi, rivelano il tipo e la portata della cooperazione tra Israele ed esponenti dell'opposizione siriana. Le relazioni, presentate ai 15 membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e disponibili sul sito Internet delle Nazioni Unite, descrivono contatti regolari svoltisi al confine tra ufficiali e soldati dell'esercito israeliano e ribelli siriani.

La forza di osservazione, UNDOF, è stata istituita nel 1974 come parte dell’accordo di separazione delle forze tra Israele e Siria. L'accordo ha istituito una zona cuscinetto larga diversi chilometri. Circa 1.000 osservatori delle Nazioni Unite hanno supervisionato l'attuazione dell'accordo fino al 2013, quando la guerra civile siriana ha ridotto notevolmente la capacità della forza di funzionare.

Mentre la Croazia e Austria si sono  ritirate e l'Irlanda, Fiji e India hanno deciso di inviare truppe, l'aumento di attacchi contro le forze delle Nazioni Unite in questi ultimi mesi ha costretto la forza ad abbandonare molte delle sue posizioni lungo il fronte e a trasferire il suo comando nella parte israeliana del confine.

Gli osservatori hanno continuato a presentare relazioni a New York relativamente banali; ma il loro contenuto è cambiato nel marzo 2013, quando Israele ha iniziato ad accogliere siriani feriti per cure mediche negli ospedali di Safed e Nahariya. L'ambasciatore siriano all'Onu si lamentava di una diffusa cooperazione tra Israele e i ribelli siriani, non solo per l’assistenza ai feriti, ma anche per altri aiuti.

Israele in un primo momento affermava che i civili feriti avevano raggiunto il confine di propria iniziativa e senza accordo preventivo perché non potevano ottenere un trattamento adeguato in Siria. Più tardi, mentre i numeri aumentavano, Israele ha detto che stava coordinando i civili, ma non i gruppi di opposizione. Tuttavia, i rapporti rivelano un contatto diretto tra l'esercito israeliano e i membri dell'opposizione armata.

Secondo un rapporto del 3 dicembre 2013, una persona ferita il 15 settembre "è stata presa dai membri armati dell'opposizione attraverso la linea del cessate il fuoco, dove è stata trasferita in un ambulanza civile scortata da un veicolo israeliano." Inoltre, dal 9 al 19 novembre la "UNDOF ha osservato almeno 10 persone ferite essere trasferite da membri armati dell'opposizione dal lato Bravo attraverso la linea del cessate il fuoco dell’esercito israeliano."

Ulteriori rapporti hanno indicato incidenti simili. Tuttavia, la cooperazione tra esercito israeliano e ribelli siriani rivelata in rapporti degli osservatori delle Nazioni Unite non comprende solo il trasferimento dei feriti. Gli osservatori hanno sottolineato nella relazione distribuita il 10 giugno, di avere identificato i soldati  nella parte israeliana consegnare due casse a uomini  armati dell'opposizione siriana sul lato siriano.

L'ultima relazione distribuita ai membri del Consiglio di Sicurezza, il 1 ° dicembre, ha descritto un altro incontro tra i soldati israeliani e i membri dell'opposizione siriana sotto gli occhi di due rappresentanti delle Nazioni Unite il 27 ottobre a circa tre chilometri a est di Moshav Yonatan. Gli osservatori hanno detto di aver visto due soldati israeliani sul lato orientale della recinzione di confine aprire la porta lasciando entrare due persone in Israele. La relazione, contrariamente alle precedenti, non ha notato se i due erano feriti o perché fossero entrati in Israele.

Questo evento specifico è di particolare interesse alla luce di ciò che è accaduto sul lato siriano del confine nella stessa identica regione. Secondo il rapporto, gli osservatori delle Nazioni Unite hanno dichiarato sono state collocate a circa 300 metri dalla posizione di Israele le tende per circa 70 famiglie di disertori siriani. L'esercito siriano ha inviato una lettera di denuncia alla UNDOF nel mese di settembre, sostenendo che questa tendopoli era una base per "terroristi armati" che attraversano il confine con Israele. I siriani hanno anche avvertito che se l'ONU non evacua la tendopoli, l'esercito siriano lo avrebbe visto come un bersaglio legittimo.

(Traduzione di Diego Siragusa)


List of Politicians with Israeli Dual Citizenship -

da We are all Vittorio Arrigoni (Note) Mercoledì 22 giugno 2011 alle ore 13.12
Dual Citizenship -- Loyal to Whom?

by Dan Eden

Someone wrote and asked me, "Why are there Israeli- but not Mexican-American Dual Nationals?"

Well, here's my take on this. I'd also like your views and opinions.

Unless we are Native American Indians, all Americans have their origins in some other country. Both of my parents were from England. They were proud to be "British" but they were most proud of achieving their American citizenship. Sure, we had pictures of the Queen and nick-nacks with the Union Jack on them. My mother even celebrated the traditional 4 o'clock tea time and was good at making Yorkshire Pudding. In the late 60's my older brother served in the US Army and did his tour in Viet Nam. When it came down to "allegiance," we were all patriotic Americans. Period.

The word "allegiance" means that we promise loyalty. It also carries with it the expectation that this loyalty will be exclusive and unrestrained. In the case of a declared war or real threat or conflict, for example, our allegiance to America should preclude any other interest, be it another country or political ideology.

When they took their oath to become American citizens, my parents had to pledge their "allegiance" exclusively to America and renounce their allegiance to "any and all foreign governments." That included Great Britain, one of our strongest allies.

Before Viewzone asked me to research the meaning of "dual citizenship," I had never heard of the term. How could someone be a citizen of two countries at the same time? But I was just ignorant. Dual nationalities and citizenships are quite common.

From my internet research, I learned that in 1997, a French Canadian with a U.S. passport ran for mayor of Plattsburgh, N.Y. He argued that the incumbent spoke French too poorly to be running a city so close to Quebec. He lost. Also in 1997, a retired top American official for the U.S. EPA (Environmental Protection Agency) ran for president of Lithuania. He was inaugurated in February to a burst of fireworks!

In 1996, Dominicans from New York not only could vote in the Dominican Republic's presidential elections for the first time, they could vote for a fellow New Yorker. Multiple nationalities have become so commonplace that some analysts fear the trend is undermining the notion of nationhood, particularly in the place with the most diverse citizenry on Earth: the United States.

Debate over the issue intensified in the late 1990s, when Mexico joined the growing list of poor nations that say it's OK for their nationals to be citizens of the countries to which they have migrated. Under the law that took effect in 1998 Mexicans abroad -- most of them in the United States -- will be able to retain Mexican citizenship even if they seek U.S. citizenship. And naturalized Americans of Mexican descent will be able to reclaim their original citizenship. The Mexican government stopped short, for now, of giving expatriates the right to vote.

Security Issues

Since citizenship carries with it a responsibility to be exclusively loyal to one country, the whole concept of dual citizenship and nationality raises questions about which of the dual citizenships have priority. This is extremely important when the two countries have opposing interests. It can be a deadly problem when a dual citizen is in a high position within our American government.

Can one imagine a Japanese citizen serving in the Pentagon during WWII? Or how about a citizen of the Soviet Union holding a cabinet position in the White House during the Cold War?

Today's conflicts are centered in the Middle East. America needs to balance foreign policies towards oil producing Arab nations with our goal being peace and stability in the region. This places a burdon on our government to be even-handed in our dealings with the Arab world and Israel. While the Iraq War was waged on lies about Weapons of Mass Destruction and revenge for 911, the real reason has emerged as a well designed global plan to improve the power and leverage of Israel. Added to this policy is yet another potential blow to American interests and security -- the impending War with Iran. This war will be waged for the security of Israel and will be paid for by the blood of American soldiers and the hard-earned money of American citizens whose quality of life is inversely tied to the cost of petrolium.

Recently, in their much lauded paper, The Israel Lobby and U.S. Foreign Policy, Harvard professor, Stephen Walt, and University of Chicago professor, John Mearsheimer, focused attention on the strong Israeli lobby which has a powerful influence over American foreign policies (see BBC article). They detail the influence that this lobby has exerted, forming a series of international policies which can be viewed as in direct opposition to the interests and security of the American people. These acts and policies are more often than not carried out by US government appointees who hold powerful positions and who are dual American-Israeli citizens. Since the policies they support are often exclusively beneficial to Israel, often to the detriment of America, it has been argued that their loyalties are misdirected.

A few classic examples can be cited here.

Jonathan Jay Pollard was an American-Israeli citizen who worked for the US government. He is well known because he stole more secrets from the U.S. than has any other spy in American history. During his interrogation Pollard said he felt compelled to put the "interests of my state" ahead of his own. Although as a U.S. Navy counter-intelligence specialist he had a top-secret security clearance, by "my state" he meant the state of Israel.

Literally tens of thousands of Americans holding U.S. passports admit they feel a primary allegiance to the state of Israel. In many instances, these Americans vote in Israeli elections, wear Israeli uniforms and fight in Israeli wars. Many are actively engaged both in the confiscation of Palestinian lands and in the Israeli political system. Three examples come to mind:

One is Rabbi Meir Kahane, who founded the militant Jewish Defense League in the U.S. in the 1960s, then emigrated to Israel where, eventually, he was elected to the Knesset. Until he was shot and killed at one of his U.S. fund-raising rallies in 1990, the Brooklyn-born rabbi shuttled between Tel Aviv and New York, where he recruited militant American Jews for his activities in Israel against Palestinians. He claimed to be a "dual citizen" of America and Israel.

Another Jewish American, James Mahon from Alexandria, Virginia, reportedly was on a secret mission to kill PLO Chairman Yasser Arafat when he was shot in 1980 by an unknown assailant. When he was shot, Mahon held an American M-16 in his hand and a U.S. passport in his pocket.

Then there was Alan Harry Goodman, an American Jew who left his home in Baltimore, Maryland, flew to Israel and served in the Israeli army. Then, on April 11, 1982, armed with an Uzi submachine gun, he walked, alone, to Al-Aqsa, Jerusalem's most holy Islamic shrine, where he opened fire, killing two Palestinians and wounding others. Both the U.S. and Israeli governments played down the incident, as did the media.

Most recently, US Navy Petty Officer, Ariel J. Weinmann, while serving at or near Bahrain, Mexico, and Austria, "with intent or reason to believe it would be used to the injury of the United States or to the advantage of a foreign nation (Israel), [attempted] to communicate, deliver or transmit classified CONFIDENTIAL and SECRET information relating to the national defense, to a representative, officer, agent or employee of a foreign government." Weinmann was apprehended on March 26 after being listed as "a deserter by his command," according to the US Navy. The information he gathered was supplied to Israel.

The examples of Kahane, Mahonm, Goodman and Weinmann raise the question of when a U.S. citizen ceases to be, or should cease to be, a U.S. citizen. U.S. Law at one time clearly stated that an American citizen owed first allegiance to the United States. A U.S. citizen should not fight in a foreign army or hold high office in a foreign country without risking expatriation. What the heck happened?

The 1940 Nationality Act

Section 401 (e) of the 1940 Nationality Act provides that a U.S. citizen, whether by birth or naturalization, "shall lose his [U.S.] nationality by...voting in a political election in a foreign state."

This law was tested many times. In 1958, for instance, an American citizen named Perez voted in a Mexican election. The case went to the Supreme Court, where the majority opinion held that Perez must lose his American nationality. The court said Congress could provide for expatriation as a reasonable way of preventing embarrassment to the United States in its foreign relations.

But then something very odd happened.

In 1967 an American Jew, Beys Afroyim received an exemption that set a precedent exclusively for American Jews. Afroyim, born in Poland in 1895, emigrated to America in 1912, and became a naturalized U.S. citizen in 1926. In 1950, aged 55, he emigrated to Israel and became an Israeli citizen. In 1951 Afroyim voted in an Israeli Knesset election and in five political elections that followed. So, by all standards he lost his American citizenship -- right? Wrong.

After living in Israel for a decade, Afroyim wished to return to New York. In 1960, he asked the U.S. Consulate in Haifa for an American passport. The Department of State refused the application, invoking section 401 (e) of the Nationality Act -- the same ruling that had stripped the American citizen named Perez of his U.S. citizenship.

Attorneys acting for Afroyim took his case to a Washington, DC District Court, which upheld the law. Then his attorneys appealed to the Court of Appeals. This court also upheld the law. The attorneys for Afroyim then moved the case on to the Supreme Court. Here, with Supreme Court Justice Abe Fortas, Lyndon Johnson's former attorney and one of the most powerful Jewish Americans, casting the swing vote, the court voted five to four in favor of Afroyim. The court held that the U.S. government had no right to "rob" Afroyim of his American citizenship!

The court, reversing its previous judgment as regards the Mexican American, ruled that Afroyim had not shown "intent" to lose citizenship by voting in Israeli elections. Huh?

While Washington claims it has a "good neighbor" policy with Mexico, the U.S. does not permit Mexicans to hold dual nationality. The US makes them become either U.S. or Mexican -- you can't be both. But the U.S., in its special relationship with Israel, has become very sympathetic to allowing Israeli-Americans to retain two nationalities and allowing U.S. citizens not only to hold public office in Israel, but to hold US government positions as well! No other country holds this special exception to our laws of citizenship.

So, you might ask, are there any other dual Israel-American citizens who hold US government positions that could compromise American security? Yes. Consider the following list that I obtained on the web:


Michael Mukasey
Recently appointed as US Attorney General. Mukasey also was the judge in the litigation between developer Larry Silverstein and several insurance companies arising from the destruction of the World Trade Center.

Michael Chertoff
Former Assistant Attorney General for the Criminal Division, at the Justice Department; now head of Homeland Security.

Richard Perle
One of Bush's foreign policy advisors, he is the chairman of the Pentagon's Defense Policy Board. A very likely Israeli government agent, Perle was expelled from Senator Henry Jackson's office in the 1970's after the National Security Agency (NSA) caught him passing Highly-Classified (National Security) documents to the Israeli Embassy. He later worked for the Israeli weapons firm, Soltam. Perle came from one the above mentioned pro-Israel thinktanks, the AEI. Perle is one of the leading pro-Israeli fanatics leading this Iraq war mongering within the administration and now in the media.

Paul Wolfowitz
Former Deputy Defense Secretary, and member of Perle's Defense Policy Board, in the Pentagon. Wolfowitz is a close associate of Perle, and reportedly has close ties to the Israeli military. His sister lives in Israel. Wolfowitz came from the above mentioned Jewish thinktank, JINSA. Wolfowitz was the number two leader within the administration behind this Iraq war mongering. He later was appointed head of the World Bank but resigned under pressure from World Bank members over a scandal involving his misuse of power.


Douglas Feith
Under Secretary of Defense and Policy Advisor at the Pentagon. He is a close associate of Perle and served as his Special Counsel. Like Perle and the others, Feith is a pro-Israel extremist, who has advocated anti-Arab policies in the past. He is closely associated with the extremist group, the Zionist Organization of America, which even attacks Jews that don't agree with its extremist views. Feith frequently speaks at ZOA conferences. Feith runs a small law firm, Feith and Zell, which only has one International office, in Israel. The majority of their legal work is representing Israeli interests. His firm's own website stated, prior to his appointment, that Feith "represents Israeli Armaments Manufacturer." Feith basically represents the Israeli War Machine. Feith also came from the Jewish thinktank JINSA. Feith, like Perle and Wolfowitz, are campaigning hard for this Israeli proxy war against Iraq.

Lawrence (Larry) Franklin
The former Defense Intelligence Agency analyst with expertise in Iranian policy issues who worked in the office of Undersecretary of Defense for Policy Douglas Feith and reported directly to Feith's deputy, William Luti, was sentenced January 20, 2006, "to more than 12 years in prison for giving classified information to an Israeli diplomat" and members of the pro-Israel lobbying group American Israel Public Affairs Committee (AIPAC).

Franklin will "remain free while the government continues with the wider case" and his "prison time could be sharply reduced in return for his help in prosecuting" former AIPAC members Steven J. Rosen and Keith Weissman, [who] are scheduled to go on trial in April [2006]. Franklin admitted that he met periodically with Rosen and Weissman between 2002 and 2004 and discussed classified information, including information about potential attacks on U.S. troops in Iraq. Rosen and Weissman would later share what they learned with reporters and Israeli officials." (source: sourcewatch.com).

Edward Luttwak
Member of the National Security Study Group of the Department of Defence at the Pentagon. Luttwak is reportedly an Israeli citizen and has taught in Israel. He frequently writes for Israeli and pro-Israeli newspapers and journals. Luttwak is an Israeli extremist whose main theme in many of his articles is the necessity of the U.S. waging war against Iraq and Iran.

Henry Kissinger
One of many Pentagon Advisors, Kissinger sits on the Pentagon's Defense Policy Board under Perle. For detailed information about Kissinger's evil past, read Seymour Hersch's book (Price of Power: Kissinger in the Nixon White House). Kissinger likely had a part in the Watergate crimes, Southeast Asia mass murders (Vietnam, Cambodia, Laos), Installing Chilean mass murdering dictator Pinochet, Operation Condor's mass killings in South America, and more recently served as Serbia's Ex-Dictator Slobodan Milosevic's Advisor. He consistently advocated going to war against Iraq. Kissinger is the Ariel Sharon of the U.S. Unfortunately, President Bush nominated Kissinger as chairman of the September 11 investigating commission. It's like picking a bank robber to investigate a fraud scandal. He later declined this job under enormous protests.

Dov Zakheim
Dov Zakheim is an ordained rabbi and reportedly holds Israeli citizenship. Zakheim attended Jew's College in London and became an ordained Orthodox Jewish Rabbi in 1973. He was adjunct professor at New York's Jewish Yeshiva University. Zakheim is close to the Israeli lobby.

Dov Zakheim is also a member of the Council on Foreign Relations and in 2000 a co-author of the Project for the New American Century's position paper, Rebuilding America's Defenses, advocating the necessity for a Pearl-Harbor-like incident to mobilize the country into war with its enemies, mostly Middle Eastern Muslim nations.

He was appointed by Bush as Pentagon Comptroller from May 4, 2001 to March 10, 2004. At that time he was unable to explain the disappearance of $1 trillion dollars. Actually, nearly three years earlier, Donald Rumsfeld announced on September 10, 2001 that an audit discovered $2.3 trillion was also missing from the Pentagon books. That story, as mentioned, was buried under 9-11's rubble. The two sums disappeared on Zakheim's watch. We can only guess where that cash went.

Despite these suspicions, on May 6, 2004, Zakheim took a lucrative position at Booz Allen Hamilton, one of the most prestigious strategy consulting firms in the world. One of its clients then was Blessed Relief, a charity said to be a front for Osama bin Laden. Booz, Allen & Hamilton then also worked closely with DARPA, the Defense Advanced Research Projects Agency, which is the research arm of the Department of Defense.

Judicial Inc's bio of Dov tells us Zakheim is a dual Israeli/American citizen and has been tracking the halls of US government for 25 years, casting defense policy and influence on Presidents Reagan, Clinton, Bush Sr. and Bush Jr. Judicial Inc points out that most of Israel's armaments were gotten thanks to him. Squads of US F-16 and F-15 were classified military surplus and sold to Israel at a fraction of their value.


Kenneth Adelman
One of many Pentagon Advisors, Adelman also sits on the Pentagon's Defense Policy Board under Perle, and is another extremist pro-Israel advisor, who supported going to war against Iraq. Adelman frequently is a guest on Fox News, and often expresses extremist and often ridiculus anti-Arab and anti-Muslim views. Through his racism or ignorance, he actually called Arabs "anti-Semitic" on Fox News (11/28/2001), when he could have looked it up in the dictionary to find out that Arabs by definition are Semites.

I. Lewis "Scooter" Libby
Vice President Dick Cheney's ex-Chief of Staff. As chief pro-Israel Jewish advisor to Cheney, it helps explains why Cheney is so gun-ho to invade Iran. Libby is longtime associate of Wolfowitz. Libby was also a lawyer for convicted felon and Israeli spy Marc Rich, whom Clinton pardoned, in his last days as president. Libby was recently found guilty of lying to Federal investigators in the Valerie Plame affair, in which Plame, a covert CIA agent, was exposed for political revenge by the Bush administration following her husband's revelations about the lies leading to the Iraq War.

Robert Satloff
U.S. National Security Council Advisor, Satloff was the executive director of the Israeli lobby's "think tank," Washington Institute for Near East Policy. Many of the Israeli lobby's "experts" come from this front group, like Martin Indyk.

Elliott Abrams
National Security Council Advisor. He previously worked at Washington-based "Think Tank" Ethics and Public Policy Center. During the Reagan Adminstration, Abrams was the Assistant Secretary of State, handling, for the most part, Latin American affairs. He played an important role in the Iran-Contra Scandal, which involved illegally selling U.S. weapons to Iran to fight Iraq, and illegally funding the contra rebels fighting to overthrow Nicaragua's Sandinista government. He also actively deceived three congressional committees about his involvement and thereby faced felony charges based on his testimony. Abrams pled guilty in 1991 to two misdemeanors and was sentenced to a year's probation and 100 hours of community service. A year later, former President Bush (Senior) granted Abrams a full pardon. He was one of the more hawkish pro-Israel Jews in the Reagan Administration's State Department.

Marc Grossman
Under Secretary of State for Political Affairs. He was Director General of the Foreign Service and Director of Human Resources at the Department of State. Grossman is one of many of the pro-Israel Jewish officials from the Clinton Administration that Bush has promoted to higher posts.

Richard Haass
Director of Policy Planning at the State Department and Ambassador at large. He is also Director of National Security Programs and Senior Fellow at the Council on Foreign Relations (CFR). He was one of the more hawkish pro-Israel Jews in the first Bush (Sr) Administration who sat on the National Security Council, and who consistently advocated going to war against Iraq. Haass is also a member of the Defense Department's National Security Study Group, at the Pentagon.

Robert Zoellick
U.S. Trade Representative, a cabinet-level position. He is also one of the more hawkish pro-Israel Jews in the Bush (Jr) Administration who advocated invading Iraq and occupying a portion of the country in order to set up a Vichy-style puppet government. He consistently advocates going to war against Iran.

Ari Fleischer
Ex- White House Spokesman for the Bush (Jr) Administration. Prominent in the Jewish community, some reports state that he holds Israeli citizenship. Fleischer is closely connected to the extremist Jewish group called the Chabad Lubavitch Hasidics, who follow the Qabala, and hold very extremist and insulting views of non-Jews. Fleischer was the co-president of Chabad's Capitol Jewish Forum. He received the Young Leadership Award from the American Friends of Lubavitch in October, 2001.

James Schlesinger
One of many Pentagon Advisors, Schlesinger also sits on the Pentagon's Defense Policy Board under Perle and is another extremist pro-Israel advisor, who supported going to war against Iraq. Schlesinger is also a commissioner of the Defense Department's National Security Study Group, at the Pentagon.

David Frum
White House speechwriter behind the "Axis of Evil" label. He lumped together all the lies and accusations against Iraq for Bush to justify the war.

Joshua Bolten
White House Deputy Chief of Staff, Bolten was previously a banker, former legislative aide, and prominent in the Jewish community.

John Bolton
Former UN Representative and Under-Secretary of State for Arms Control and International Security. Bolton is also a Senior Advisor to President Bush. Prior to this position, Bolton was Senior Vice President of the above mentioned pro-Israel thinktank, AEI. He recently (October 2002) accused Syria of having a nuclear program, so that they can attack Syria after Iraq. He must have forgotten that Israel has 400 nuclear warheads, some of which are thermonuclear weapons (according to a recent U.S. Air Force report).

David Wurmser
Special Assistant to John Bolton (above), the under-secretary for arms control and international security. Wurmser also worked at the AEI with Perle and Bolton. His wife, Meyrav Wurmser, along with Colonel Yigal Carmon, formerly of Israeli military intelligence, co-founded the Middle East Media Research Institute (Memri),a Washington-based Israeli outfit which distributes articles translated from Arabic newspapers portraying Arabs in a bad light.

Eliot Cohen
Member of the Pentagon's Defense Policy Board under Perle and is another extremist pro-Israel advisor. Like Adelman, he often expresses extremist and often ridiculus anti-Arab and anti-Muslim views. More recently, he wrote an opinion article in the Wall Street Journal openly admitting his rascist hatred of Islam claiming that Islam should be the enemy, not terrorism.

Mel Sembler
President of the Export-Import Bank of the United States. A Prominent Jewish Republican and Former National Finance Chairman of the Republican National Committee. The Export-Import Bank facilitates trade relationships between U.S. businesses and foreign countries, specifically those with financial problems.

Steve Goldsmith
Senior Advisor to the President, and Bush's Jewish domestic policy advisor. He also served as liaison in the White House Office of Faith-Based and Community Initiatives (White House OFBCI) within the Executive Office of the President. He was the former mayor of Indianapolis. He is also friends with Israeli Jerusalem Mayor Ehud Olmert and often visits Israel to coach mayors on privatization initiatives.

Adam Goldman
White House's Special Liaison to the Jewish Community.

Joseph Gildenhorn
Bush Campaign's Special Liaison to the Jewish Community. He was the DC finance chairman for the Bush campaign, as well as campaign coordinator, and former ambassador to Switzerland.

Christopher Gersten
Principal Deputy Assistant Secretary, Administration for Children and Families at HHS. Gersten was the former Executive Director of the Republican Jewish Coalition, Husband of Labor Secretary.

Mark Weinberger
Assistant Secretary of Housing and Urban Development for Public Affairs.

Samuel Bodman
Deputy Secretary of Commerce. He was the Chairman and CEO of Cabot Corporation in Boston, Massachusetts.

Bonnie Cohen
Under Secretary of State for Management.

Ruth Davis
Director of Foreign Service Institute, who reports to the Office of Under Secretary for Management. This Office is responsible for training all Department of State staff (including ambassadors).

Daniel Kurtzer
Ambassador to Israel.

Cliff Sobel
Ambassador to the Netherlands.

Stuart Bernstein
Ambassador to Denmark.

Nancy Brinker
Ambassador to Hungary

Frank Lavin
Ambassador to Singapore.

Ron Weiser
Ambassador to Slovakia.

Mel Sembler
Ambassador to Italy.

Martin Silverstein
Ambassador to Uruguay.

Lincoln Bloomfield
Assistant Secretary of State for Political Military Affairs.

Jay Lefkowitz
Deputy Assistant to the President and Director of the Domestic Policy Council.

Ken Melman
White House Political Director.

Brad Blakeman
White House Director of Scheduling.

I don't know about you, but dual citizenship is fine with me for an ordinary citizen. But if you hold an official position that demands that you put American interests above all else -- if you should look transparent and fair to the rest of the world regarding your formation of Middle East foreign policies, then this is a dangerous trend. Even if there were no pro-Israeli agenda, the fact that decision makers have a bias or an allegiance to one of the parties involved in the current conflict should have raised red flags long before now.

If you think we're being unfair here, ask yourself: How you would react to the Head of Homeland Security if he or she were a dual national with citizenship in Iran, Lebanon or Saudi Arabia? Ask yourself why you don't feel the same about Israeli dual citizenship. Then you will understand how powerful the Israeli lobby has been in "adjusting" your acceptance of their special status.

Hey, I could be way off on this. Let's hear from you.

UPDATE: December 4, 2007

Newsweek's Michael Isikoff reports that Iraq war architect Paul Wolfowitz has been rewarded with a new position in the Bush administration which will allow him to oversee classified intelligence and inform policies on WMD issues.

Secretary of State Condoleezza Rice has offered Wolfowitz, a prime architect of the Iraq War, a position as chairman of the International Security Advisory Board, a prestigious State Department panel, according to two department sources who declined to be identified discussing personnel matters. The 18-member panel, which has access to highly classified intelligence, advises Rice on disarmament, nuclear proliferation, WMD issues and other matters. "We think he is well suited and will do an excellent job," said one senior official.


Israele. L'araba "cattiva"

che siede alla Knesset

Haneen zoabi fb.jpg

Haneen Zoabi è la prima donna palestinese eletta al Parlamento israeliano in un partito – il Balad – che rappresenta la minoranza araba in Israele. In una lunga intervista racconta le ragioni del suo impegno politico all’interno di un sistema che la discrimina. In prima linea, per "smascherare le ipocrisie del potere".


di Cecilia Dalla Negra e Stefano Nanni

La sua presenza nel Parlamento israeliano non è mai stata particolarmente gradita. Leggi, misure discriminatorie, attacchi diretti e minacce hanno caratterizzato la quotidianità del suo impegno politico all’interno di quella che lei chiama ‘la presunta macchina democratica dello Stato di Israele”.
Un sasso nella scarpa del sistema: lei, che come prima donna palestinese con cittadinanza israeliana eletta alla Knesset mette in discussione dall’interno una struttura "solo all’apparenza democratica", perché il contenuto che esprime "è discriminatorio e razzista".
Haneen Zoabi, classe 1969, è la 'pasionaria' araba che ha scelto di rappresentare quel 20% della popolazione di Israele con cittadinanza israeliana, ma identità palestinese: 1,2 milioni di persone contro le quali, negli anni, sono state emanate oltre 50 leggi discriminatorie, rendendole di fatto cittadinanza 'di serie b', forzatamente inglobata all’interno dei confini tracciati sulla carta nel 1948.
Haneen di Nazareth, come spesso viene chiamata, oggi siede in uno dei 3 seggi conquistati dal suo partito: il Balad (o National Democratic Alliance), laico e progressista, nato a metà degli anni Novanta per iniziativa di un gruppo di politici e intellettuali guidati da Azmi Bishara, tra i pensatori più influenti del panorama arabo-israeliano.
Finita tante volte al centro delle polemiche in un paese in cui è costretta "a vivere come una straniera", e in modo particolare nel 2010, dopo la scelta di imbarcarsi a bordo della Mavi Marmara, nave della Freedom Flottilla diretta a Gaza per rompere l’assedio, sulla quale 9 attivisti turchi vennero uccisi in seguito all’assalto della marina militare israeliana.
All’indomani di quella operazione, contro di lei sono scattate misure punitive e repressive: dalla revoca del passaporto diplomatico fino al tentativo di lasciarla fuori dalle ultime elezioni legislative, nel gennaio scorso, attraverso la contestata proposta di legge che le ha rubato il nome.
La "Zoabi Law", firmata dal parlamentare del Likud Beytenu Danny Danon, per limitare il potere della Suprema Corte israeliana di rovesciare le decisioni della Commissione elettorale centrale, rendendola libera di escludere dalla corsa qualunque partito o aspirante deputato sospettato di poca fedeltà nei confronti dello Stato. 
Era stata proprio la Commissione, nel dicembre 2012, a tagliare fuori dalla corsa elettorale Zoabi, accusata di "sostenere il terrorismo e non riconoscere Israele come Stato ebraico". In quel caso la Corte sovvertì il divieto, consentendole di presentarsi alle elezioni e tornare a sedere in Parlamento.
Per lei è stato coniato anche un temine - Zoabiz – utilizzato per indicare chi si batte per i diritti dei palestinesi all’interno di Israele, "e per distinguere tra arabi buoni e cattivi", aggiunge lei.
"Io, naturalmente, faccio parte dei 'cattivi', perché non accetto un sistema che viola i miei diritti sotto la facciata della democrazia".
Anche per questo, sostiene, "il mio compito è lavorare all’interno del sistema per smascherarlo, scoprirne il vero volto e metterlo in discussione".
Perché, spiega, "comprendere le leggi che vengono emanate è un’arma: la nostra consapevolezza contro la loro propaganda".
Ma se il sistema che vige in Israele ha tutte le caratteristiche per essere definito "apartheid", per lei è importante che si comprenda come le responsabilità siano condivise nell’impunità garantita a quello che lei chiama "il figlio viziato dell’Europa".
"Quando il governo italiano firma un trattato con Israele non viola solo i miei diritti di cittadina araba, ma anche i vostri. Manca di rispetto anche a voi e alla vostra Costituzione".
Incontriamo Haneen Zoabi a Roma, dove si trova per partecipare ad un serie di incontri. Il 18 aprile è alcinema America occupato, per ricordare Vittorio Arrigoni a due anni dalla sua uccisione.
A margine dell’incontro concede a Osservatorio Iraq una lunga intervista, in cui declina il concetto di democrazia, e spiega cosa significa "avere a che fare con un consenso unico e trasversale".
Parla di "destra e non-destra" ("perché la sinistra lì non esiste più"), di consapevolezza, diritti, genere. E di una scelta coraggiosa: perché "voi potete boicottare Israele", racconta. "Io ci devo vivere".

Le elezioni del gennaio scorso in Israele hanno portato alla formazione di un nuovo governoNetanyahu. Qual è la sua opinione sui risultati elettorali?
Non c’è dubbio che la destra abbia vinto ancora, tra l’altro senza aver discusso di questioni politiche importanti: durante la campagna elettorale i temi dell’occupazione e della pace con i palestinesi non hanno trovato spazio nell’agenda politica, un’indicazione del fatto che la giustizia e il riconoscimento dei nostri diritti, anche come cittadini dello Stato, non è più un problema per la società israeliana.
Se prima del voto qualche tipo di dibattito era ancora esistente – penso agli scambi di accuse tra il Likud (il partito del premier, ndr) e il Labor – nel corso della campagna non c’è stato nessun partito che abbia parlato di ‘occupazione’. I temi centrali sono stati interni: economia, dispute tra laici e religiosi, condizioni della classe media secolarizzata. È un segnale molto pericoloso.
Tuttavia il governo uscito dalle elezioni non è semplicemente una replica del Netanyahu-Lieberman del 2009. Questa volta ingloba i partiti centristi come quello di Yari Lapid (Yesh Atid, ndr): è anche grazie a figure come lui e Tzipi Livni, dipinte come ‘centriste’, che lo Stato tenta di dare un’immagine di sé moderata pur proseguendo nelle stesse politiche di sempre. E’ cambiata l’immagine, ma non le violazioni.
Avere di fronte un Parlamento di destra mascherato dietro una moderazione di facciata è ancora più rischioso.

Proprio Yair Lapid durante la campagna elettorale utilizzò il suo nome per coniare un termine, "Zoabiz", per descrivere sommariamente i palestinesi con cittadinanza israeliana.
Sì, ma non lo ha fatto per riferirsi ai palestinesi israeliani o agli arabi in generale. Ha utilizzato questo termine - che io ho subito tacciato di razzismo - per indicare tutti coloro che tentano di sfidare il sistema.
Esiste un paradigma in Israele: ci sono gli arabi ‘buoni’ e quelli 'cattivi': una tattica per dividere i palestinesi, evitando di dover affrontare una controparte unita e compatta. Hanno bisogno di differenziarci:  io, ovviamente, faccio parte dei 'cattivi'.

Più volte si sono verificati episodi di discriminazione contro di lei all’interno della Knesset: attualmente si sta discutendo la cosiddetta "Zoabi Law", una legge che impedirebbe alla Corte Suprema di rovesciare le decisioni della Commissione elettorale centrale.
La 'legge Zoabi' rivela un aspetto importante: come il governo sia capace di sfruttare la mia presenza alla Knesset per mostrare al mondo la 'vitalità' della democrazia israeliana, vantandosi di accettare addirittura che una donna palestinese sieda in Parlamento.
È un trucco: sanno perfettamente che la mia presenza non è in grado di influenzare il sistema: sono – e rappresento – una minoranza.
Attraverso la 'Zoabi Law', però, il significato della nostra rappresentanza verrà ulteriormente ridimensionato: si lancia il messaggio ad ogni parlamentare che non sia d’accordo con il consenso generale, che gli potrebbe essere impedito di partecipare alle elezioni, oggi e in futuro. Svuotando definitivamente di significato il concetto di pluralismo democratico.

Ci spieghi meglio questo punto.
Siamo di fronte ad un sistema che basa la sua esistenza su una struttura democratica, con formule e riti che storicamente ed istituzionalmente le appartengono: si prevede il multipartitismo e la validità del processo elettorale. Ma, nei fatti, quella stessa struttura esprime contenuti che democratici non sono.
La maggioranza sta cercando di ridefinire le regole del gioco. Se la democrazia consiste di sei elementi (uguaglianza dei cittadini, tutela dei diritti delle minoranze, rispetto dei diritti umani, separazione dei poteri, sovranità del Parlamento e governo della maggioranza), Israele ne vuole eliminare cinque per lasciare spazio soltanto all’ultimo, producendo di fatto una dittatura della maggioranza.
In questo modo qualsiasi misura, anche di tipo discriminatorio e razzista, diventa ammissibile chiamando in causa il concetto di ‘democrazia’.
Il regime israeliano ha caratteristiche molto simili a quelle del fascismo: forte nazionalismo, discriminazione nei confronti degli autoctoni,  presenza non di un solo partito ma di un solo consenso, trasversale, che di fatto annulla l’utilità della pluralità partitica. Tutte le formazioni in Parlamento si riferiscono a noi nello stesso modo: nei fatti, è come se ne avessimo di fronte soltanto una.

Il razzismo di cui accusa il governo interessa principalmente la politica o influenza anche la società, i rapporti tra cittadini?
Sono i cittadini ad eleggere i governi: dubito che una società realmente democratica possa generare partiti di questo tipo. Se questo è solo un segnale, esistono alcune evidenze statistiche. L’Israeli Institute for Democracy effettua sondaggi annuali presso l’opinione pubblica.
Nel 2012 i numeri hanno mostrato  che il 34,4% dei cittadini antepone i 'valori ebraici' a quelli democratici. Circa l’80% inoltre vorrebbe che lo Stato attuasse politiche tali da incentivare l’emigrazione dei cittadini palestinesi-israeliani, e la stessa percentuale vorrebbe che fossero messe a disposizione delle autorità arabe locali risorse economiche inferiori rispetto a quelle garantite alle amministrazioni ebraiche.
Stesse tasse versate insomma, ma disparità nei servizi garantiti. Siamo di fronte a vere e proprie forme di razzismo. 

Poco dopo la formazione del nuovo governo è stata avanzata una proposta di modifica della Legge Fondamentale (Basic Law), che definisce l’identità nazionale come "ebraica e democratica", secondo la quale dovrebbe essere data maggiore priorità al primo aspetto, andando ad aumentare il livello di discriminazione già presente per i cittadini non-ebrei. Pensa che questa modifica possa essere approvata?
La riforma consiste nel ribadire che Israele vuole essere uno Stato per soli ebrei, e rendere ancora più chiaro il concetto che il paese in cui viviamo è 'più ebraico che democratico'.
Paradossalmente questa nuova formulazione sarebbe più onesta di quella attuale, rispetterebbe maggiormente la realtà che come palestinesi viviamo ogni giorno.
Tuttavia non credo che sarà approvata: non è necessario evidenziare qualcosa che nella pratica esiste già, e mettere nero su bianco questa verità potrebbe rappresentare un danno di immagine. Il governo lo sa, e non credo che sosterrà la proposta.
Perché fare una legge su una questione così delicata e mostrarla al mondo se puoi praticarla ugualmente senza che venga intaccata la tua immagine democratica? 

Il suo è un percorso politico complesso, che ha comportato scelte coraggiose. Come è arrivata alla decisione di impegnarsi in prima persona nelle istituzioni, confrontandosi continuamente con la ‘macchina’ del sistema?
È molto semplice: non avevo alternative. Potevo scegliere di lottare, oppure lasciare che lo Stato continuasse a violare i miei diritti facendomi vivere come straniera nel paese in cui sono nata.
Quelle che subiamo sono umiliazioni quotidiane che non è possibile ammettere: sarebbe come accettare un’esistenza priva di dignità e libertà. Credo che nessuno sarebbe disposto a farlo.

Ha detto però di rappresentare una minoranza che non può cambiare le cose. Qual è allora il senso profondo che assume la sua presenza all’interno delle istituzioni?
Smascherarle, rivelare la vera natura dello Stato, le sue ipocrisie, la sua pretesa di poter essere democratico pur privilegiando solo una parte dei suoi cittadini.
In Parlamento posso farmi portavoce non solo della mia gente, ma di tutti coloro che risiedono ai margini di questa società. Mi rivolgo anche a quelle persone che ambiscono a vivere in una democrazia reale. Mi piace pensare di poter rappresentare tutti i cittadini democratici di Israele, sia ebrei che palestinesi.
L’alternativa del boicottaggio elettorale, per quanto non mi senta di escluderla, non è praticabile: voi potete boicottare Israele, io ci devo vivere. Per farlo ho bisogno di documenti, burocrazia, permessi. Per questo preferisco essere una mediatrice tra lo Stato e i cittadini: se non agissi in questo modo, sono certa che il contatto tra i due soggetti si risolverebbe in un ricatto per i palestinesi.
Sarebbe inaccettabile, è una questione di orgoglio: io voglio, per me e la mia gente, il riconoscimento di una piena cittadinanza insieme al rispetto dei miei diritti e della mia identità.
Il boicottaggio può essere un obiettivo a lungo termine, per il quale però occorrono condizioni specifiche, prima fra tutte una partecipazione di massa e un largo consenso, tali da creare le basi per una lotta popolare alternativa alla via parlamentare, come la disobbedienza civile di massa, ad esempio.

Cosa significa per lei, e cosa comporta, essere stata la prima donna palestinese eletta alla Knesset in un partito arabo-israeliano?
Problemi (sorride). È un ruolo di cui sono orgogliosa ma che comporta enormi responsabilità: se sei la prima tutti osserveranno con attenzione particolare ciò che fai, nutrendo altissime aspettative sul tuo operato.
Quella che conduco è una lotta su due fronti: contro il razzismo della società israeliana, e contro l’assetto patriarcale di quella palestinese. È un confronto costante, potrei dire una doppia sfida.

Quali sono gli obiettivi centrali del suo lavoro politico?
Senza alcun dubbio la questione del diritto delle donne al lavoro e all’indipendenza economica. È un aspetto centrale, perché mira a permettere loro di avere una vita autonoma dai propri padri, fratelli o mariti, rendendole capaci di combattere contro ogni forma di violenza, anche quella che assume il carattere di una violazione contro l’umanità, prima ancora che contro il genere.
In questo senso sono felice di poter dire che la società palestinese è molto attenta e incoraggia le donne a lavorare, forse anche perché ha alle spalle una lunga storia di protagonismo femminile, lotte di genere e affermazione dei diritti. Le statistiche mostrano che i nostri tassi di istruzione femminile sono davvero molto alti.
Ancora una volta sono i numeri a dimostrare che il problema non è l’assetto della nostra società, ma lo Stato in cui viviamo: noi siamo disposte a lavorare e abbiamo gli strumenti per farlo, sono le istituzioni che non ci danno lavoro: come donne, e come arabe.
Naturalmente anche nella nostra società ci sono lotte femminili che da attiviste dobbiamo continuare a portare avanti, in modo particolare rispetto ai movimenti religiosi. Eppure, dopo gli eventi della Mavi Marmara sono stata invitata a tenere discorsi pubblici anche da loro: un cambiamento importante per le donne, lento e graduale, ma molto profondo.

Dando uno sguardo al fronte interno palestinese, qual è la sua opinione sul percorso di riconciliazione nazionale tra Hamas e Fatah, quali le prospettive future?
Questa divisione è per noi una catastrofe, ritengo che la riunificazione sia una priorità assoluta. Tuttavia temo che non avverrà da sola, senza l’intervento forte delle masse popolari che sostengono sia l’uno che l’altro partito.
Solo attraverso il coinvolgimento dei giovani e di una nuova generazione capace di cambiare gli assetti attuali la leadership, forse, capirà che con la divisione sta perdendo potere e controllo, sia tra la popolazione che verso i suoi stessi militanti.
Sembra ironico, ma credo che più saremo frustrati e delusi da questa situazione, più saremo vicini al cambiamento. Prima di tutto partendo da una riconsiderazione critica degli Accordi di Oslo, di cui deve essere riconosciuta la 'morte' politica, perché hanno prodotto già troppi danni: hanno dimostrato che chi non ha “un partner per la pace” siamo noi, non gli israeliani, e che dobbiamo tornare alla nostra lotta.
E con il tempo, forse, arriveremo a comprendere che anche noi abbiamo bisogno di una rivoluzione.



23 aprile 2013





(Come interpretato.)

In nome di Dio, il Misericordioso, il Compassionevole.

Signor Presidente Barack Obama, desidero porgere un caloroso benvenuto a lei e alla delegazione che lo accompagna in Palestina.
Signor Presidente, durante la sua visita nel nostro paese incontrerà un popolo fiero della sua storia, della sua tradizione, della cultura, e dei suoi simboli - un popolo giovane, creativo e imprenditoriale che ha fatto il miracolo di alzarsi dalle calamità della Nakba, e continuare il percorso dei suoi antenati, che si estende fin dai tempi antichi oltre questa terra - la sua terra. Un popolo fedele ae in armonia coi propri diritti, che sa tenere il passo con la realtà del tempo, nel linguaggio e nei metodi. Un popolo che costruisce le istituzioni dello stato di Palestina, dando un modello esemplare, nonostante tutte le difficoltà e gli ostacoli.
Il popolo della Palestina, signor Presidente, che oggi riceve lei,  aspira a raggiungere i più semplici diritti: il diritto alla libertà, all'indipendenza e alla pace, e siamo ansiosi di quel giorno a venire in cui si possa vivere normalmente e naturalmente sulla terra dello Stato di Palestina, lo Stato indipendente di Palestina,  lungo i confini del 4 giugno 1967, con Gerusalemme, la "Signora delle Città", come la sua capitale, accanto allo Stato di Israele.
Noi, signor Presidente, crediamo che la pace sia necessaria e inevitabile, e crediamo anche che sia possibile. Noi crediamo che la costruzione della pace, per quanto richieda coraggio politico, richieda anche una espressione di buona fede, il riconoscimento dei diritti delle persone, il rispetto per l'altro e la diffusione di una cultura di pace e di un impegno per la legittimità internazionale e le sue risoluzioni. Certo, la pace non può essere effettuata attraverso la violenza, l'occupazione, i muri, gli insediamenti, gli arresti, l'assedio e la negazione dei diritti dei rifugiati.
Siamo molto compiaciutio di riceverLa oggi nel nostro paese. La nostra gente di condivide con gli americani, e con lei personalmente, la fede nei valori e nei principi di libertà, uguaglianza, giustizia e rispetto dei diritti umani. E noi, insieme con i popoli del mondo, siamo partner nella ricerca per raggiungere una pace giusta che ponga fine all'occupazione e alla guerra, e ottenga la sicurezza, la stabilità e la prosperità per tutti i popoli della nostra regione.
Oggi, signore e signori, abbiamo condotto un giro di utili colloqui con Sua Eccellenza il Presidente Obama. E’ stata l'occasione per mettere a fuoco, dal nostro punto di vista, i rischi e gli effetti sulla soluzione a due stati se persisterà la proroga delle attività di colonizzazione e se non si risolverà la necessità di liberare i prigionieri.
Ho affermato a Sua Eccellenza il Presidente che la Palestina ha compiuto passi lunghi e ulteriori per amore della pace. Affermo qui, ancora una volta, che siamo pronti ad attuare tutti i nostri impegni e doveri e di rispettare gli accordi sottoscritti e le legittime risoluzioni internazionali, al fine di provvedere alle esigenze di lancio del processo di pace e raggiungere la soluzione dei due Stati - Israele e Palestina.
Siamo anche determinati a porre fine alla divisione e raggiungere la riconciliazione palestinese, che costituisce una fonte di energia per noi per continuare la nostra marcia verso la pace, la sicurezza e la stabilità nella regione.
Ho rinnovato la fiducia che gli Stati Uniti, rappresentati da Sua Eccellenza il Presidente Obama e John Kerry, intensifichino i propri sforzi per eliminare gli ostacoli frapposti per raggiungere una pace giusta, che i popoli della regione hanno tanto atteso.
Voglio qui ringraziare il Presidente per la conferma e il continuo l'impegno degli Stati Uniti a fornire sostegno al popolo palestinese, e per ringraziare lui e la sua amministrazione per il sostegno che è stato fornito nel corso degli ultimi anni - le varie forme di sostegno – alla tesoreria palestinese, ai progetti di sviluppo, e l'UNRWA (Agenzia per i rifugiati dell’ONU).
Signor Presidente, ancora una volta sia benvenuto in Palestina. Grazie. (Applausi)


(Traduz. dall'inglese di Diego Siragusa)



Autoritá e organizzazioni presenti di tutte le latitudini, mille grazie.
Grazie al popolo del Brasile e alla sua Presidentessa, Dilma Rousseff.
Grazie per la buona fede che, sicuramente, ha caratterizzato tutti gli oratori che mi hanno preceduto.
Esprimiamo la profonda volontá come governanti di sostenere tutti gli accordi che questa nostra povera umanitá possa sottoscrivere.
Mi sia permesso di fare alcune domande ad alta voce. Tutto il pomeriggio si é parlato di sviluppo sostenibile. Di tirare fuori dalla povertá masse immense.
Che cosa ruota nella nostra testa? Il modello di sviluppo e di consumo attuale delle societá ricche?
Mi domando: che cosa succederebbe al pianeta se gli indiani avessero in proporzione la stessa quantità di auto per famiglia che hanno i tedeschi?
Quanto ossigeno resterebbe per poter respirare? Piú chiaramente: il mondo possiede oggi gli elementi materiali per rendere possibile che 7 o 8 miliardi di persone possano ottenere lo stesso grado di consumo e di spreco che hanno le societá occidentali piú opulente? Sará possibile tutto ció?
O dovremmo sostenere un giorno, un altro tipo di discorso?
Perché abbiamo creato questa civilizzazione figlia del mercato, figlia della competizione e che ha portato un progresso materiale portentoso ed esplosivo?
Ma l’economia di mercato ha creato una societá di mercato. E ci ha regalato questa globalizzazione, che significa guardare a tutto il pianeta.
Stiamo governando la globalizzazione o è la globalizzazione che ci governa?
É possibile parlare di solidarietá e di stare tutti insieme in una economía basata sulla competizione spietata? Fino a dove arriva la nostra fraternitá?
Non dico queste cose per negare l’importanza di quest’evento. Ma al contrario: la sfida che abbiamo davanti é di una grandezza colossale e la grande crisi non é ecologica, é política!
L’uomo non governa oggi le forze che ha sprigionato, ma queste forze governano l’uomo ... e la vita!
Non veniamo alla luce solamente per svilupparci, cosí, in generale.
Veniamo alla luce per essere felici, perché la vita é corta e se ne va via rapidamente. E nessun bene vale quanto la vita, questo é elementare. Ma se la vita scappa via, lavorando e lavorando per consumare sempre di più perché la societá del consumo é il motore, perché, in definitiva, se si paralizza il consumo, si ferma l’economia, e se si ferma l’economia, appare per tutti il fantasma della stagnazione. Ma questo iperconsumo é lo stesso che sta aggredendo il pianeta.
Ma loro devono generare questo iperconsumo, producono cose che durano poco, perché devono venderne sempre di più. Una lampadina elettrica, quindi, non puó durare piú di 1000 ore accesa. Ma esistono lampadine che possono durare 100mila ore accese!
Ma questo non si puó fare perché il problema é il mercato, perché dobbiamo lavorare e dobbiamo sostenere una civilizzazione dell’usa e getta, e cosí rimaniamo in un circolo vizioso.
Questi sono problemi di carattere político che ci stanno indicando che é ora di cominciare a lottare per un’altra cultura.
Non si tratta di immaginare il ritorno dell’uomo all’epoca delle caverne, né di costruire un monumento all’arretratezza. Ma non possiamo continuare, indefinitamente, ad essere governati dal mercato, dobbiamo cominciare a governare il mercato.
Per questo dico, nella mia umile maniera di pensare, che il problema che abbiamo davanti é di carattere político. I vecchi pensatori – Epicuro, Seneca o anche gli Aymara – dicevano: “povero non é colui che ha poco, ma colui che ha bisogno di molto e desidera ancora di piú e di piú”.
Questa é una chiave di carattere culturale.
Quindi, saluteró volentieri lo sforzo e gli accordi che si faranno. E li sosterró, come governante.
So che alcune cose che sto dicendo, stridono. Ma dobbiamo capire che la crisi dell’acqua e l’aggressione all'ambiente non ne sono la causa.
La causa é il modello di civilizzazione che abbiamo costruito.
E quello che dobbiamo cambiare é la nostra forma di vivere!
Appartengo a un piccolo paese dotato di molte risorse naturali per vivere. Nel mio paese ci sono poco piú di 3 milioni di abitanti. Ma ci sono anche 13 milioni di vacche, delle migliori al mondo. E circa 8 o 10 milioni di pecore meravigliose. Il mio paese é un esportatore di cibo, di latticini, di carne. É una semipianura e quasi il 90% del suo territorio é sfruttabile.
I miei compagni lavoratori hanno lottato tanto per le 8 ore di lavoro. E ora stanno ottenendo le 6 ore. Ma chi lavora 6 ore, poi cerca un secondo lavoro; quindi lavora piú di prima. Perché? Perché deve pagare una quantitá di rate: per la moto, per l’auto e per molte altre cose e quando vuole riposarsi … é un vecchio reumatico – come me – al quale gli è già passata la vita davanti!
E allora uno si fa questa domanda: questo é il destino della vita umana?
Queste cose che dico sono molto elementari: lo sviluppo non puó essere contrario alla felicitá.
Deve essere a favore della felicitá umana; dell’amore sulla Terra, delle relazioni umane, dell’attenzione ai figli, dell’avere amici, dell’avere il giusto, l’elementare.
Precisamente. Perché é questo il tesoro piú importante che abbiamo: la felicitá!
Quando lottiamo per l'ambiente, dobbiamo ricordare che il primo elemento dell'ambiente si chiama felicitá umana!

Revisione della traduzione a cura di Alfredo Tradardi
Torino, 10 marzo 2013

MERCOLEDÌ 6 MARZO 2013
di Fulvio Grimaldi





Simón Bolívar, padre della nostra Patria e guida della nostra Rivoluzione, giurò di non dare riposo alle sue braccia, né dare riposo alla sua anima, fino a vedere l’America libera. Noi non daremo riposo alle nostre braccia, né riposo alla nostra anima, fino a quando non sarà salva l’umanità. (Hugo Chavez, 1954-2013)

Non si trovano parole che sfuggano a un’emozione incontrollata e, dunque, alla retorica. L’anima di colui che ha affrontato e vinto il mostro nel nome di noi tutti, vola oggi sul mondo e addolora e conforta l’umanità dei giusti, dei bastonati, degli sfruttati, dei dominati, dei rivoltosi, dei resistenti, dei rivoluzionari. Chiuso un secolo nella sconfitta e nell’abiezione, ha aperto un secolo, un millennio nuovi che, nel suo paese, nella nazione latinoamericana da lui avviata alla liberazione e all’integrazione, ha seminato vittoria dopo vittoria: Alba, Unasur, Celac, Mercosur. Popoli alfabetizzati, sottratti alla povertà e al dominio di necrofori, per la prima volta dal loro sterminio padroni della salute e della conoscenza e, soprattutto, restituiti alla dignità, alla libertà, a quel presente-futuro che secoli di predazioni e stupri europei e nordamericani, di servilismi di sguatteri tiranni, avevano conculcato. Un piccolo uomo gigante, un soldato di un piccolo popolo gigante, valoroso e indomito, divenuto, con lui per motore e faro, avanguardia dell’umanità sofferente, a dispetto di quanto contro di essa i licantropi stragisti del Nord progettano e praticavno con gli strumenti della loro infinita voracità e della loro satanica ferocia.


Ho potuto guardare in faccia quell’uomo, l’ho potuto toccare, gli ho potuto parlare, l’ho ascoltato e i ricordi coltiveranno fiori nella mia anima. C’erano stati, nel 2002, dopo il colpo di Stato Usa, i lunghi mesi del sabotaggio economico allestito dagli esqualidos, affannati al recupero di un servaggio nutrito dei resti della tavola dei predatori. Nei llanos di un latifondo che riduceva i campesinos ai margini della vita e negli interrati senza luce di un destino immutabile, il comandante Chavez venne a offrirgli il fucile della sua nuova costituzione, che sta alla glorificata nostra come un purosangue sta a un mulo. La costituzione dell’uguaglianza, valida per tutti, indigeni, donne, bambini, vecchi. Decine di migliaia di contadini si videro restituire la terra, con tutti gli strumenti per farne sovranità alimentare per sé e per tutti. Insieme con l’uomo più trasudante del carisma dell’onestà, dell’intelligenza, della bellezza di parola e spirito, cantarono Viva el bravo pueblo”, l’inno nazionale, il retaggio e la promessa di Simone Bolivar, primo padre della Patria Grande.

A Caracas, negli stessi giorni della vendetta dei ratti sconfitti, il volto di Hugo Chavez guidava dai cartelli, dalle bandiere, dagli striscioni, ma più ancora dall’immaginario collettivo di una folla di proletari, donne in testa come in tutti i teatri della resistenza umana, lo scontro con schiere di signori, signore, giovinastri fichi dei quartieri alti. Scontro che veniva risolto, presto in modo definitivo con la vittoria sul paro padronale, dall’unità di milioni di cittadini con il loro esercito divenuto, nel corso dei lunghi anni del lavoro clandestino del capitano Chavez, esercito del popolo. Da un lato del ponte che vedeva opposte le forze dell’abuso e della giustizia, insieme ai militari, si cantava El pueblo unido jamas serà vencido. E l’uragano sonoro correva giù per il ponte ad annichilire ingiurie, livori, iattanze.


Ranchitos si chiamano in Venezuela le favelas. Quelle della casupole e baracche senz’acqua, luce, fogne, lavoro, presenza, con cui la classe vampira, proconsole dei diffusori imperiali di miseria e ignoranza, aveva butterato le alture di Caracas. Venne Chavez, abbattè i tuguri e consegnò titoli di proprietà a chi non aveva mai avuto altro che i suoi stracci, garanti di esclusione dal consesso umano. Abbracciò e baciò donne e vecchi restituiti alla cittadinanza e tra i suoi baci e quelli che da noi vengono elargiti dai potenti a sudditi offerti in pasto a ipocrisia e illusione, correva la stessa distanza che corre tra la leonessa col cucciolo in grembo e i baci di vasa vasa Cuffaro., o le carezze di Monti al cagnolino elettorale.

Poi c’è stato “L’Incontro Mondiale degli Studenti e della Gioventù” e, dal podio del Tribunale Antimperialista allestito dal Venezuela in travolgente marcia, alle migliaia di giovani accorsi da cento paesi per legarsi al filo rosso della rivoluzione, Hugo Chavez gridò parole che poi sono riverberate nelle piazze del mondo, dal Cairo a Lisbona, da Atene a Roma, da Santiago del Cile a Madrid, dai resistenti delle patrie azzannate o maciullate in Libia, Siria, Mali, Afghanistan, da un capo all’altro di un pianeta sollecitato dal sisma chiamato rivoluzione bolivariana. L’avevano vista, udita, vissuta quella rivoluzione, avevano visto che ridare alfabeto, istruzione, sanità, casa, lavoro, cibo adeguato, ambiente, dignità, libertà, uguaglianza, era stato possibile, pur contro l’armamentario genocida dei mostri. Se l’erano portata a Piazza Tahrir, Piazza Syntagma, Plaza del Sol. Scintille di un incendio che del nuovo millennio farà un’araba fenice. Le parole di Chavez erano O socialismo o barbarie, La condizione più alta dell’essere umano e quella del rivoluzionario. Noi saremo rivoluzionari sempre! In piedi, a migliaia, a pugno chiuso abbiamo ripetuto quelle parole. E qualcosa a casa ci siamo portati.


In Latinoamerica, in Venezuela, Bolivia, Ecuador, Nicaragua, in Uruguay, nel Paraguay e nel Honduras non piegati dai colpi di Stato di Obama, ma anche tra le masse di Argentina, Brasile, Colombia, tra gli studenti che in Cile hanno saputo coinvolgere un’ intera società, tra quei popoli nativi, come i Mapuche o i Lenka, che non si sono fatti strumentalizzare in chiave sediziosa e separatista dai complotti destabilizzanti israelo-statunitensi, Hugo Chavez ha diffuso quel seme della speranza e della fiducia che aveva colto nella lezione di Bolivar, Martì, dell’amatissimo Gramsci, del  Fidel rivoluzionario.

In Venezuela si è convinti che a Chavez e, come a lui, a molti altri governanti latinoamericani affetti dal cancro, siano stati i serialkiller Usa a inoculare il male. Negli Stati Uniti, nel nome del Freedom of Information Act, si va esigendo che siano pubblicati i documenti attinenti alla innumerevoli cospirazioni di Washington contro la vita di Hugo Chavez che si sa comprendono tentativi di assassinio. L’accusa ha il suo fondamento nella pratica omicida che i governi Usa hanno condotto dalle origini, contro chiunque si ponesse sulla  loro strada e volesse riscattare la sua gente, l’umanità. Lumumba, Sankara, Milosevic, Panagulis, Saddam, Gheddafi, Lincoln, John Lennon… Il sangue delle loro vittime li ha marchiati di un morbo che è mille volte più letale di quello inflitto a Chavez, ma fluisce oggi nelle vene di chi non li ha dimenticati e, per proprietà transitiva, perfino in quelle di chi non li ha mai conosciuti, ma dal loro spirito è stato invaso.

Possono ucciderci, uno dopo l’altro, ma non ci possono uccidere tutti. Lo hanno dimostrato i partigiani, prima di essere traditi. Lo stanno dimostrando i popoli dell’America Latina che, con gli assedi di massa, la forza dei loro corpi e strumenti, nuotando attraverso laghi di sangue, hanno raggiunto l’altra riva. E anche i popoli non lontani da noi che, resistendo a ogni congiura, a ogni efferatezza, sanno che non finirà così. Lo dobbiamo imparare noi cogliendo il vento di quell’anima del mondo che si chiama Hugo Chavez. Se lui è morto combattendo per noi, noi possiamo morire per quanto ci ha insegnato.






-->
  Il caso “Vanunu”


    di Diego Siragusa 
(Dal saggio “ Il Terrorismo impunito”- Ed. Zambon)


“Il Primo Ministro di Israele ha una notevole influenza sulla politica estera degli
Stati Uniti maggiore di quanta egli ne abbia nel suo stesso paese.”  (Former Congressman
Paul Findley, nel suo libro They Dare to Speak Out, p. 92.)



All’inizio degli anni ’60, Israele aveva segretamente sviluppato il proprio programma di ricerca per dotarsi delle armi nucleari nei laboratori di  Dimona nel deserto del Negev. Persino gli Stati Uniti, l’alleato più fedele, erano stati tenuti all’oscuro del progetto pur avendo chiesto ripetutamente chiarimenti  ai dirigenti israeliani che avevano sempre negato dicendo che si trattava di ricerche per fini pacifici. Il presidente John Kennedy fece pressioni e chiese a Ben Gurion  assicurazioni che non giunsero mai. Kennedy fu ucciso e i programmi israeliani si  svilupparono fino alla costruzione di circa 200 ordigni nucleari capaci di distruggere tutti gli stati arabi confinanti con Israele nel caso di un conflitto generale.

Nella centrale nucleare di Dimona aveva lavorato dal 1976 al 1985 un tecnico, un ingegnere, Mordechai Vanunu, che conosceva i progetti segreti israeliani di costruzione degli ordigni atomici in contrasto con le convenzioni internazionali.

Nel settembre del 1986, Vanunu concesse un’intervista al Sunday Times, nella quale affermava che Israele tra gli anni 70’ ed ‘80, durante il governo Peres e sotto la sua responsabilità, aveva costruito un arsenale di armi atomiche, violando i trattati  internazionali. Egli fotografò i laboratori segreti della produzione di armi nucleari e  alcune di queste foto, insieme alla sua testimonianza diretta, furono pubblicate sul London Sunday Times nel 1986 col titolo “I segreti dell’arsenale nucleare di Israele”.

I capi del servizio segreto (Mossad) incaricarono una donna americana, Cheryl  Hanin (*), di avvicinarlo, sedurlo e stabilire una relazione amorosa. Così avvenne e Vanunu propose alla donna di fare un viaggio insieme a Roma. Qui, cinque giorni  prima della pubblicazione delle rivelazioni di Vanunu, gli agenti del Mossad lo  narcotizzarono, lo rapirono illegalmente e, tramite una imbarcazione, lo portarono in  Israele dove fu rinchiuso in una cella e processato per spionaggio contro il suo paese.

In realtà Vanunu, accusato di essere una spia, pur non essendo uno scienziato  ma un tecnico della centrale, non ha mai rivelato segreti nucleari a potenze straniere, bensì ha reso pubblico un progetto illegale e clandestino, sconosciuto alla stessa popolazione israeliana.

Vanunu, che era nato nel 1954 in Marocco da una religiosa famiglia ebrea poi trasferitasi in Israele, nel 1986, dopo la scelta dell’obiezione di coscienza al nucleare, si era convertito al cristianesimo; anche questa scelta contribuì a renderlo più vulnerabile e attaccabile dal governo israeliano, che identificò in lui un traditore, una minaccia alla sicurezza ed integrità nazionale. Dopo la cattura, Vanunu fu processato in Israele e  condannato “per alto tradimento” a 18 anni di carcere di cui 11 trascorsi in assoluto  isolamento. Fece il giro del mondo una fotografia scattata durante uno dei suoi trasferimenti per il processo che lo ritrae mentre mostra, attraverso il finestrino di una automobile, la propria mano su cui aveva scritto: “I was hijacked in Rome Italy 30.1.86” (Sono stato rapito a Roma, Italia, il 30.1.86).

Per due anni è stato quindi confinato in una cella illuminata 24 ore su 24, e ha trascorso undici anni in assoluto isolamento, con un trattamento definito “degradante ed inumano” dalle associazioni per la difesa dei diritti umani, perché considerato un pericolo per la sicurezza di Israele; infatti, ogni richiesta avanzata per una scarcerazione anticipata è stata per anni respinta dalle autorità israeliane.

Il 21 aprile 2004, Vanunu fu finalmente liberato dal carcere di Shikma ad Ashkelon. Uscì dalla prigione assieme al fratello Meir con le dita incrociate a V come segno di vittoria e dichiarò di non avere alcun rimorso per quello che aveva fatto.

A tutti coloro che mi hanno chiamato traditore io dico che sono orgoglioso e felice di ciò che ho fatto –  disse - Ho subito trattamenti crudeli e barbari nelle mani dei servizi di sicurezza israeliani durante la  mia detenzione. Ho sofferto 18 anni qui perché sono un Cristiano... Se fossi ebreo non avrei ricevuto un tale trattamento e isolamento.

Vanunu dichiarò che, dopo la sua liberazione, desiderava solo lasciare Israele e ricostruire la propria vita. In realtà rimase un prigioniero ancora sottoposto dalle autorità israeliane a limitazioni della sua libertà dopo la sua scarcerazione. Le restrizioni si basano sulle clausole 108-109 dello Statuto per lo Stato di Emergenza del 1945.

Secondo questo regolamento Vanunu potrà scegliere la città di residenza, ma non potrà superarne i confini senza darne preventiva comunicazione alla polizia locale. Inoltre gli sarà vietato di avvicinarsi a qualsiasi luogo di confine, aeroporto, porto e, in  particolare ai confini sottoposti all’Autorità Palestinese. Non gli sarà consentito avere contatti di nessun tipo con stranieri, neanche quelli che sono residenti in Israele. Non  gli sarà permesso rivolgersi ad ambasciate straniere e divulgare a nessuno informazioni su Dimona, dove lui lavorava prima di essere rapito e trasportato nella prigione israeliana il 30 settembre 1986. Non avrà inoltre la possibilità di lasciare il paese. Tutte queste restrizioni valgono per 6 mesi. Se egli si comporterà bene potrebbero rivederle e annullarle. Se invece violerà le restrizioni potrebbe essere di nuovo incarcerato e  processato. Ma Vanunu non ha più nulla da dire in relazione al reattore di Dimona e ai segreti che conosceva. Ha già detto tutto ciò che sapeva. Tutto questo testimonia un desiderio di vendetta nei confronti di un prigioniero di coscienza, costretto a pagare di  persona per aver coraggiosamente spezzato un muro di silenzio in nome della pace e  di un mondo senza armi nucleari.

In questi anni, la campagna per la sua scarcerazione è stata incessantemente portata avanti dai suoi sostenitori in tutto il mondo: per anni ogni sabato sono stati organizzati presidi sotto l’ambasciata Israeliana a Londra, una volta al mese a Washington D.C. In  Australia, nella Chiesa Anglicana a Sydney dove Vanunu fu battezzato, ogni domenica  è stata accesa una candela per tutti gli ultimi 100 giorni della sua sentenza. Anche in Italia, era stato costituito il “Comitato Libertà per Vanunu”, al quale avevano aderito  numerosi parlamentari.

Il giorno della sua scarcerazione, una delegazione internazionale, composta da americani, inglesi, israeliani, olandesi, italiani, ungheresi, giapponesi, norvegesi ed altri, partì per Israele e lo attese all’uscita del carcere.

Nel mese di gennaio 2008, la Corte israeliana l’ha condannato a sei mesi di prigione  per aver parlato con degli stranieri. Ma Vanunu ha dichiarato di voler essere libero di  lasciare Israele e di continuare la sua campagna contro gli armamenti nucleari.

Il “caso Vanunu” è una delle pagine più abiette della storia di Israele. Dopo aver  rubato ad un uomo 18 anni della sua vita per aver rivelato notizie di pubblico interesse,  lo stato di Israele non è ancora soddisfatto: esso impone a Vanunu la restrizione ad  ogni minima libertà di parola e di movimento giustificandola con la ragione superiore che egli rivelerebbe segreti esiziali per la sicurezza dello stato. Vanunu ha già rivelato ciò che c’era da rivelare, ma egli intanto si batte anche per il popolo palestinese, per i  suoi diritti e per la sua libertà. Questo è intollerabile per lo stato sionista etnocratico e confessionale. Vanunu ha già rilasciato diverse interviste in cui accusa Israele di genocidio e contesta in radice la natura democratica dello stato. Concedergli la libertà di  emigrare significherebbe permettergli di girare il mondo per raccontare la propria storia  e far conoscere il vero volto di Israele. Lo stato sionista non lo può permettere se vuole continuare a fare ciò che ha finora sempre fatto ovvero: tutto senza alcuna sanzione.

Molti pensano sia credibile il sospetto che Vanunu possa rivelare dettagli importanti riferibili al ruolo svolto dagli Stati Uniti nella costruzione degli armamenti nucleari israeliani, ufficialmente avversati ma in segreto favoriti e incoraggiati. Simili probabili  rivelazioni contrasterebbero clamorosamente con la guerra che i vari governi americani  hanno indirizzato contro l’Iraq, l’Iran e la Corea del nord impegnati in programmi di proliferazione nucleare. Questa condotta dei “due pesi e due misure”, largamente praticata da Israele e Stati Uniti, evidenzia meglio lo strano comportamento dell’Italia nella gestione dell’affaire Vanunu. Non risulta, infatti, che il rapimento di Vanunu, avvenuto a Roma, sia stato solennemente condannato dal governo italiano dell’epoca come atto di pirateria internazionale e sanzionato da un tribunale. Amnesty International  e altre organizzazioni per i diritti umani e civili hanno in questi anni organizzato manifestazioni, petizioni, pressioni sui parlamenti ma senza alcun esito apprezzabile.

Sembra che le vere preoccupazioni di Israele riguardino due dichiarazioni rese alla  stampa estera da Vanunu: la prima riguarda la guerra americana all’Iraq e l’invenzione delle armi di sterminio di massa, mai trovate; e la seconda riguarda il ruolo svolto da  Israele nell’assassinio di J. F. Kennedy a Dallas nel 1963.(**)

“Secondo me, Kennedy fu assassinato a causa della sua dura opposizione al [Primo Ministro israeliano] Ben Gurion”. Questi voleva ad ogni costo l’arsenale nucleare per Israele e il presidente americano era diventato pericoloso per questo progetto.

Per questa ragione, ha detto Vanunu, “dietro l’assassinio di Kennedy” vi sarebbe un gruppo che faceva riferimento a Ben Gurion.

Oggi Vanunu vive a Gerusalemme est in libertà vigilata ed ha trovato rifugio nel  recinto della chiesa anglicana di S. George, a pochi passi dal Consolato degli Stati Uniti. “In Israele – ha dichiarato Vanunu – se sei giudeo sei accettato, ma non se sei cristiano  o musulmano”.

Ma le sue sofferenze non sono finite. Il 23 maggio 2010 è stato di nuovo arrestato  e condotto in prigione per tre mesi con l’accusa di non aver osservato il divieto di comunicare con gli stranieri. L’accusa ridicola consisteva in un incontro tra Vanunu ed una cittadina norvegese avvenuto nella hall di un albergo alla quale poteva comunicare notizie classificabili come spionaggio. L’ex tecnico nucleare aveva chiesto di essere  assegnato a compiti sociali presso la comunità a maggioranza araba di Gerusalemme est e non nella parte occidentale popolata da ebrei che lo odiano, lo considerano un traditore e sono pronti ad aggredirlo. I giudici hanno rifiutato la proposta di Vanunu che è stato costretto ad accettare la prigione. La reazione di Vanunu è stata violenta: Sono sopravvissuto 18 anni – ha detto rivolto alla Corte Distrettuale di Gerusalemme – e potrei sopravvivere altri sei. Volete sottomettermi? Non potete togliermi la mia libertà di espressione.

La libertà è libertà. Non avrete da me in tre mesi ciò che non avete avuto in 18 anni.  Poiché lo Shin Bet controlla le prigioni, Vanunu ha detto che tenteranno di torturarlo psicologicamente, come hanno sempre fatto, per piegarlo e distruggere la sua resistenza.

Vergognati, Israele – ha continuato – Lo stupido Shin Bet e le spie del Mossad mi rimettono in  prigione dopo 24 anni per aver detto solo la verità. Vergognatevi, tutti voi arabi, che avete permesso  che fossi rimesso in prigione. Vergognatevi, democrazia, Knesset, sinagoghe e stampa di tutto il mondo. Vergognatevi, Senato, Congresso, e il presidente della International Atomic Energy Agency per  non aver protetto la mia libertà. Vergognatevi, religioni del mondo, stupide spie, ebrei, cristiani e  musulmani. Tutti sanno che Israele ha le armi nucleari, ma nessuno ne vuole parlare… Il mondo non  vuole le armi nucleari, né in Israele, né in Medio Oriente e in nessuna parte del mondo. (***)

Nel silenzio generale, solo Amnesty International ha fatto sentire la sua voce in difesa  di Vanunu definito “prigioniero di coscienza”. Sulla stampa e le televisioni italiane? Rumoroso silenzio. Ai tempi dell’Unione Sovietica, un dissidente, per molto meno, aveva la tribuna internazionale ai propri piedi.

Ma il calvario di Vanunu non finisce mai. L’Alta Corte di Giustizia israeliana,  nel giugno del 2011, gli ha proibito di lasciare Israele, di entrare in Cisgiordania. Le  motivazioni sono le solite: egli è ancora considerato un vero pericolo per la sicurezza di Israele, poiché detiene i segreti di stato che non sono stati rivelati in passato ma  che egli rivelerebbe se si presentasse l’occasione. Allo stesso modo è stata respinta la  richiesta di Vanunu di rinuncia alla cittadinanza israeliana. Quindi tutti i contatti coi giornalisti e personaggi stranieri gli sono vietati in quanto, dicono i giudici nella loro  ordinanza, “c’è una reale preoccupazione che alleviare le restrizioni imposte a Vanunu  comprometterebbe gravemente la sicurezza dello stato.” (****)


(*)  Cheryl Ben Tov, nata Cheryl Hanin (1960 -) agente del Mossad nota sotto il nome di “Cindy”. Era nata  negli Stati Uniti, ma si era trasferita in Israele quand’era adolescente. È cresciuta in Pennsylvania e a Orlando (Florida) in una famiglia ebrea. Trascorse un semestre in Israele durante le scuole superiori e si arruolò, dopo  la laurea nel 1978, nell’esercito israeliano. Nel 1985, si sposò con Ofer Ben Tov, anch’egli agente dell’intelligence israeliana, e fu reclutata e addestrata dal Mossad. Vanunu, subito dopo il suo rilascio dalla prigione in  aprile del 2004, disse di non credere che “Cindy” fosse un agente del Mossad: “Era un agente o dell’FBI o della CIA. Ho trascorso una settimana con lei. Ho visto la sua foto. Cindy era una giovane donna di Philadelphia.”

(**) Fonte: http://www.peacelink.it/pace/a/6247.html

(***)  Ha’aretz, 23 maggio 2010.

(****) Yedioth Ahronoth, 10 giugno 2011.




Fuga dalla realtà in Israele
Israele ha detto che vuole solo essere lasciato in pace. Gli elettori vogliono una bella vita tranquilla, pacifica e borghese, e al diavolo tutte le questioni fastidiose. Yair Lapid incarna questo stato d’animo.
di Gideon Levy
Un candidato apertamente apolitico è diventato il grande vincitore delle elezioni più apertamente apolitiche che si siano mai tenute in Israele. Un ex-commentatore e presentatore televisivo, che raramente aveva affrontato temi politici nelle sue rubriche sui giornali e nelle trasmissioni televisive settimanali, ha compiuto una transizione istantanea all’arena politica. Israele gli ha detto un sonoro sì: sì al giovane, sì al nuovo, sì all’apolitico. 
lapid01

Yair Lapid è stato consacrato principe della corona, secondo per importanza solo a re Bibi (Netanyahu), il quale è apparso quasi nudo, visto che se non fosse stato per l’alleanza con Yisrael beiteinu – il partito laico di destra radicale dell’ex ministro degli esteri Avigdor Lieberman – difficilmente il Likud del premier sarebbe diventato il gruppo parlamentare più numeroso della nuova knesset. Una campagna elettorale vuota ha prodotto un risultato altrettanto vuoto: un po’ di tutto e un sacco di niente. 
Ancora una volta le elezioni israeliane si sono concluse in un nulla di fatto, un pareggio tra destra e sinistra, sempre che in Israele questi termini significhino ancora qualcosa. Tanto per cominciare, il risultato emerso dalle urne ha ridimensionato il peso di Naftali Bennett, visto che la sua formazione di estrema destra Habayit hayehudi, per il numero di seggi che ha conquistato, si è rivelata né più né meno che una copia del partito religioso Shas: non era questo il risultato che pensavamo e nemmeno quello che temevamo. 
Inoltre, quello pronunciato da Israele è stato un sì molto esitante, o meglio un quasi no, all’aspirazione della leader laburista Shelly Yachimovich, di diventare la vera alternativa a Netanyahu. Il suo partito non sarà secondo per numero di seggi alla knesset e questo segna la fine delle sue pretese di ricostruire il Partito laburista. Yachimovich contava sui voti dei partecipanti alle proteste sociali di due estati fa e sugli elettori giovani e anziani, ma questi, obbedienti e conformisti come sono, alla fine non l’hanno votata. Né le è servito il turpe gioco di prestigio con cui ha fatto finta che l’occupazione israeliana dei territori palestinesi non esistesse. 
Invece Israele ha detto sì a un partito di sinistra come il Meretz, che puntando dritto all’obiettivo ha fatto una figura dignitosa e ha raddoppiato i suoi consensi. Ma ha anche detto no ai vari partitini improvvisati che non hanno neppure superato la soglia di sbarramento alla knesset
Ma soprattutto Israele ha detto apertamente che cosa vuole: vuole essere lasciato in pace. Gli elettori vogliono una bella vita tranquilla, pacifica e borghese, e al diavolo tutte le questioni fastidiose e assillanti. La perfetta incarnazione di questo atteggiamento è proprio Yair Lapid, esempio vivente del sogno israeliano. E’ di bell’aspetto, veste bene, parla bene, ha sposato la persona giusta, abita nel quartiere giusto e guida la jeep giusta. 
Dopodiché, non ha molto da dire. Non è un estremista (Dio ce ne scampi, noi non siamo mica così) né è dipo da andarsi a cercare guai( non siamo neanche così). E infatti se ne sta alla larga dai temi che creano divisioni, proprio come fanno gli israeliani. Anche quando sono scesi in piazza in quella magica estate del 2011 (di cui nel giorno delle elezioni si sentiva appena qualche eco), a ripensarci le loro proteste non avevano vera sostanza e si esaurivano nel cantare le canzoni di cantanti israeliani famosi. Lapid corrisponde perfettamente a questo schema fatto di canti di protesta in piazza, senza un programma chiaro e senza rabbia. “Lasciateci vivere in pace” era lo slogan del partito dei Sionisti generali alle elezioni del 1951. “Lasciateci vivere in questo paese” è stato lo slogan di tanti israeliani in queste elezioni del gennaio 2013: lasciateci vivere senza gli arabi e gli haredim (gli ebrei ortodossi che rifiutano la cultura laica moderna), senza guerre né attentati terroristici, senza il mondo e i suoi predicozzi: Oggi come allora, questo è puro escapismo: 22 gennaio 2013 Israele ha votato per la fuga dalla realtà. 
Yair Lapid ha ottenuto un potere che probabilmente non si aspettava e che forse non sa neanche come usare. E’ difficile capire se riuscirà a dare un contenuto al potere che gli è stato conferito, ma forse c’è un margine di speranza. Avendo saputo modificare i suoi comportamenti e i suoi vezzi nel corso della campagna elettorale, abbandonandone alcuni di cui prima infarciva le sue rubriche e le sue apparizioni in tv, crescendo e maturando via via, è anche possibile che si dimostri all’altezza del ruolo che gli è capitato tra capo e collo. Forse con il potere gli arriverà anche qualche presa di posizione significativa e una certa disponibilità a battersi. 
Su di noi sta sorgendo un nuovo giorno, un giorno in cui Israele vuole solo essere lasciato in pace con tutti i suoi comfort: Lasciamo al paese e a Lapid la sua quiete, la quiete tremenda sull’orlo dell’abisso.


Pappe: possiamo provare pietà per Israele?

Lo storico Ilan Pappé guarda alla società israeliana nel nuovo anno. Provando compassione per il colonialismo razzista di arabi ebrei, nuovi immigrati e ultraortodossi.

Manifestazione israeliana per il Giorno della Liberazione di Gerusalemme (Foto: Activestill)
Manifestazione israeliana per il Giorno della Liberazione di Gerusalemme (Foto: Activestill)
Ilan Pappé per Electronic Intifada

Roma, 7 gennaio 2013, Nena News - Ho passato gli ultimi giorni del 2012 nella città di Haifa. Per caso, ho incontrato alcuni conoscenti che in passato mi consideravano nel migliore dei casi come un illuso, nel peggiore come un traditore. Mi sono sembrati più imbarazzati - quasi confessando che le mie nere previsioni sul futuro di Israele si stavano dolorosamente concretizzando di fronte ai loro occhi.

In effetti, le nostre previsioni sono giunte molto tardi. Già nel 1950, con inquietante precisione, Sir Thomas Rapp, capo dell'ufficio britannico per il Medio Oriente del Cairo, aveva previsto il futuro. È stato l'ultimo ad essere inviato da Londra per decidere se la Gran Bretagna dovesse o meno stabilire relazioni diplomatiche con Israele. Lui diede il via libera, ma avvertì i suoi superiori a Londra: "La generazione più giovane viene spinta verso un contesto militarista e così si crea una minaccia permanente alla stabilità mediorientale. Israele si sta allontanando da uno stile di vita democratico e avvicinando verso il totalitarismo della destra o della sinistra" (Public Record Office, Foreign Office Files 371/82179, E1015/119, lettera al Segretario agli Esteri Ernest Begiv, 15 dicembre 1950).

È il totalitarismo della destra che è destinato ad essere il segno distintivo dello Stato ebraico nel 2013. E alcuni dei sionisti liberali, che una volta erano disposti a divorare me e altri ebrei che la pensavano come me, oggi realizzano - come Sir Thomas prima di noi - che forse avevamo ragione. E forse a causa del loro atteggiamento più benevolo, vorrei ricambiare tentando con loro un approccio diverso nel 2013.


Compassione verso gli israeliani?

Quelli di noi che scrivono spesso per Electronic Intifada hanno mostrato in passato - e senza dubbio continueranno a farlo in futuro - piena solidarietà con le vittime palestinesi dell'esistenza e delle politiche di Israele. Ma possiamo, o dovremmo, mostrare compassione anche per gli israeliani? Ovviamente, nessuno può chiedere ai palestinesi di farlo, mentre prosegue a piene mani l'esproprio della loro terra. Ma forse noi che apparteniamo almeno etnicamente ai carnefici possiamo pensare per un momento ai nostri connazionali, in questo inizio di nuovo anno.

Lasciatemi cominciare con una questione personale. Durante la mia visita ho avuto l'opportunità di vedere il mio ex collega, lo storico Benny Morris, in televisione e di leggere alcune sue interviste. Il suo razzismo anti-arabo e anti-islamico è oggi più crudo che mai: un rude discorso infarcito d'odio, velenosamente sputato fuori nel modo più disgustoso. Allora, perché dovremmo mostrare empatia? Perché il suo primo libro sui rifugiati permise a me e ad altri di aprire gli occhi. Non era un grande libro di storia, ma era una ricerca eloquente della verità, cercata negli archivi di Stato, sui crimini israeliani nel 1948.

Eppure la sua trasmutazione in un razzista non sorprende, segue la stessa traiettoria di molti dei cosiddetti sionisti liberali in Israele. Lui e i suoi amici hanno vissuto un'epifania negli anni Novanta: scoprire le fondamenta immorali dello Stato. Questo avrebbe potuto aprire la strada ad una sincera riconciliazione, ma è stato anche un momento spaventoso che richiedeva coraggiose decisioni personali. Molti di loro, invece di negare la verità e la colpevolezza, hanno optato per nasconderla attraverso un nuovo sionismo, di gran lunga più estremo e odioso. Questo particolare gruppo di sionisti probabilmente non passerà per una vera rinascita, ma forse i loro figli sì. Si può solo sperare.


Gli arabi ebrei di Israele

Compassione può essere mostrata anche agli arabi ebrei di Israele. Ho notato durante la mia visita che molti di loro indossano - quasi piegati dal suo peso - un grandissimo medaglione con la Stella di David, di una misura che non avevo mai visto prima. Hanno paura che la polizia o gli ufficiali pubblici possano scambiarli per "arabi" e allora indossano questi enormi ciondoli che urlano "Sono ebreo, non arabo, anche se ci assomiglio!" (Come se noi che viviamo tra il fiume Giordano e il mare avessimo un aspetto tanto diverso l'uno dagli altri).

Tutto ciò è triste e patetico, ma forse l'accademica Ella Habiba Shohat aveva ragione quando ci chiedeva di considerare gli arabi ebrei come vittime del sionismo, al pari dei palestinesi. Tuttavia è difficile, con il rischio di generalizzare, comprenderli tra le vittime visto che ormai hanno accettato completamente la formula per la quale più è forte il loro razzismo anti-arabo e più israeliani possono diventare.

Negli anni Settanta, gli arabi ebrei lottarono contro le discriminazioni. I partiti di destra in Israele capitalizzarono la loro frustrazione per costruirsi una base elettorale che portasse al potere il Likud e convogliasse le politiche di identità degli arabi ebrei verso posizioni anti-arabe e anti-palestinesi. Ma qualsiasi tipo di futuro per gli ebrei in Palestina deve passare attraverso la connessione organica ed intrinseca con questi ebrei nella regione, con il loro passato, la loro civiltà e il loro futuro. Ce ne sono ancora molti che possono mostrare ai coloni europei come imparare a conciliarsi con ogni tipo di trasformazione nel mondo arabo.

Il mio terzo messaggio di compassione è per gli ebrei ultraortodossi. L'idea di uno Stato ebraico è una farsa, e lo sanno bene. Non esiste alcun fondamento nell'ebraismo per creare uno Stato basato sulla religione. Così alcuni di loro hanno optato per un chiaro anti-sionismo, per il quale vengono perseguitati, e altri per un imbarazzante sionismo attraverso la colonizzazione della Cisgiordania. Per un momento ci dovremmo mettere nei loro panni: sono una consistente parte della popolazione ebraica e potrebbero essere parte di una nuova e migliore Palestina in Medio Oriente.


Ghetti culturali

Il mio quarto vacillante impulso alla compassione è diretto agli ebrei russi (ne ho visti molti pregare nelle chiese ortodosse ad Haifa e nel Nord). Sono la prima generazione di coloni nel progetto coloniale in corso. Sono come degli alieni in questo Paese - come lo furono i primi sionisti - e si sentono persi. Così creano dei ghetti culturali o, come gli arabi ebrei, provano ad integrarsi offrendosi come il polo più fascista e razzista della scena politica israeliana. In entrambi i casi, è qualcosa di molto spiacevole e insoddisfacente.

La mia ultima brama di empatia va agli studenti ebrei in Occidente, che ancora insistono a mostrarsi come ambasciatori di Israele nei campus universitari. Anche qui, la loro patetica condizione umana muove a compassione. Avrebbero potuto ricoprire un ruolo d'avanguardia - come fecero i loro predecessori nelle lotte per l'uguaglianza negli Stati Uniti e nei movimenti contro l'apartheid in Sudafrica e l'imperialismo in Vietnam - in una delle più grandi campagne di umanità per la pace e la giustizia: il movimento di solidarietà con il popolo palestinese.

Ma si sono ritrovati confusi e disorientati, rappresentanti dell'oppressore, del colonizzatore e dell'occupante. Il risultato finale è la ripetizione a pappagallo degli slogan preparati dalla diplomazia israeliana, che penso abbiano poco senso anche per coloro che recitano senza convinzione le accuse di anti-semitismo e terrorismo.

Pensavo di aggiungere anche i pionieri, i veterani del sionismo nel 1948, che hanno confidato i loro segreti al regista Eyal Sivan e a me (le loro testimonianze furono mostrate in uno schermo che abbiamo montato nel cuore di Tel Aviv alla fine del 2012) e che ci hanno raccontato con coraggio i crimini che commisero contro i palestinesi durante la Nakba. Ma questo sarebbe troppo.

Forse quando la pace sarà più vicina, potrò seguire i passi di Desmond Tutu e mostrare la stessa compassione del Comitato Sudafricano per la Verità e la Riconciliazione. Ma fino ad allora tenterò di lasciare la porta parte a chi come me appartiene a questa società coloniale e con i quali spero un giorno i palestinesi costruiranno una Palestina libera e democratica. Nena News.

Tradotto in italiano dalla redazione di Nena News


Le radici storiche della guerra segreta USA-NATO contro la Siria

Terrorismo dal “Volto Umano”: la storia degli squadroni della morte degli Stati Uniti.
Squadroni della morte in Iraq e in Siria.


Michel Chossudovsky è un autore di prestigio, professore emerito di scienze economiche presso l’Università di Ottawa, fondatore e direttore del Centro per la Ricerca sulla Globalizzazione (CRG), Montreal, ed editore del sito web globalresearch.ca.
Fra le altre opere, ha scritto “La globalizzazione della povertà e il Nuovo Ordine Mondiale” (2003) e “La guerra dell’America  al terrorismo” (2005).
Il suo libro più recente è intitolato “Verso uno scenario da III Guerra Mondiale: i pericoli di una guerra nucleare” (2011). Egli è anche un collaboratore dell’ Enciclopedia Britannica. I suoi lavori sono state pubblicati in più di venti lingue.

(Traduzione di Curzio Bettio di Soccorso Popolare di Padova)


Global Research, 4 gennaio 2013


salvadordeathsquad
 Immagine: squadre della morte in El Salvador

Il reclutamento degli squadroni della morte fa parte di una ben consolidata agenda militar-spionistica degli Stati Uniti.
Degli Stati Uniti, esiste una storia lunga e macabra, di finanziamenti clandestini e di sostegno di brigate del terrore e di omicidi mirati, risalente alla guerra del Vietnam.

Nel momento in cui le forze governative della Siria continuano a contrastare l’auto-proclamatosi “Libero Esercito Siriano” (FSA), le radici storiche della guerra segreta dell’Occidente contro la Siria, che ha prodotto come risultato atrocità senza pari, devono essere pienamente portate alla luce.
Fin dall’inizio del marzo 2011, gli Stati Uniti e i loro alleati hanno sostenuto la formazione di squadroni della morte e l’incursione di brigate terroristiche in un’impresa attentamente pianificata.
Il reclutamento e l’addestramento di brigate del terrore, sia in Iraq che in Siria, sono stati improntati sull’“Opzione Salvador”, un “modello terrorista” per uccisioni di massa da parte di squadroni della morte sponsorizzati dagli Stati Uniti nell’America Centrale.
La sua prima applicazione ha visto la luce in El Salvador, nel periodo di maggior successo della resistenza salvadoregna contro la dittatura militare, con la produzione conseguente di circa 75.000 decessi.
La formazione di squadroni della morte in Siria si fonda sulla storia e l’esperienza delle brigate terroristiche sponsorizzate dagli Stati Uniti in Iraq, secondo il programma di “contro-insurrezione” del Pentagono.

L’istituzione di squadroni della morte in Iraq
Squadroni della morte sponsorizzati dagli USA sono stati reclutati in Iraq a partire dal 2004-2005 in un’iniziativa lanciata sotto la guida dell’ambasciatore statunitense John Negroponte, inviato a Baghdad dal Dipartimento di Stato nel giugno 2004.


Negroponte era “l’uomo giusto per il lavoro”.
Come ambasciatore degli Stati Uniti in Honduras dal 1981 al 1985, Negroponte aveva svolto un ruolo fondamentale nel sostenere e supervisionare i Contras del Nicaragua di base in Honduras, nonché nel sovrintendere alle attività degli squadroni della morte dell’esercito honduregno.
“Sotto il governo del generale Gustavo Alvarez Martinez, l’amministrazione militare dell’Honduras era una stretta alleata dell’amministrazione Reagan e responsabile della “scomparsa” di decine e decine di oppositori politici attraverso il modo classico degli squadroni della morte.”
Nel gennaio 2005, il Pentagono, confermava che questo era oggetto di valutazione:
La formazione di squadre di azione terroristica di combattenti Curdi e Sciiti per prendere di mira i leader rivoltosi della Resistenza irachena, come risorsa strategica, è stata presa a prestito dalla lotta degli Stati Uniti di 20 anni fa contro i guerriglieri di sinistra nell’America Centrale”.  
Sulle linee della cosiddetta “Opzione El Salvador”, elementi armati iracheni e statunitensi sarebbero stati inviati ad assassinare o rapire leader rivoltosi, anche raggiungendoli in Siria, dove alcuni di costoro pensavano di trovarsi al sicuro. ...
Queste squadre di azione avrebbero sollevato notevoli perplessità, e probabilmente per questo sono state tenute segrete.

L’esperienza dei cosiddetti “squadroni della morte” nell’America Centrale rimane ancora per molti una ferita aperta e ha contribuito a macchiare di disonore l’immagine degli Stati Uniti nella regione.
In buona sostanza, l’amministrazione Reagan finanziava e addestrava gruppi di forze nazionaliste per neutralizzare i leader ribelli salvadoregni e i loro simpatizzanti...
In quel periodo, dal 1981 al 1985, John Negroponte, l’ambasciatore usamericano a Baghdad, svolgeva un ruolo di primo piano come ambasciatore in Honduras.  
Gli squadroni della morte erano una caratteristica brutale della politica latino-americana del tempo. Nei primi anni ‘80, l’amministrazione del Presidente Reagan finanziava, e contribuiva alla loro formazione, i Contras del Nicaragua con le loro basi in Honduras, con l’obiettivo di spodestare il regime sandinista del Nicaragua.
I Contras venivano equipaggiati con il denaro proveniente da vendite illegali di armi dagli Stati Uniti verso l’Iran, uno scandalo che avrebbe potuto rovesciare il signor Reagan.
L’essenza della proposta del Pentagono in Iraq, ... era di seguire questo modello ...
Non era chiaro se l’obiettivo principale di queste missioni in Iraq sarebbe stato quello di assassinare i ribelli o di rapirli, per poi interrogarli sotto tortura. Probabilmente, ogni missione in territorio siriano doveva essere effettuata da forze speciali statunitensi.
Nemmeno era chiaro chi avrebbe dovuto assumersi la responsabilità di un tale programma - il Pentagono o la CIA, Central Intelligence Agency. Tali operazioni segrete venivano tradizionalmente gestite dalla CIA, che doveva assicurare come un alibi all’amministrazione al potere l’estraneità delle decisioni, fornendo ai funzionari e ai dirigenti degli Stati Uniti la possibilità di negare la conoscenza delle operazioni stesse.
(El Salvador-style ‘death squads’ to be deployed by US against Iraq militants – Times Online, January 10, 2005 – “Squadroni della morte” sul modello El Salvador vengono messi in campo dagli Stati Uniti contro militanti iracheni – Times on-line, 10 gennaio 2005)
Mentre l’obiettivo dichiarato della “Opzione Salvador in Iraq” era di “neutralizzare la ribellione”, in pratica le brigate terroristiche sponsorizzate dagli USA venivano coinvolte in uccisioni sistematiche di civili, al fine di fomentare la violenza settaria fra le fazioni.
A loro volta, la CIA e il servizio britannico MI6 facevano da supervisori delle unità “Al Qaeda in Iraq” impiegate in omicidi mirati direttamente contro la popolazione sciita.
Significativamente, gli squadroni della morte venivano integrati da “consiglieri” sotto copertura appartenenti alle Forze Speciali degli Stati Uniti.

Robert Stephen Ford , successivamente nominato ambasciatore degli Stati Uniti in Siria, faceva parte della squadra di Negroponte a Baghdad nel 2004-2005.
Nel gennaio 2004, era stato inviato come rappresentante degli Stati Uniti presso la città sciita di Najaf, la roccaforte dell’esercito del Mahdi, con cui prendeva contatti preliminari. [Muqtada al-Sadr, politico e religioso iracheno, leader del Movimento Sadrista, nel giugno del 2003 fondava una milizia, denominata Esercito del Mahdi,  per combattere le forze di occupazione in Iraq.]


Nel gennaio 2005, Robert S. Ford veniva nominato rappresentante diplomatico Consigliere per gli Affari Politici presso l’ambasciata degli Stati Uniti sotto la guida dell’ambasciatore John Negroponte. 
Egli non solo era membro del team più esclusivo, era anche collaboratore stretto di Negroponte nell’impostare l’“Opzione Salvador”. A Najaf, aveva gettato alcune delle basi di questa operazione, prima del suo trasferimento a Baghdad.
A John Negroponte e Robert Stephen Ford veniva affidato il compito del reclutamento degli squadroni della morte iracheni.
Mentre Negroponte coordinava l’operazione dal suo ufficio presso l’ambasciata degli Stati Uniti, Robert S. Ford, che parlava correntemente sia l’arabo che il turco, veniva incaricato di stabilire contatti strategici con gruppi di miliziani sciiti e curdi all’esterno della “Zona Verde”.
[La Zona Verde è il nome più comune che prende la zona internazionale di Baghdad. Si tratta di all’incirca di 10 chilometri quadrati al centro di Baghdad, centro dell’autorità provvisoria della coalizione e centro della presenza internazionale in città. Subito all’esterno di questa zona ve ne è un’altra chiamata Zona Rossa con riferimento a tutto il perimetro rimanente della città di Baghdad, ma anche a tutte quelle aree non protette al di fuori del sito militare.]

Due altri funzionari d’ambasciata, Henry Ensher (vice di Ford) e un funzionario più giovane della sezione politica, Jeffrey Beals, svolgevano un ruolo importante nella squadra nel “trattare con un settore di Iracheni, compresi gli estremisti". (Vedi The New Yorker, 26 marzo 2007).
Un altro individuo chiave nel team di Negroponte era James Franklin Jeffrey, ambasciatore degli Stati Uniti in Albania (2002-2004). Nel 2010, Jeffrey veniva nominato ambasciatore degli Stati Uniti in Iraq (2010-2012).

Inoltre, Negroponte introduceva nella sua squadra uno dei suoi ex collaboratori, il colonnello James Steele (a riposo), durante il suo periodo d’oro in Honduras:
“Per la messa a punto dell’“Opzione Salvador”, Negroponte si avvaleva dell’assistenza di un suo collega dei tempi d’oro in America Centrale durante gli anni ‘80, il Col. a riposo James Steele.


Steele, il cui titolo a Baghdad era Consigliere per le forze di sicurezza irachene, curava la selezione e la formazione dei membri dell’Organizzazione Badr e dell’Esercito del Mahdi, le due più importanti formazioni di miliziani sciiti in Iraq, allo scopo di prendere di mira la dirigenza e le reti di informazioni di supporto in primo luogo della Resistenza sunnita.  
Che questo fosse programmato o no, questi squadroni della morte immediatamente sfuggivano ad ogni controllo, per diventare la principale causa di morte in Iraq.
Intenzionalmente o no, un numero rilevante di corpi torturati e mutilati, che saltavano fuori per le strade di Baghdad ogni giorno, era opera degli squadroni della morte, un prodotto dell’iniziativa di John Negroponte. Ed è questa la violenza settaria, sostenuta segretamente dagli USA, che in gran parte ha portato al disastro infernale, che è l’Iraq di oggi.”
(Dahr Jamail, Managing Escalation: Negroponte and Bush’s New Iraq Team,  Antiwar.com, Gestire l’escalation: la squadra per il nuovo Iraq di Negroponte e Bush; 7 gennaio 2007)
Secondo il deputato democratico Dennis Kucinich, membro della Camera dei Rappresentanti, il colonnello Steele era il responsabile dell’attuazione di un piano in El Salvador per cui decine di migliaia di Salvadoregni erano “scomparsi” o erano stati assassinati, tra cui l’arcivescovo Oscar Romero e quattro suore statunitensi.
Dopo la sua nomina a Baghdad, il colonnello Steele veniva assegnato ad una unità contro-insurrezionale conosciuta come “Reparto di Polizia Speciale” alle dipendenze del Ministero degli Interni iracheno (vedere ACN, Havana, 14 giugno 2006) 
I rapporti confermano che “l’esercito degli Stati Uniti consegnava molti prigionieri alla Brigata Wolf, il temuto 2° battaglione delle unità speciali del Ministero degli Interni”, e questo avveniva sotto la supervisione del colonnello Steele:
“Militari usamericani, consiglieri statunitensi, stavano in disparte e non facevano nulla, mentre membri della Brigata Wolf picchiavano e torturavano i prigionieri. I commandos del Ministero degli Interni avevano occupato la biblioteca pubblica a Samarra, e la avevano trasformata in un centro di detenzione. Un’intervista condotta da Maass del New York Times nel 2005 nella prigione improvvisata, accompagnato dal consigliere militare statunitense della Brigata Wolf , Colonnello James Steele, veniva interrotta dalle urla terribili di un prigioniero provenienti dall’esterno.
Steele in precedenza era stato impiegato come consigliere per aiutare a schiacciare una rivolta in El Salvador.”(Ibid)

Un altro personaggio di spicco che ha giocato un ruolo nel programma di contro-insurrezione in Iraq è stato l’ex capo della polizia di New York Bernie Kerik [nella foto: Bernie Kerik alla scuola di polizia di Baghdad scortato da guardie del corpo], nel 2007 incriminato da un tribunale federale sotto l’accusa di 16 gravissimi reati.

Kerik walks amidst a phalanx of bodyguards during visit to the Police Academy in Baghdad, July 2003.
All’inizio dell’occupazione dell’Iraq nel 2003, Kerik era stato nominato dall’amministrazione Bush per sovrintendere all’organizzazione e all’addestramento delle forze di polizia irachene.
Durante il breve periodo di servizio in cui nel 2003 assumeva la carica di “ministro ad interim degli Interni”, Bernie Kerik operava per l’organizzazione di unità terroristiche all’interno delle forze di polizia irachene: “Inviato in Iraq con l’incarico di risistemare le forze di sicurezza irachene, Kerik si auto-nominava ministro degli Interni ad interim dell’Iraq. Consiglieri di polizia britannici lo definivano il “Terminator di Baghdad” (Salon, 9 dicembre 2004)

Sotto la guida di Negroponte come ambasciatore degli Stati Uniti a Baghdad, si era scatenata un’ondata di uccisioni di civili e di omicidi mirati, sotto copertura. Ingegneri, medici, scienziati e intellettuali furono presi di mira.
Lo scrittore ed analista geopolitico Max Fuller ha documentato in dettaglio le atrocità commesse sulla scia del programma contro-insurrezionale sponsorizzato dagli Stati Uniti:

“La comparsa di squadroni della morte diventava assolutamente evidente nel maggio di quest’anno [2005], ... decine di corpi venivano ritrovati gettati alla rinfusa ... in aree deserte attorno a Baghdad. Tutte le vittime erano ammanettate, bendate e colpite alla testa, e molte di loro portavano anche i segni di essere state brutalmente torturate ...
Le prove erano così convincenti che l’Associazione degli Accademici Musulmani (AMS), una delle principali organizzazioni sunnite, rilasciava dichiarazioni pubbliche in cui venivano accusate le forze di sicurezza aggregate presso il Ministero degli Interni e la Brigata Badr, l’ex ala armata del Consiglio Supremo per la Rivoluzione Islamica in Iraq (SCIRI), di stare dietro agli omicidi. Inoltre si accusava anche il Ministero degli Interni di gestire un terrorismo di Stato.” (Financial Times).

I commandos della Polizia e la Brigata Wolf agivano sotto la supervisione del programma statunitense contro-insurrezionale presso il Ministero degli Interni iracheno:
“I commandos della Polizia venivano formati attraverso le sperimentate istruzioni e la supervisione di esperti veterani usamericani, combattenti anti-insurrezionali, e fin dall’inizio conducevano operazioni congiunte con unità di forze speciali degli Stati Uniti, di elite e strettamente segrete.”  (Reuters, National Review Online).

... Una figura chiave nello sviluppo dei commandos Speciali di Polizia era James Steele, un ex operativo delle forze speciali dell’esercito degli Stati Uniti, che si era fatto le ossa in Vietnam prima di passare a dirigere la missione militare USA in El Salvador nel pieno della guerra civile di quel paese. ...

Un altro collaboratore statunitense era quello Steven Casteel che, come consigliere più anziano degli Stati Uniti presso il Ministero degli Interni iracheno, liquidava le accuse gravi e ben circostanziate delle raccapriccianti violazioni dei diritti umani come “voci e insinuazioni”.
Come Steele, Casteel aveva acquisito una notevole esperienza nell’America Latina, nel suo caso partecipando alla caccia al capo cartello della cocaina Pablo Escobar nelle Guerre alla droga in Colombia degli anni ‘90 ...
Il curriculum di Casteel è significativo, perché questo tipo di ruolo di appoggio alla raccolta di informazioni e alla produzione di elenchi di morte è caratteristico del coinvolgimento degli Stati Uniti nei programmi anti-insurrezionali, e costituisce il filo conduttore in quelle che potrebbero sembrare orge casuali, senza alcun collegamento, di ammazzamenti.  

Tali genocidi centralmente pianificati sono pienamente coerenti con ciò che sta avvenendo oggi in Iraq [2005] ... Essi sono inoltre in linea diretta con quanto poco noi sappiamo dei commandos Speciali di Polizia, che sono stati ritagliati su misura per “fornire al Ministero dell’Interno forze speciali con particolari capacità di attacco”. (US Department of Defense).

In piena sintonia con tale ruolo, il quartier generale dei commandos di Polizia è diventato il fulcro di un comando a livello nazionale, un centro di controllo, di comunicazioni, di operazioni informatiche e di intelligence, per gentile concessione degli Stati Uniti. (Max Fuller, op. cit.)

Questo lavoro impostato dalle fondamenta da Negroponte nel 2005 veniva pienamente realizzato sotto il suo successore, l’ambasciatore Zalmay Khalilzad.
Robert Stephen Ford garantiva la continuità del progetto, prima di venire nominato ambasciatore degli Stati Uniti in Algeria nel 2006, così come al suo ritorno a Baghdad come vice Capo Missione nel 2008.

Operazione “Syrian Contras”: “Imparare la lezione dall’esperienza irachena!”
La macabra versione irachena dell’“Opzione Salvador” sotto la guida dell’ambasciatore John Negroponte è servita come “modello di comportamento” per la creazione dei Contras del “Libero Esercito Siriano”.  
Senza dubbio, Robert Stephen Ford è stato coinvolto nella realizzazione del progetto per la formazione dei Contras siriani, considerata la sua riassegnazione a Baghdad nel 2008, come vice Capo Missione.
L’obiettivo in Siria consisteva nel creare divisioni tra fazioni, tra Sunniti, Alawiti, Sciiti, Curdi, Drusi e Cristiani.
Mentre il contesto in Siria è completamente diverso da quello in Iraq, esistono analogie sorprendenti per quanto riguarda le procedure con cui sono stati condotti omicidi e atrocità.

Un articolo pubblicato da Der Spiegel riguardante le atrocità commesse nella città siriana di Homs conferma un processo settario per organizzare omicidi di massa ed esecuzioni extragiudiziali paragonabili a quelli condotti dagli squadroni della morte in Iraq, con il pieno appoggio degli Stati Uniti.
Gli abitanti di Homs sono stati regolarmente classificati come “prigionieri” (Sciiti, Alawiti) e “traditori”. I “traditori” sono quei civili Sunniti, all’interno dell’area urbana occupata dai ribelli, che esprimono il loro dissenso o la loro opposizione alle regole del terrore del Libero Esercito Siriano (FSA):

““Dalla scorsa estate [2011], abbiamo giustiziato poco meno di 150 uomini, che rappresentano circa il 20 per cento dei nostri prigionieri”, afferma Abu Rami…Ma i carnefici di Homs sono stati più impegnati con i traditori all’interno delle loro stesse fila che con i prigionieri di guerra. “Se catturiamo un Sunnita che fa la spia, o se un cittadino tradisce la rivoluzione, noi facciamo in fretta”, sottolinea il combattente. Secondo Abu Rami, la “brigata della sepoltura” di Hussein ha messo a morte tra i 200 e 250 traditori dall’inizio dell’insurrezione.”
(Der Spiegel,  30 marzo 2012)


L’ambasciatore Robert Stephen Ford ad Hama (Siria Centrale) all’inizio del luglio 2011

Il progetto ha richiesto un programma iniziale di reclutamento e di addestramento di mercenari.
Le squadre della morte, che comprendono unità salafite di Libanesi e Giordani, sono entrate in Siria attraverso il confine meridionale con la Giordania, a metà marzo 2011.
Gran parte dell’operazione era già in atto prima dell’arrivo di Robert Stephen Ford a Damasco nel mese di gennaio 2011.
La nomina di Ford come ambasciatore in Siria veniva annunciata all’inizio del 2010. Le relazioni diplomatiche erano state interrotte nel 2005, dopo l’assassinio di Rafick Hariri, che Washington imputava alla Siria.
Ford arrivava a Damasco appena due mesi prima dell’inizio della rivolta.

Il Libero Esercito Siriano (FSA)

Washington e i suoi alleati hanno replicato in Siria le caratteristiche essenziali dell’“Opzione Salvador per l’ Iraq”, il che ha consentito la creazione del Libero Esercito Siriano (FSA) e delle sue varie fazioni terroristiche, tra cui Al Qaeda affiliata alla brigata Al Nusra, (la brigata salafita più nota e più osannata, composta da Siriani e stranieri jihadisti, che hanno già operato in Iraq e Afghanistan).
Mentre nel giugno 2011 veniva annunciata la creazione del Libero Esercito Siriano, il reclutamento e la formazione di mercenari stranieri erano stati avviati in un periodo ben precedente.

Per molti aspetti, il Libero Esercito Siriano è una cortina fumogena.
È stato sostenuto dai media occidentali che questo Esercito rappresenta in buona sostanza e per certo un’entità militare formatasi come risultato di diserzioni di massa delle forze governative. Tuttavia, il numero di disertori non è stato né significativo, né sufficiente per costituire una struttura militare coerente con le funzioni di comando e di controllo.

Il Libero Esercito Siriano non è una struttura militare professionale, piuttosto si tratta di una rete a maglie larghe di distinte brigate terroristiche, che a loro volta sono costituite da numerose cellule paramilitari che operano in diverse parti del paese. Ciascuna di queste organizzazioni terroristiche opera indipendentemente.

Il Libero Esercito Siriano non esercita effettivamente funzioni di comando e di controllo, nemmeno funge da collegamento fra queste diverse entità paramilitari. Queste ultime sono controllate da agenti delle forze speciali e di intelligence, supportati dagli Stati Uniti e dalla NATO ed incorporati nei ranghi di determinate formazioni terroristiche.

Questi elementi di forze speciali, altamente addestrati, molti di loro sono dipendenti di compagnie private di sicurezza, sul terreno sono regolarmente in contatto con unità di comando militari e di intelligence degli USA-NATO e alleati.
Queste forze speciali incorporate sono anche coinvolte, senza dubbio, negli attentati dinamitardi attentamente pianificati contro edifici governativi, strutture militari, ecc.
Gli squadroni della morte sono costituiti da mercenari reclutati ed addestrati dagli Stati Uniti, dalla NATO e dai loro alleati del Consiglio di Cooperazione del Golfo Persico (GCC).
Essi stanno sotto la direzione di forze speciali alleate (tra cui forze speciali dello Special Air Service britannico e dei paracadutisti francesi), e di società private di sicurezza sotto contratto della NATO e del Pentagono.
A questo proposito, rapporti confermano l’arresto da parte del governo siriano dai 200 ai 300 dipendenti di compagnie private di sicurezza , integrati nelle schiere dei rivoltosi.

La Brigata Jabhat Al Nusra
La Brigata Al Nusra - che si dice essere affiliata ad Al Qaeda -  è descritta come il più efficace gruppo di “opposizione” di ribelli combattenti, responsabile di molti degli eclatanti attacchi dinamitardi.
Raffigurata come un nemico degli Stati Uniti (nella lista del Dipartimento di Stato delle organizzazioni terroristiche), le operazioni di Al Nusra portano tutti i tratti distintivi della formazione paramilitare addestrata dagli Stati Uniti alle tattiche terroristiche.
Le atrocità commesse contro i civili da parte di Al Nusra sono simili a quelle realizzate dagli squadroni della morte sponsorizzati in Iraq dagli Stati Uniti.

Queste le espressioni del leader di Al Nusra Abu Adnan ad Aleppo:
“Tra i suoi componenti, Jabhat al-Nusra conta su Siriani veterani della guerra in Iraq, uomini che sul fronte della lotta in Siria portano competenze - in particolare la fabbricazione di ordigni esplosivi improvvisati (IED).”

Come in Iraq, sono state attivamente promosse la violenza tra fazioni e la pulizia etnica.
In Siria, le comunità alawite, sciite e cristiane sono divenute il bersaglio degli squadroni della morte sponsorizzati dagli USA-NATO. Le comunità alawita e cristiana sono gli obiettivi principali del programma di omicidi mirati.
Questo viene confermato dall’Agenzia di stampa del Vaticano:

“I Cristiani di Aleppo sono vittime di morte e distruzione a causa dei combattimenti che da mesi stanno martoriando la città. I quartieri cristiani, negli ultimi tempi, sono stati colpiti dalle forze ribelli che combattono contro l’esercito regolare, e questo ha provocato un esodo di civili.
Alcuni gruppi dell’opposizione più rigida, inclusi anche gruppi jiahadisti, sparano sulle case e gli edifici dei Cristiani, per costringere gli occupanti a fuggire e poi prenderne possesso [pulizia etnica]
(Agenzia Fides. Vatican News, 19 ottobre 2012)

“I militanti salafiti sunniti - dice il Vescovo - continuano a commettere crimini contro i civili, o a reclutare combattenti con la forza. Gli estremisti fanatici Sunniti stanno combattendo una guerra santa mossi da arroganza, in particolare contro gli Alawiti. Quando i terroristi cercano di controllare l’identità religiosa di un sospetto, gli chiedono di citare le genealogie risalenti fino a Mosè. E gli chiedono di recitare preghiere che gli Alawiti hanno rimosso. Gli Alawiti non hanno alcuna possibilità di uscirne vivi.”(PA) (Agenzia Fides, 4 giugno 2012)

I rapporti confermano l’affluenza in Siria di squadroni della morte salafiti ed affiliati ad Al Qaeda, nonché di brigate sotto gli auspici dei Fratelli Musulmani, fin dall’inizio della rivolta nel marzo 2011.

Inoltre, secondo fonti dell’intelligence israeliana, questo è stato avviato e promosso dalla NATO e dall’Alto Comando Turco, e fa ricordare l’arruolamento di Mujahideen per impegnarli nella jihad (guerra santa) della CIA all’apogeo della guerra sovietico-afghana:
“È in atto una campagna per arruolare migliaia di volontari musulmani nei paesi del Medio Oriente e nel mondo musulmano, e portarli a combattere a fianco dei ribelli siriani. L’esercito turco avrebbe ospitato questi volontari, li avrebbe addestrati e avrebbe assicurato il loro passaggio in Siria.”
(DEBKAfile, la NATO fornisce ai ribelli armi anti-carro”, 14 agosto 2011)  

Le Compagnie private di sicurezza e il reclutamento di mercenari
Secondo informazioni ben documentate, nel reclutamento e nell’addestramento dei mercenari sono coinvolte compagnie private di sicurezza straniere, che operano negli Stati del Golfo.
Anche se non destinate al reclutamento di mercenari specificamente diretti contro la Siria, la documentazione sottolinea la creazione di campi di addestramento nel Qatar e negli Emirati Arabi Uniti (UAE).

A Secret Army of Mercenaries for the Middle East and North Africa

Nella città militare di Zayed (Emirati Arabi Uniti), “sta formandosi un esercito segreto” , gestito da Xe Services, ex Blackwater. [La Blackwater Worldwide, già conosciuta come Blackwater USA e Xe Services LLC, dal dicembre 2011, come Academi, è una compagnia militare privata fondata nel 1997.]
L’accordo con gli Emirati Arabi Uniti per stabilire un campo militare per la formazione di mercenari è stato firmato nel luglio 2010, nove mesi prima dello scatenarsi delle guerre in Libia e in Siria.
Secondo recenti sviluppi, società di sicurezza sotto contratto con la NATO e il Pentagono sono impegnate nell’addestramento di squadroni della morte di “oppositori” sull’uso di armi chimiche:
“Gli Stati Uniti e alcuni loro alleati europei stanno utilizzando contractor di difesa per addestrare ribelli siriani su come proteggere scorte di armi chimiche in Siria, - questo hanno riferito alla CNN Sunday un alto ufficiale degli Stati Uniti e diversi autorevoli diplomatici.”
(CNN Report, 9 dicembre 2012)
I nomi delle società interessate non sono stati rivelati.

In gran segreto, al Dipartimento di Stato degli Stati Uniti
Robert Stephen Ford  ha fatto parte di un gruppo ristretto inserito nella squadra del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, che curava il reclutamento e la formazione di brigate terroristiche, in collaborazione con Derek Chollet e Frederic C. Hof, un ex socio in affari di Richard Armitage, che ricopriva l’incarico di “coordinatore speciale per la Siria” degli USA.  
Derek Chollet è stato recentemente nominato alla carica di sottosegretario alla Difesa per gli Affari della Sicurezza Internazionale (ISA).
Questa squadra operava sotto la guida dell’(ex) sottosegretario di Stato per gli Affari nel Vicino Oriente, Jeffrey Feltman.
Il gruppo di Feltman era in stretto collegamento con il processo di reclutamento e di addestramento di mercenari provenienti dalla Turchia, Qatar, Arabia Saudita e Libia (per …gentile concessione del regime post-Gheddafi, che ha spedito un gruppo di 600 combattenti islamici libici (LIFG) in Siria, via Turchia, nei mesi successivi al crollo del settembre 2011 del governo di Gheddafi).
Il sottosegretario di Stato Feltman era in contatto anche con il ministro degli Esteri saudita, principe Saud al-Faisal, e con il ministro degli Esteri del Qatar, sceicco Hamad bin Jassim.
Era anche a capo di un ufficio situato a Doha (capitale del Qatar) per un “coordinamento della sicurezza speciale” rispetto alla questione della Siria, che comprendeva rappresentanti di agenzie di intelligence occidentali, dei Paesi del Golfo e anche un rappresentante della Libia.
Faceva parte di questo gruppo il principe Bandar bin Sultan, un membro importante e controverso dei servizi di spionaggio dell’Arabia Saudita. (Vedi Press Tv,  12 maggio 2012).


Nel giugno 2012, Jeffrey Feltman (nell’immagine) veniva nominato Sottosegretario generale per gli Affari politici dell’ONU, una posizione strategica che, in pratica, consiste nel fissare l’agenda delle Nazioni Unite (per conto di Washington) in merito alle questioni relative alla “Risoluzione dei Conflitti” nei diversi “punti geopolitici caldi” di tutto il mondo (tra cui Somalia, Libano, Libia, Siria, Yemen e Mali).
Per amara ironia, i paesi oggetto della “Risoluzione dei Conflitti” sono proprio quelli che sono il bersaglio delle operazioni segrete degli Stati Uniti!

In collaborazione con il Dipartimento di Stato USA, la NATO ed i loro manutengoli dei Paesi del Golfo di Doha e Riyadh, Feltman è l’uomo di Washington che sta alle spalle dell’inviato speciale dell’ONU, Lakhdar Brami, per una “Proposta di Pace” in Siria

Nel frattempo, mentre aderiscono a questa iniziativa di pace delle Nazioni Unite, gli Stati Uniti e la NATO hanno accelerato il processo di reclutamento e di addestramento di mercenari, in risposta alle gravi perdite subite in Siria dalle forze ribelli di “opposizione”..
Gli Stati Uniti hanno proposto che la “fine del gioco” in Siria non coincida con un cambio di regime, ma con la distruzione della Siria come Stato Nazione.
Il dispiegamento di squadroni della morte di “oppositori”, con il mandato di uccidere civili fa parte di questa impresa criminale.

Il terrorismo dal “Volto Umano” è sorretto dal Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani.
Le atrocità commesse dagli squadroni della morte USA-NATO sono con troppa superficialità addossate al governo della Siria.  
L’“obiettivo indicibile” di Washington consiste nella disgregazione della Siria come nazione sovrana – secondo linee di separazione etniche e religiose - in varie, distinte e politicamente “indipendenti” entità.


Note e riferimenti:

“Squadroni della morte” modello El Salvador da schierarsi contro militanti in Iraq da parte degli Stati Uniti ; Nota editoriale di Global Research
Questo articolo, pubblicato su The Times all’inizio del 2005, rende nota la strategia di Washington di squadroni della morte in Iraq, sponsorizzati dagli USA. Con John Negroponte, ora al timone degli apparati di intelligence degli Stati Uniti, questa strategia è ora ...
IRAQ: migliaia sono gli ammazzati dagli squadroni della morte governativi
Faik Bakir, direttore dell’obitorio di Baghdad, ha lasciato l’Iraq temendo per la sua vita dopo aver segnalato che più di 7000 persone sono state uccise dagli squadroni della morte del ministero degli Interni iracheno negli ultimi mesi…

“L’Opzione Salvador per la Siria”: squadroni della morte sponsorizzati dagli USA-NATO incorporano “Forze di opposizione”
Modellata sulle operazioni segrete degli Stati Uniti in America Centrale, l’“Opzione Salvador per l’Iraq” del Pentagono, avviata nel 2004, è stata posta in atto sotto la guida dell’Ambasciatore degli Stati Uniti in Iraq John Negroponte (2004-2005) ...

7.000 Sunniti uccisi dagli squadroni della morte
Sì, questo è ciò che Faik Bakir, direttore dell’obitorio di Baghdad, ha dichiarato al quotidiano The Guardian.
Settemila Sunniti sono stati uccisi dagli squadroni della morte programmati, finanziati, gestiti, e completamente incorporati nel ministero dell’Interno iracheno...




Parla R. Baer ex agente CIA nei Balcani

Srebrenica, la CIA e le manipolazioni mediatiche

Nel corso degli anni ci sono stati molti ex militari e personale dei servizi segreti che hanno scritto libri e articoli che parlano del loro lavoro e gli obiettivi dei loro padroni. Tali informazioni sono sempre le più interessanti, quanto più l'oggetto è vicino alle emozioni della gente e quando è necessario ( per obiettivi politici) che la percezione del pubblico sia modificata.
Robert Baer è un ex alto ufficiale della CIA e autore di numerose opere sul suo lavoro di quel tempo e sui suoi ex datori di lavoro, nelle amministrazioni di Bill Clinton e George W. Bush. Le sue pubblicazioni sono state fonte di irritazione e disagi per le attuali autorità statunitensi che hanno anche portato al suo arresto in diverse occasioni.
Come agente della CIA, ha lavorato nella ex Jugoslavia dal 1991-1994 e in Medio Oriente. Ha partecipato a numerosi documentari sul canale televisivo nazionale Geographic accusando Bush di fare la guerra per il petrolio! La seguente intervista con Robert Baer è stato condotto da Milos Cupurdija in Canada e mette in evidenza alcune delle letture comuni sbagliate, in quanto abilmente manipolate circa gli eventi che hanno lacerato e insanguinato l’ex Jugoslavia.


 __________________________________



Quando è arrivato in Jugoslavia e quale è stato il suo primo lavoro? Sono arrivato in elicottero con 3 altri agenti il 12 gennaio 1991 a Sarajevo. Il nostro compito era quello di tenere d'occhio i presunti terroristi serbi che avrebbero potuto attaccare Sarajevo.


Chi erano questi terroristi e perché avrebbero dovuto attaccare Sarajevo? Ci furono date informazioni su un gruppo chiamato "Supremazia Serba" ed un loro progetto di attaccare edifici simbolo a Sarajevo con l’obiettivo che la Bosnia avrebbe lasciato la Jugoslavia.Esisteva questo gruppo? Che cosa ha effettivamente fatto a Sarajevo? Tale gruppo non è mai esistito la verità è che eravamo stati ingannati dal nostro comando centrale. Ci avevano dato il compito di impaurire la popolazione e diffondere il panico tra i politici in Bosnia. Fondamentalmente abbiamo lavorato a riempirgli la testa con l'idea che i serbi avrebbero attaccato. Inizialmente abbiamo fatto questo lavoro poi alla fine ci siamo resi conto che stavamo diffondendo storie e panico per un gruppo che non esisteva.


Quanto tempo è durata quest’operazione e come si chiamava?
Per me è durata due settimane, perché poi ho ricevuto l'ordine di andare in Slovenia su un altro lavoro. L'operazione ha continuato per un altro mese e il nome in codice era "Istina/Verità", che è esattamente ciò che non era.


Perché è andato in Slovenia?
Mi fu detto che la Slovenia si apprestava a dichiarare la sua indipendenza dalla Jugoslavia. 
Mi hanno dato dei soldi, parecchi milioni di dollari con i quali avremmo dovuto finanziare le organizzazioni non governative, i partiti di opposizione e quei politici che erano pronti a incitare e propagandare tra la popolazione la secessione.


Alla luce di queste attività di propaganda che tipo di idea aveva della CIA e che cosa pensano i suoi colleghi?
Naturalmente non si può discutere un compito dato dalla CIA, soprattutto in quel momento in cui tutti erano nervosi e paranoici. Numerosi agenti e alti ufficiali erano scomparsi ne nulla perché si erano rifiutati di lavorare alla propaganda contro i serbi in Jugoslavia. Io personalmente ero scioccato dalla quantità di menzogne perpetrate dalla CIA e dai politici degli Stati Uniti. Molti agenti della CIA hanno lavorato a questa propaganda, ma non erano del tutto consapevoli di ciò che stavano facendo, in quanto ciascuno era coinvolto in un solo aspetto del progetto e solo coloro che potevano mettere insieme l'intero quadro, conoscevano le finalità del lavoro e questi erano solo i politici.


Quindi c'era solo propaganda contro i serbi?Sì e no. La propaganda aveva lo scopo di dividere le repubbliche e di favorirne il loro distacco dalla Jugoslavia. Abbiamo dovuto scegliere un agnello sacrificale che doveva avere la colpa di ogni cosa. Qualcuno che doveva essere interamente responsabile per la guerra e della violenza. La Serbia è stata scelta perché era in qualche modo il successore della Jugoslavia.

Può dire i nomi di politici della ex Jugoslavia che avrebbero ricevuto soldi dalla CIA?
Sì, anche se questo è delicato. Stipe Mesic, Franjo Tudjman, Alija Izebegović, molti consiglieri e membri del governo della ex Jugoslavia, e anche generali serbi, giornalisti e anche alcune unità militari. Per un certo tempo Radovan Karadzic è stato pagato, ma ha smesso di prendere aiuti quando si rese conto che sarebbe stato sacrificato e accusati di crimini in Bosnia. Egli fu “giocato” dal governo degli Stati Uniti.



Lei ha citato il finanziamento e il controllo dei mezzi di comunicazione, come è avvenuta questa cosa?
E 'già noto che alcuni agenti della CIA erano responsabili per la scrittura delle dichiarazioni ufficiali che poi sarebbero state lette nei notiziari. Naturalmente i giornalisti non ne sapevano niente, essi ricevevano le istruzioni dai loro capi, come questi avevano ricevuto istruzioni dal loro capo che era un nostro uomo (della CIA). C'era un compito sopra tutto ed era quello di incitare all'odio e al nazionalismo attraverso la televisione e di esasperare le differenze tra le persone.


Srebrenica cui siamo tutti a conoscenza. Puo’dire qualcosa su questo avvenimento?

Sì, dal 1992 sono stato di nuovo in Bosnia, ma questa volta abbiamo dovuto addestrare unità militari che rappresentavano la Bosnia; il nuovo Stato, che aveva appena dichiarato l'indipendenza. Srebrenica è una storia esagerata, e sfortunatamente molte persone sono state manipolate.

I numeri delle persone uccise ... questi erano tutti parte del marketing politico. Il mio capo che era stato precedentemente Senatore degli Stati Uniti, più volte mi disse che ci sarebbe stato ad un certo punto una grande truffa in Bosnia. Un mese prima del presunto genocidio di Srebrenica mi disse che questa città sarebbe stata conosciuta in tutto il mondo e fummo incaricati di tenere informare i media. Quando gli ho chiesto perché mi disse che avrei visto. Ricevemmo un ordine che, insieme al nuovo esercito bosniaco avremmo dovuto attaccare le case e la gente di Srebrenica. Naturalmente i serbi sarebbero stati incitati e pagati a reagire facendo lo stesso anche loro.



Chi poteva essere responsabile del genocidio di Srebrenica?
Semplicemente le morti di Srebrenica erano dovute ai bosniaci, ai serbi e agli americani, noi! Ma la colpa di tutto è stata indicata nei serbi. Purtroppo molte delle vittime sono stati sepolte in quanto musulmani, invece erano serbi o di altre nazionalità. Qualche anno fa un mio amico, un ex agente della CIA e attualmente al lavoro in seno al FMI, ha detto che Srebrenica era un prodotto di un accordo tra il governo degli Stati Uniti e di politici in Bosnia. Srebrenica come città è stata sacrificata perché dopo i presunti crimini dei serbi, l'America aveva un motivo per attaccare.


Perché pensa che la Jugoslavia si sciolse e perché il suo governo volle avere un suo ruolo in tutto questo?
Tutto è chiaro, la gente che aveva tranquillamente istigato ad alta voce alla guerra, con l’avvento della pace, ora sono proprietari di aziende che sfruttano una grande varietà di risorse minerarie e simili in quella terra! Semplicemente, di voi hanno fatto schiavi, ed il vostro popolo ora lavora quasi gratuitamente e i prodotti vanno in Germania e in America, ed essi guadagnano! Alla fine dovete pagare per importare quello che avete fatto voi stessi e poiché non avete i soldi dovete contrarre prestiti. Questa è la storia in tutti i Balcani!



Lei on è stato attivo in Kosovo come agente della CIA, ma c'era là qualche pressione da parte degli Stati Uniti?Certo! Il Kosovo è stata preso per due motivi, in primo luogo per le sue risorse minerali e naturali, e in secondo luogo per la base militare NATO in Kosovo! Nel cuore d'Europa è la più grande base militare.


Hai un messaggio per il popolo della ex Jugoslavia?
Ce l’ho. Dimenticare il passato recente, esso è stata una messa in scena e falsato. Siete stati manipolati e hanno ottenuto quello che volevano, e sarebbe stupido per voi odiare ancora l'un l'altro. Dovete essere forti e dimostrare che siete a conoscenza di quanto è successo e chi è stato il responsabile. Mi scuso sinceramente e questo è il motivo per cui da tempo ora svelo i segreti della CIA e della Casa Bianca.

__________________________________

Da Britic Magazine. Londra 10 ottobre 2012

__________________________________
Robert Baer sta attualmente promuovendo il suo nuovo libro "I segreti della Casa Bianca". Ecco alcune delle sue pubblicazioni precedenti.
See No Evil: La vera storia di un soldato a terra in guerra della CIA contro il terrorismo, Crown Publishing Group, gennaio 2002, ISBN 0-609-60987-4.
Dormire con il diavolo: come Washington ha venduto la nostra anima per il greggio saudita, Crown Publishing Group, luglio 2003, ISBN 1-4000-5021-9.
Blow the House Down: A Novel, Crown Publishing Group, 2006, ISBN 1-4000-9835-1.The Devil We Know: Trattare con la nuova superpotenza iraniana, Crown Publishing Group, settembre 2008 ISBN 0-307-40864-7
La Società We Keep: Un marito-e-moglie, storia di vera spia, Crown Publishing Group, 8 marzo 2011


Traduzione del Forum Belgrado Italia, per civg.it

CIA exposed by former agent – Robert Baer


October 10, 20121



Over the years there have been many ex military and secret service personnel that have written books and articles that talk about their work and the objectives of their bosses. Such disclosures are always most interesting when the subject matter is close to your heart and when you feel that the public perception needs to be altered. 

 Robert Baer is a former senior CIA officer and the author of many works about his former employers at the time of the administrations of Bill Clinton and George W. Bush. His publications have been a source of irritation to the current US authorities leading to his arrest on several occasions. 

 As a senior CIA operative, he worked in the former Yugoslavia from 1991-1994 and in the Middle East. He has participated in several documentaries on the National Geographic TV channel accusing Bush of making war for oil! The following interview with Robert Baer was conducted by Milos Cupurdija last month in Canada and highlights some of the public misconceptions about the events that tore up Yugoslavia.

 __________________________________

When did you arrive in Yugoslavia and what was your first job? 

I first arrived by helicopter with 3 other agents on 12 January 1991 in Sarajevo. Our job was to keep an eye on the supposed Serbian terrorists who were due to attack Sarajevo.

Who were supposed to be the terrorists and why would they be expected to attack Sarajevo? 

They were given information about a group called “Serbian Supreme” and their plans to attack key buildings in Sarajevo with the desire that Bosnia would leave Yugoslavia.

Was there such a group, and what did you actually do in Sarajevo?

Such a group never existed and we had been tricked by our central command. We were tasked with warning people and spreading panic amongst the politicians in Bosnia. Basically we just filled their heads with the idea that the Serbs will attack. Initially we were taken with the story but eventually realised that we were spreading stories and fear about a group that did not exist.

How long did this operation last and what was it called?

For me it lasted for two weeks because then I received orders to go to Slovenia on another job. The operation continued for another month after and the code name was “Istina” which is exactly what it was not.

Why did you go to Slovenia? 

There I was told that Slovenia was getting ready to declare it’s independence from Yugoslavia. I was given money, several million dollars with which we would finance non governmental organizations, opposition parties and politicians all of whom were prepared to spread and incite amongst the population.

Given these propaganda activities what sort of opinions did you have of the CIA and what did you’re colleagues think?

Of course you do not refuse a task given to you by the CIA especially at that time when everybody was jumpy and given to paranoia. Many agents and high ranking officers had disappeared because they had refused to work on propaganda against the Serbs in Yugoslavia. I personally was shocked at the amount of lies being perpetrated by the CIA and the US politicians. Many CIA agents worked in propaganda but were not entirely aware of what they were doing as they would be involved with just one facet of the project and only those who could piece together the whole picture knew the aims of the work and they were the politicians.

So there was only propaganda against the Serbs? 

Yes and no. The propaganda was aimed to divide the republics and to ensure that the states are separated from the mother of Yugoslavia. We had to choose a sacrificial lamb that could be blamed for everything. Someone who would be responsible for the war and the violence. Serbia was chosen because it is in some ways the successor of Yugoslavia.

Can you name the politicians from the former Yugoslavia that received money from the CIA?

Yes, although this is delicate. Stipe Mesic, Franjo Tudjman, Alija Izebegović, many advisors and members of the government of Yugoslavia, and also Serbian generals, journalists and even some military units. For a time Radovan Karadzic was paid but stopped taking the help when he realized he would be sacrificed and charged with crimes in Bosnia. He was played by the U.S. administration.

You mentioned the financing and control of the media, how did this take place? 

It is already known that some CIA agents were responsible for writing the official statement that news anchors would read. Of course the news readers did not know anything as they received their instructions from their bosses who received instructions from his boss who was our (CIA) man. There was one overall task and that was to incite hatred and nationalism through television and for differences between the people to really stand out.

Srebrenica which we are all aware of. Can you say something about that situation?

Yes, from 1992 I was in Bosnia again, but this time we had to train military units representing Bosnia, the new State which only just declared it’s independence.  Srebrenica is an exaggerated story, and unfortunately many people have been manipulated by it. The numbers of the people killed…these were all part of the political marketing. My boss who had previously been in the US Senate had several times told me that there would at some point be a big con in Bosnia. A month before the supposed genocide in Srebrenica he told me that this town would be known around the world and we were instructed to inform the media. When I asked him why he said I will see. We received an order that with the newly formed Bosnian army we should attack the houses and people of Srebrenica. Of course the Serbs followed suite as they would have been incited and paid to do so also.

Who could it be responsible for the genocide in Srebrenica? 

Simply the deaths in Srebrenica were due to the Bosnians, the Serbs and the Americans, us! But the blame for everything is laid at the feet of the Serbs. Unfortunately many of the victims were buried as Muslims and yet they were Serbs or other nationalities. A few years ago a friend of mine, a former CIA agent and currently working in the IMF said that Srebrenica was a product of an agreement between the U.S. government and politicians in Bosnia. Srebrenica as the city was sacrificed because after the alleged crimes of Serbs, the America had a reason to attack.

Why do you think that Yugoslavia broke up and why did your government want to have it’s role in this?

Everything is clear, people who had quietly instigated the war and loudly shouted about the peace are now the owners of the companies that exploit a variety of mineral resources and the like in that land! Simply, they made slaves of you, your people are working for free and the products are going to Germany and America, they earn! In the end you  have to pay to import what you have made yourselves and since you have no money you must take out loans. It’s the  story with the whole of the Balkans!

You have not been active in Kosovo as a CIA agent, but was there some pressure from the United States? 

Of course! Kosovo was taken for two reasons, firstly because of mineral and natural resources, and secondly, the Kosovo military base NATO! In the heart of Europe is their largest military base.

Do you have any message for the people of the former Yugoslavia? 

I have. Forget your recent past it was staged and faked. You have been manipulated and they got what they wanted and it would be stupid for you to still hate each other. You have to be stronger and to show that you are aware what has happened and who was responsible. I sincerely apologise and this is why I have for a long time now been exposing the secrets of the CIA and the White House.

__________________________________

Robert Baer is currently promoting his new book “The Secrets of the White House”. Here are some of his previous publications.

See No Evil: The True Story of a Ground Soldier in the CIA’s War on Terrorism, Crown Publishing Group, January 2002, ISBN 0-609-60987-4.

Sleeping With the Devil: How Washington Sold Our Soul for Saudi Crude, Crown Publishing Group, July 2003, ISBN 1-4000-5021-9.

Blow the House Down: A Novel, Crown Publishing Group, 2006, ISBN 1-4000-9835-1.


The Company We Keep: A Husband-and-Wife True-Life Spy Story, Crown Publishing Group, March 8, 2011



Da Britic Magazine. Londra




Democrazia in Siria? Non ce n’è bisogno!
di Agenzia SIR del 21/10/2012
Dichiarazioni di Sua beatitudine Gregorios III Laham, patriarca di Damasco


www.agensir.it

Chiesa che è nell´Islam
“Quando sento dire che dobbiamo introdurre la democrazia in Siria, io rispondo che non ce n’è bisognoSubeatitudine Gregorios III Laham, patriarca di Damasco, ha aperto così, ieri pomeriggio a Roma nell’aula Pio XI del Palazzo San Calisto, l’incontro su “Musahalacristiansirianil ministero della riconciliazione” organizzato dalla fondazione di diritto pontificio “Aiuto alla Chieschsoffre.

Dove tutti sono ugualiSecondo le statistiche, in Siria, finora, “sono state 30mila le vittime della più grande guerra in termini di bugia e ipocrisia”, ha detto il patriarca che guida 350mila fedeliNepanoramdemondarabola Siria è il Paese meno povero, benché senza petrolio, con meno analfabetismo”, e basti pensare che nel “civile” Egitto a non saper leggere e scrivere è il 50% della popolazione, “gli ospedali e l’insegnamento nelle scuole sono gratuiti, il commercio è libero, la donna pure, e partecipa alla vita politica, sociale, religiosa ed economicaDa2012, con la crisi, sono nati dodici partiti, abbiamo una nuova costituzione, un business bancario, l’economiè moltsviluppataQuellsirianè unstatsocialista laico credente, migliore di molti stati europei che non vogliono riconoscerllorradiccristiane. La Siria è un Paese in cui tutti sono ugualimusulmanicristianiÈ lunicstatmusulmansenzreligione di stato, e il primo ministrè purucristiano.

UnvialtraQuantal ministero della riconciliazione (“musalaha”), “è un segnale di apertura in questa Siria così maltrattata”, sottolinea il patriarca di Damasco: “La crisi della Siria è frutto della divisione del mondo arabo, che principalmente ha bisogno di riconciliazioneNosiamo la ChiesincarnatnemondaraboSiamo la Chiesa degli arabi - ha proseguito - ed essendo questi a maggioranza musulmani, siamo di conseguenza la Chiesdemusulmani. La Chiesa è nell’islam, con l’islam e per l’islam. Gran parte della culturcristianè musulmanviceversaPurtroppo la stampa dice che solo i cristiani hanno privilegi ma non è vero: tutti, senza discriminazioniiSirihannpardirittdoveriAllstatattualeperòcè bisogno di tempo: la rivoluzione ha bisogndevoluzionesennò diventdistruzioneIPaesè preparatohunstoriuntradizionehupatrimonioQuantnocristianinosiamo migliori di altri, siamo qualcos’altro, cerchiamo un’altra via, e la riconciliazione per me è questo ‘somethinelsequalcosaltroNoabbiatpauradicai miei fedeli, di essere gregge, sale e lievito della società.

UnpartdeproblemaAllincontro è intervenuta anche madre Agnès-Mariam de La Croix, coordinatrice del gruppo di supporto internazionale al movimento “Musalaha”: “Lavoriamo per il popolo siriano nella sofferenza terribile per questa guerra che nessuna stampa ha sottolineato e per le pressioni dei grandinteressinternazionaliQuestpopoluannfaiun grande incontro con mille rappresentanti associativi, ha fatto il patto di non prendere le armi uno contrlaltroIpattdepopolsiriannoè politicomnazionalepequestè nata la Musalahafiancdemovimentnatdabassscollocigruppo internazionale di supporto al Musalaha in Siria, con sede a Sidney e uffici in Francia, Italia, Inghilterra e IrlandaTrlattivitàrelazioni e negoziazioni con organizzazioni non governative e legislatorideputatisenatoriLintercomunità internazionalecosì comlUnioneuropeavuolunsoluzionpacifical conflittiSiriamoltpersonpregano perché si fermi la violenza, che non è la soluzionemunpartdeproblema.

EdificarpontiVengo da una famiglia ortodossa, ma il Signore mi ha chiamato ad essere francescano”, ha raccontato padre Ibrahim AlsabaghsirianoDamascnellstessedificivivonfamiglie di tutte le religioni, quand’ero alle elementari avevo amici ebrei e tanta gente, anche oggi, quando passa un religioso, di qualunque tipo egli sia, si alza in piedi in segndrispettoQuandsonandatstudiaralluniversità ebraica Gerusalemme avevo paura, ma giravo con l’abito: noi abbiamo un’identità cristiana, il Signore ci spinge ad esternarla, non possiamo rimanere entro noi stessi, esistere o vivere in qualche posto senza edificare ponti con la gente con cuviviamoSecondo padre Ibrahim “la gente ha capito che il fondo della riconciliazione è il ritorno in sé, come ha fatto il figliol prodigoÈ unletturteologica, spiega veramente quella che può essere la riconciliazione. La nostra presenza è molto importante ma anche molto minacciataSenzquestpresenzachdovrà edificarponti?.
21/10/2012







QUARTO MANDATO PRESIDENZIALE PER CHÁVEZ. UNA VITTORIA PER IL POPOLO POVERO
da Adista Notizie n. 37 del 20/10/2012

36884. CARACAS-ADISTA. Per tanta stampa internazionale (a cominciare da quella italiana), le presidenziali venezuelane del 7 ottobre avrebbero dovuto essere, malgrado i sondaggi dicessero tutt’altro, «elezioni al cardiopalma», con i due contendenti separati appena da una manciata di votiuno, Henrique Capriles Radonsky, il candidato dell’oligarchia, giovane e arrembante («generoso e coraggioso sfidante» lo definisce Pierluigi Battista sul Corriere della Sera del 9/10), l’altro, Hugo Chávez, malato e sul viale del tramonto politico (ma, sempre secondo Battista, spadroneggiante «come un despota»). Ovviamente, non è andata cosìse un dubbio c’era rispetto all’esito elettorale, questo riguardava solo l’entità della vittoria del leader bolivariano. E la vittoria è stata netta, con oltre dieci punti di differenza tra Chávez e Capriles55,15% contro 44,25%. E con un’affluenza di tutto rispettooltre l’80%. Alle presidenziali del 2006, è vero, la distanza dall’avversario (Manuel Rosales) era stata ben più rilevante (62,8% contro 37,2%), ma il numero dei voti pro-Chávez è cresciuto rispetto ad allora, sfondando per la prima volta il muro degli otto milioni (ne aveva presi 7.309.080 nel 2006), contro i poco meno 6 milioni e mezzo dell’opposizione (risultato comunque nettamente migliore rispetto ai 4 milioni e 300mila voti del 2006). E nessuno stavolta (ad eccezione di Gianni Riotta, che su La Stampa dell’8/10 parla di «ombra dei brogli», oltre che di «macchina di mazzette, raccomandazioni e paura») ha potuto agitare lo spettro delle frodi, essendo notoriamente il sistema elettorale venezuelano tra i più avanzati e affidabili del mondo intero (per ammissione dello stesso Centro Carter).
Ancora Chávez, dunque, per la quarta volta e per altri sei anni, fino al 2019 (salute permettendo).
La dignità dei poveri
La frase più bella gliel’ha rivolta la presidente argentina Cristina Kirchner«Hai arato il terreno, lo hai seminato, lo hai irrigato e ora ti godi il raccolto». Ma è un po’ tutta l’America Latina (con l’ovvia eccezione dei governi filostatunitensi) a festeggiare la vittoria di Chávez – a cui lo scorso maggio, si ricorderà, la stampa internazionale dava due mesi di vita – nella convinzione che in gioco, in queste elezioni, non ci fosse solo la continuità del progetto bolivariano, ma il futuro stesso del processo di integrazione in corso nella “Patria Grande”, di cui il Venezuela è stato il motore principale (v. Adista n. 31/12).
Ben altra aria si respira invece in Europa (e negli Stati Uniti), dove del presidente venezuelano viene solitamente trasmessa solo una grottesca caricatura. Il capo di Stato «senza dubbio più diffamato al mondo» lo definiscono Jean-Luc Mélenchon e Ignacio Ramonet (La Jornada, 5/10), ricordando come, fin dal principio, Chávez si fosse impegnato a lavorare a beneficio dei poveri e come, a differenza di quel che avviene normalmente con le promesse elettorali, abbia «mantenuto la parola», come gli riconoscono i poveri che lo hanno votato e rivotato per 14 volte. Senza entrare nel dettaglio delle ormai celebri missioni sociali, delle nazionalizzazioni, dei risultati ottenuti nei diversi ambiti della riforma agraria, dell’alimentazione, della politica abitativa, delle pensioni, del salario minimo e via dicendo, il governo di Chávez (che Gianni Riotta liquida come «caudillo reduce da 14 anni di malgoverno») dedica, secondo Mélenchon e Ramonet, «il 43,2% del bilancio statale alle politiche sociali», con il risultato che «il tasso di mortalità infantile è stato dimezzato. L’analfabetismo sradicato. Il numero di insegnanti moltiplicato per cinque (da 65mila a 350mila)». Ancora, il Paese «presenta il miglior coefficiente Gini (l’indice che misura il tasso di disuguaglianza) dell’America Latina» e, «nel suo rapporto del gennaio 2012, la Commissione Economica per l’America Latina e i Caraibi (Cepal) stabilisce che il Venezuela è il Paese sudamericano che, insieme all’Ecuador, ha ottenuto, tra il 1996 e il 2010, la più decisa riduzione del tasso di povertà».
Non solol’istituto statunitense Gallup, che certo non può essere tacciato di filochavismo, «presenta il Paese di Hugo Chávez come la sesta nazione più felice del mondo». Si potrebbero ancora menzionare i primi passi verso la creazione di un nuovo tipo di Stato, nel quadro del cosiddetto Socialismo del XXI secolo, attraverso il sostegno a forme, oggi ancora embrionali, di autogoverno popolare. E, infine, il risultato in assoluto più importantela conquista di una nuova consapevolezza da parte del popolo povero, la coscienza della propria insopprimibile dignità.
Mezzi di disinformazione
E il presunto deficit di democrazia su cui la stampa pone con tanta enfasi l’accento? Se, spesso e volentieri, i media locali e internazionali lamentano la mancanza di libertà di espressione in Venezuela («Chávez ha, come sempre, negato par condicio televisiva al rivale, controllando l’informazione», scrive per esempio Riotta), in realtà l’80% della stampa scritta è nelle mani dell’opposizione, la quale controlla anche 61 canali televisivi su 111, con un audience che supera il 61%.
Ma la cattiva pubblicità assume anche aspetti paradossali. Nel 200– ricorda Pascual Serrano (Público, 7/10) – la stampa spagnola dava ampio risalto a un rapporto del gruppo bancario spagnolo BBVA, presentato dinanzi alla Commissione del Mercato dei Valori degli Stati Uniti, sui rischi relativi alla situazione economica venezuelana. Ebbene, sottolinea Serrano, di lì a poco l’esplodere della crisi dei mutui subprime rivelava che era, al contrario, la situazione economica statunitense a destare preoccupazione, proprio «mentre il governo venezuelano destinava 236,7 milioni di dollari a 1.547 progetti socio-produttivi comunitari». E, quattro anni dopo, a collassare non è stata certo l’economia venezuelana, ma quella «del Paese della banca che diffondeva questo rapporto e dei media che diligentemente ne davano notizia».
È la stessa stampa, del resto, sottolinea Serrano, che nel 2007, ai tempi del referendum sulla riforma costituzionale, bocciata per un soffio dagli elettori (l’unica sconfitta subita da Chávez, e serenamente accettata; v. Adista n. 88/07), deplorava la pretesa del leader bolivariano di imporsi come presidente a vita quando in gioco c’era solo la possibilità di ricandidarsi senza limiti di mandato (al di là della sua discutibile opportunità). La stessa stampa che, tra altri innumerevoli esempi, riportava la notizia del divieto della Coca Cola in Venezuela, quando ad essere proibito era appena l’edulcorante ciclammato contenuto nella Coca Cola Zero, peraltro vietato anche negli Usa.
Tanta disinformazione stronca ovviamente ogni possibilità di utili confronticome sottolinea il politologo spagnolo Juan Carlos Monedero (Público, 9/10), di fronte alla «perdita dello Stato sociale e di diritto sofferta dall’Europa sotto i colpi del modello neoliberista, potrebbe essere interessante sapere come l’America Latina sia passata per la stessa strada 30 anni fa» e come ne sia uscita «attraverso processi costituenti che stanno ponendo le basi di un nuovo patto sociale». Un confronto a cui si richiamava, alla vigilia delle elezioni, anche il gesuita Miguel Matos (Adital, 1/10), mettendo in guardia i sostenitori di Enrique Capriles dal pericolo di «assistere nel nostro Paese allo stesso spettacolo trasmesso dai notiziari di Spagna, Grecia, Cile, Italia», prodotto dall’applicazione delle solite misure, «quelle che cerca ora di imporci il nostro ineffabile Enrique». Un grido di allarme, il suo, accompagnato da un durissimo atto di accusa contro i vertici ecclesiastici, che egli definisce «irresponsabili, complici, antievangelici, anticristiani», perché «loro sì che conoscono bene i pericoli a cui stiamo andando incontro».
E allo stesso modo, dalla Spagna, il teologo Benjamín Forcano, in un articolo significamente intitolato “La rivoluzione bolivariana in sintonia con il Vangelo” (Redes Cristianas, 6/10), poneva l’accento sul «progetto liberatore» portato avanti in Venezuela a favore dei poveri, «di quelli di cui per tanto tempo altre politiche, e oggi la cinica politica neoliberista, non hanno mai voluto neppure sentir parlare».
Contraddizioni di un progetto liberatore
Ma, se i media vedono tutto nero, non si può nemmeno dire che sia tutto bianco. I problemi ci sono, eccome, come ha riconosciuto esplicitamente lo stesso Chávez, impegnandosi a diventare «un presidente migliore in virtù dell’esperienza accumulata»l’inefficienza dell’apparato burocratico, la corruzione dilagante, la violenza (il tasso di omicidi per 100mila abitanti è passato da 6 nel 1989 a 44 nel 2009). O problemi che, sottolinea il politologo Iván Miranda, «colpiscono direttamente la media, come i blackout elettrici causati dalla crisi energetica nel Paese, la criminalità, l’inflazione e le carenze del sistema sanitario».
Ma anche contraddizioni più profondese, come segnala Aldo Zanchetta nel numero 27 del Mininotiziario America Latina dal basso(www.kanankil.it/aldozanchetta@gmail.com), «il famoso socialismo del XXI secolo è ancora una nebulosa», un motivo di forte preoccupazione viene dalla «crescente marginalizzazione, all’interno del PSUV, il partito sostenitore di Chávez, della componente più democratica, favorevole alla diffusione verso il basso del potere nell’economia e nella politica, e ciò a tutto vantaggio della componente burocratico-militare», la quale «ha portato nel tempo all’allontanamento di figure di rilievo e di certa fede progressista», come l’ex ministro del commercio Eduardo Samán, avversario tra i più decisi delle oligarchie nazionali e del grande capitale. (claudia fanti)






NEL CONFLITTO SIRIANO SI OSSERVANO NOTEVOLI SIMILITUDINI CON L'INTERVENTO DELLA NATO NELLA EX YUGOSLAVIA. TROPPI GIORNALISTI NON RIFERISCONO LE DIVERSE VERSIONI DEI FATTI E INCULCANO UN'ANALISI UNILATERALE

Per approfondire il caso delle stragi di Markale a Sarajevo si vedano ad esempio: 

---


La “strage del pane a Natale”: contraddizioni e mancanza di prove nei video  dell’opposizione 

di Marinella Correggia
25 dicembre 2012
E’ troppo chiedere ai media di analizzare le denunce e i materiali video che ricevono, facendosi le classiche domande: chi, come, se, perché, cui prodest eccetera? Non lo hanno fatto, né in Italia né all’estero, di fronte alla cosiddetta “strage del pane” ad Halfaya, Siria, 23 dicembre: “Mig di Assad uccidono trecento persone mentre in mille facevano la fila per il pane”. 
Gli oppositori dell’Osservatorio siriano per i diritti umani basato a Londra e dei Comitati di coordinamento locali hanno diffuso video che proverebbero un bombardamento dell'aviazione siriana (Mig russi) contro mille civili in coda per il pane ad Halfaya. Perché? Per ritorsione contro l’avanzata dell’opposizione armata, sostengono i media.  
Mandare un aereo a massacrare per ritorsione persone inermi affamate e per di più intorno a Natale, sarebbe non solo un atto diabolico ma anche suicida. Quel che ci vuole per tirarsi addosso l’ira armata del mondo, alienandosi anche chi continua a sostenere il negoziato anziché interventi militari. 
Tanto più che in Siria e dunque nel mondo infuria quel che l'emittente Russia Today  ha definito guerra chimica delle parole (con governo e gruppi armati a reciprocamente accusarsi dell’uso di armi vietate; ma solo le accuse dei gruppi armati sono tenute per buone). E tanto più che nello stesso giorno arrivava a Damasco l’inviato dell’Onu Lakdar Brahimi per parlare con il presidente Assad.
Eppure le notizie e i video sul 23 dicembre sono ripresi da tutti i media internazionali – e italiani – esattamente nella versione proposta dall’opposizione, senza avanzare dubbi di natura giornalistica sulle “prove video” le quali mostrano molte contraddizioni e nulla rivelano sui colpevoli, né sulla dinamica. 
L’unica cosa certa, come per tantissime immagini e notizie su questa orrenda guerra fomentata, è che ci sono morti. 

LA GUERRA MEDIATICA NON SI CHIEDE “CHI COSA COME PERCHE’”

Madrina della “notizia” è stata la tivù satellitare saudita al Arabiya, con la cifra di 300 uccisi che ha rotto ogni argine nella diffusione della notizia. La tivù saudita non è nuova agli exploit: nel febbraio 2001 un suo twitter lanciò la enorme e tragica bufala dei “diecimila morti in Libia”, una strada senza ritorno. Nel poco tempo in cui l' Ansa ha dato per certo il numero di 300 morti la notizia – poi ridimensionata, questa è stata posta in testa alla home page del sito, dopo il ridimensionamento è tornata in una posizione meno visibile. Poche ore dopo, l’emittente qatariana al Jazeera metteva in evidenza la denuncia di “attivisti” di Homs per i quali sette persone sarebbero morte per aver inalato un gas sconosciuto.
In questi giorni, è una coincidenza?, i paesi del Golfo si sono incontrati e hanno parlato anche di Siria. Inoltre, nei giorni festivi o prefestivi ci sono meno notizie, addirittura mancano i quotidiani (a ferragosto e natale), le agenzie staccano almeno per qualche ora completamente. Quindi le notizie hanno una "persistenza" molto maggiore. Insomma una notizia in un giorno del tipo ferragosto, Natale, capodanno, può avere un impatto molto superiore a una notizia analoga uscita in un giorno feriale qualsiasi.
Oltre a ciò i media, non solo italiani, prendono per buone le denunce dell’opposizione senza cercarne le prove. 
Per il Tg3: “Novanta morti secondo fonti ufficiali, oltre 300 secondo il canale satellitare al Arabiya”. Per il Tg3, dunque, “ufficiale” è la fonte dell’Osservatorio siriano di Londra.
Surreale anche il Fatto quotidiano (versione stampata) del giorno 24 dicembre: “Nessuno si aspettava che lo spietato regime siriano avrebbe fermato i suoi jet carichi di bombe e il lancio di scud, per concedere ai cittadini siriani di fede cristiana di prepararsi al Natale” (eppure, come tutti sanno, i cristiani in Siria sono nel mirino non dei Mig e degli Scud ma dei gruppi armati dell’opposizione islamista). Il Fatto online cita l’emittente saudita, con le sue fonti: testimoni oculari e attivisti anti-regime dei comitati locali (Lcc) e dall'Osservatorio per i diritti umani. 
Qualche richiamo internazionale. Dall’agenzia Reuters: “Decine di persone uccise e molte altre ferite in un attacco aereo governativo contro una panetteria, domenica, secondo gli attivisti” (…); “se confermato, l’attacco ad Halfaya, presa dai ribelli la settimana scorsa, sarebbe no egli attacchi aerei più mortali nella guerra civile in Siria”. Come prova si citano i video e un “attivista” locale: “Quando sono arrivato sul posto c’erano pile di corpi a terra, e fra questi donne e bambini” (NB. L’attivista non parla di aerei) (…) “I residenti di Halfaya parlano di 90 morti, l’Osservatorio di Londra di 60”.  
Cifre in libertà anche sulla Cnn (che almeno fin dal titolo precisa che è una denuncia dell’opposizione): secondo i Comitati di coordinamento locale – che riforniscono di notizie l’Osservatorio a Londra – “sono state uccise oltre 100 persone ma il numero è destinato a salire; un attivista ha visto la sepoltura di almeno 109 persone”. (…) L’attivista locale – sono sempre chiamati attivisti anche gli armati – spiega che “gli addetti dell’ospedale hanno dichiarato che l’area del panificio non era raggiungibile” (NB. Come mai se Halfaya è nelle mani dei gruppi armati?). Subito dopo lo stesso attivista sostiene che “gli ospedali non riescono a curare tutti i feriti”. 
Ma le contraddizioni sarebbero state molto maggiori se i media si fossero dati la briga di analizzare per bene i video portati come prova…

LE SMENTITE IGNORATE

Naturalmente quasi nessuno riporta la smentita del governo di Damasco, veicolata dalla agenzia Sana. Eccola, per un po’ di par condicio: “Gruppi terroristi hanno attaccato la cittadina di Hilfaya e commesso crimini contro la popolazione (…) per poi girare video in modo da accusare l’esercito siriano di questi crimini. Residenti di Hilfaya hanno accusato i gruppi armati di aver attaccato il dispensario e la municipalità” (NB. Un video mostra armati trionfanti sui tetti di questi edifici). “Gli abitanti hanno detto di aver chiamato l’esercito il quale ha affrontato i terroristi eliminandone un gran numero”. La Syrian Tv ha analizzato i video sottolineando le incongruità nelle denunce verbali che accompagnavano le immagini e le non corrispondenze fra lo stato e il numero dei corpi (e l’essere questi tutti uomini) e la denuncia di un massacro per via aerea su una folla enorme di donne e bambini. 

ANALISI DEI VIDEO. COSA E’ SUCCESSO DAVVERO AD HALFAYA, E NON SOLO?

Gruppi di persone sparse in diversi paesi (Siria inclusa) si sono permesse il lusso di ignorare entrambe le versioni (essendo esse di parte) e di studiare i video. Tutte le loro versioni – e il buon senso – concordano nel dire che a) i video non sono credibili perché sono contraddittori, b) i video non portano alcuna prova sul colpevole e sulle circostanze.   
Ci soffermiamo su questi due link:
e
Rileviamo quanto segue. 
- Non c’è traccia di passaggio di aerei e nessun segno che possa indicare chi ha sparato e in quale circostanza e contro chi. 
- Non ci sono donne e bambini fra gli uccisi, i quali ultimi sembrano meno numerosi di quanto denunciato.
- Nessun indizio per capire che si tratti di un panificio, anzi… un particolare mostrerebbe la messinscena: nel video un uomo depone per terra un pane tondo tradizionale, sul sangue. Per mostrare al mondo che si trattava di una panetteria? Poco dopo un’altra mano raccoglie il pane. Ma come ha tradotto il Tg1 della Rai sul suo sito? "Uno scatto fra gli altri testimonia la strage, quello di un ribelle che raccoglie una tradizionale pita, il pane siriano, da una pozza di sangue". A conclusioni simili sono arrivati anche gli attivisti europei di Mediawerkgroep Syrië
Ed ecco
l’analisi del sito siriano Syriatruth che non è governativo né sostiene l’opposizione armata: “Anche volendo trascurare la solita "coincidenza" tra la strage e l'arrivo di Brahimi a Damasco, da una prima analisi dei filmati emergono alcune incongruenze rispetto alle notizie poi diffuse: 
- non si vedono donne o bambini, eccetto una donna e un ragazzo, forse solo dei passanti; e tutte le vittime sono uomini adulti.
- Il numero massimo delle vittime dovrebbe essere tra i 20 e i 30 (cifra ben distante dai 90 di cui si parla, figuriamoci dai 300!).
Se i primi due elementi possono ridimensionare la tragedia, ma non diminuirne la gravità, il terzo sembra più significativo: 
- dalle immagini non risultano macerie tali da far pensare a un bombardamento aereo, non ci sono tracce dell'impatto della bomba o missile lanciato dal presunto Mig, ma solo un foro sull'edificio e rovine di piccola entità, più facilmente riconducibili a un ordigno di modesta portata. Questo particolare genera un altro quesito: da dove arrivano le macerie visibili sotto l'edificio? Non certo dall'unico foro che sembra visibile.
- Ulteriore interrogativo: se, come si racconta, sono state colpite delle persone in fila per il pane, perché si vedono solo corpi al di fuori della struttura e l'interno non è quasi inquadrato? E come mai è ancora quasi perfettamente integro?
- Un altro particolare riguarda la data: in un video più volte si ribadisce che è sabato 21 dicembre; mentre in un altro si parla del 23 dicembre.
- Il luogo, poi, è pieno di gruppi armati, alcuni in uniforme, altri in abiti civili, ma comunque armati (in una scena è chiaramente visibile che uno di loro toglie un kalashnikov dalle mani di un cadavere)”.
Non si sa dunque cosa sia successo. Le ipotesi sono diverse e nessuna per ora verificabile, ma la più assurda è proprio che un Mig bombardi sotto gli occhi del mondo mille persone in fila per il pane. Le vittime potrebbero essere come in altri casi (ad esempio il “massacro di Tremsheh”), membri di gruppi armati utilizzati per creare un altro possibile casus belli contro il governo siriano. Il sito potrebbe in effetti essere stato bombardato dall’esercito, negli scontri che avvengono quotidianamente con l’opposizione armata, in ambito anche urbano, là dove la guerra è stata portata. Poiché non ci sono prove che fosse un centro per la distribuzione del pane al momento della tragedia, potrebbe essere stato uno spazio preso dai gruppi armati pe r fabbricare esplosivi ed essere esploso. C’è poi chi (come la radio Irib) sostiene che potrebbe essersi trattato di un colpo portato da una delle fazioni dell’opposizione all’altra, piazzando un ordigno in piena città. 
Non si sa. Quel che è certo è che a causa della guerra, delle sanzioni, dei furti il pane scarseggia. 
Abbondano invece le “notizie” di bombardamenti aerei su file per il pane e panifici: il Consiglio nazionale siriano, un po’ detronizzato dalla neonata Coalizione di Doha, denuncia alla tivù satellitare saudita un attacco a Homs con dieci bambini morti; e i Comitati di coordinamento di Homs parlano di un bombardamento aereo a Talbise, anche lì colpito un panificio (e un ospedale da campo)  con vari morti fra cui bambini e donne. Anche lì, sul “chi, come, se, perché” non ci sono prove. 
La disinformazione legittima l’ingerenza anche militare e quest’ultima aumenta la guerra e i morti, in un perfetto circolo vizioso. 

CASI PRECEDENTI: GLI AEREI DI GHEDDAFI E IL MERCATO DI SARAJEVO

Ricordiamo en passant che la guerra Nato in Libia dovette molto, nella fase di preparazione anche mediatica, alle denunce senza prove circa i Mig governativi che massacravano  manifestanti pacifici. Tutto falso, si è scoperto. Ben presto, ma troppo tardi.
Ricordiamo anche alcuni episodi a Sarajevo negli anni 1990. Citando Michel Collon, giornalista belga da tempo attivo sulle “menzogne di guerra”: 
“Il 27 maggio 1992 una bomba uccide almeno sedici persone che facevano la coda davanti a una panetteria a Sarajevo; un centinaio i feriti. Subito vengono accusati gli assedianti serbi. Il Consiglio di Sicurezza Onu decreta sanzioni economiche contro  quel che rimane della Jugoslavia, ovvero Serbia e Montenegro, accusata di appoggiare i serbi di Bosnia. Un’inchiesta sui responsabili, effettuata in seguito all’Onu, non verrà mai pubblicata. Il giornale britannico The Independent spiegò in seguito: ‘I responsabili delle Nazioni Unite e alti funzionari occidentali ritengono che alcuni dei peggiori massacri a Sarajevo, e anche la strage del pane, siano stati compiuti dai musulmani, difensori della città, e non dagli assedianti, per forzare un intervento militare occidentale’.  (…) I due attentati che colpirono il mercato di Sarajevo nel febbraio 1994 e nell’agosto 1995 si possono far risalire alla stessa strategia. Il primo arrivò giusto per far fallire il piano di pace proposto dagli europei di fronte all’intransigenza degli Usa e del leader musulmano della Bosnia, Izetbegovic (la percentuale degli statunitensi favorevoli a un attacco armato contro i serbi passò d’un colpo da un terzo a oltre la metà). Il secondo legittimò i massicci attacchi contro le postazioni serbe intorno a Sarajevo”. Aggiungiamo che mesi dopo la prima strage di Markale, 5 febbraio 1994, Jasushi Akashi, delegato speciale ONU per la Bosnia, dichiarò  alla Deutsche Presse Agentur che un rapporto segreto Onu aveva attribuito da subito ai musulmani la paternità della strage, ma che il Segretario Generale Butrous Ghali non ne aveva parlato per ragioni di opportunità politica. Poco tempo dopo Akashi venne rimosso dall'incarico. 


__._,_.___
ATTIVITÀ RECENTI:
------------------------------
--------------------------

  IL PROLUNGATO "OTTANTANOVE" DELLA JUGOSLAVIA
  di A. Martocchia (segretario, CNJ-onlus)

  INDICE:
  1 – Tra terremoto ideologico e terremoto geopolitico
  2 – L'idea nazionale jugoslava
  3 – Economia socialista di mercato
  4 - Interpretazioni
  5 – L' “insostenibilità geopolitica” della Jugoslavia
  6 – Un prolungato golpe liberista
  7 - Conclusioni
  Scheda: Cronologia jugoslava, 1989-1991

  SCARICA IN FORMATO PDF:
http://www.cnj.it/24MARZO99/2009/TARGET/ATTI/dvd_target/docs/martocchia_opuscolo.pdf

--------------------------------------------------------
FOR FAIR USE ONLY
--> La lista JUGOINFO e' curata da componenti del
*** Coordinamento Nazionale per la Jugoslavia - ONLUS ***
***                             http://www.cnj.it/                         ***
I documenti distribuiti non rispecchiano necessariamente
le posizioni ufficiali o condivise da tutto il CNJ, ma
vengono fatti circolare per il loro contenuto informativo al
solo scopo di segnalazione e commento.
--> Bilten JUGOINFO uredjuju clanovi
***  Italijanske Koordinacije za Jugoslaviju  ***
***               http://www.cnj.it/                ***
Prilozi koje vam saljemo ne odrazavaju uvek nas zvanicni stav,
niti nase jedinstveno misljenje, vec svojim sadrzajem
predstavljaju korisnu informaciju i potstrek na razmisljanje.
---> Archivio/Arhiv:
http://groups.yahoo.com/group/crj-mailinglist/messages
http://www.domeus.it/circles/jugoinfo
---> Per iscriversi [o per cancellarsi] / Upisivanje [brisanje]:
crj-mailinglist-[un]subscribe@yahoogroups.com
---> EMAIL:  jugocoord(a)tiscali.it
---> C.N.J.: DOCUMENTO COSTITUTIVO / OSNIVACKI DOKUMENT:
http://www.cnj.it/documentazione/documento_costitutivo.htm

IL MALI, LA FRANCIA E GLI ESTREMISTI


di Tariq Ramadan




E osserva il mondo, mentre la classe politica francese pare schierata unanime circa la necessità di un intervento militare nel nord del Mali contro "islamisti", "jihadisti", "estremisti". Alcuni certo criticano il governo per essersi mosso da solo, ma considerano comunque "giusta" la decisione di intraprendere un'azione militare. Il presidente francese François Hollande, che prima dava l'impressione di essersi perduto nel bel mezzo di un governo confuso, ridà lustro al suo blasone e si rifà un'immagine di uomo di stato, di capo di guerra, che vuole "distruggere il nemico", "impedirgli di nuocere". E ' dunque nel nord del Mali che la Francia vede riflettersi l'immagine di un presidente forte, determinato, installato a Parigi.
 
Si deve cominciare dal principio e prendere una posizione chiara. L'ideologia e le pratiche delle reti e dei gruppuscoli salafiti jihadisti e estremisti sono da condannare in modo fermo e totale. La loro comprensione dell'Islam, il modo in cui strumentalizzano la religione e la applicano imponendo pene fisiche e castighi corporali in modo così odioso, è inaccettabile. Ancora una volta la coscienza musulmana contemporanea e internazionale, deve esprimersi forte e chiara, dirlo e ripeterlo, questa comprensione e l'applicazione dell'Islam sono un tradimento, un orrore, una vergogna e i primi ad opporsi devono essere i musulmani stessi e gli Stati delle società a maggioranza musulmana. Politicamente, intellettualmente e con tutta la forza della loro coscienza e del loro cuore. Tale posizione non deve flettere in alcun modo.
 
A questa ferma posizione di principio, si deve aggiungere l'analisi geostrategica ed evitare di confondere la chiarezza della posizione morale con l'ingenuità di una posizione politica binaria e semplicistica: essere contro gli estremisti jihadisti equivale obbligatoriamente ad essere d'accordo con politica francese in quel territorio? La frase "essere con noi o contro di noi" di George W. Bush è fondamentalmente sbagliata e pericolosa sia nella sostanza che in ciò che ne deriva. Dietro il "nobile" impegno della Francia a fianco del popolo africano in pericolo, ci sono alcune domande che si devono porre in modo esplicito. L'Occidente, in generale, e la Francia in particolare, hanno dimenticato i popoli per decenni sotto le dittature di Tunisia, Egitto e Libia prima di cantare le lodi delle "rivoluzioni", della "primavera araba" e della libertà. In Libia, l'intervento umanitario ha avuto aspetti torbidi, odore di interessi petrolieri ed economici poco dissimulati, in poche parole reali. Pochi mesi dopo, la Francia sarebbe intervenuta nel nord del Mali per il bene del popolo, con la sola intenzione di proteggere quel paese "amico" dal pericolo degli estremisti ormai alleati dei tuareg ribelli. Infatti... L'assenza di dati economici e geostrategici nella presentazione politica e mediatica dei fatti è preoccupante. Non si parla, inoltre, della lunga storia, e delle alleanze più recenti tra la Francia e i successivi governi malensi. Tutto pare avvenire come se all'improvviso la Francia esprimesse la sua solidarietà politica in modo libero e generoso, senza calcoli. Ma, invece, dietro le quinte dei recenti sconvolgimenti politici, la Francia ha continuato a interferire, esercitare pressione, eliminare i protagonisti non graditi (politici o militari) e creare alleanze proficue, sia ai vertici dello Stato che a livello tribale, civile e militare. Amadou Toumani Touré, rovesciato da un colpo di stato il 22 Marzo 2012, è stato fortemente fragilizzato e isolato dopo la caduta del colonnello Gheddafi.Egli sembra aver pagato il prezzo della sua politica nei confronti del Nord e del suo punto di vista sulla ripartizione dei futuri mercati dei proventi petroliferi. I legami (talvolta critici) della Francia con l'organizzazione secessionista "Il Movimento Nazionaledi Liberazione d' Azawad" (MNLA), non sono certo un segreto per nessuno e hanno permesso di creare una zona di frattura tra nord e sud del Mali molto utile alla luce delle mire di sfruttamento di ricchezze minerarie molto promettenti. La presenza di Al-Qaeda nel Maghreb Islamico (AQIM) e la sua alleanza con le tribù Tuareg del nord è stata, da 3 anni (e ancora di più in realtà), un altro fattore di giustificazione della presenza militare francese nel territorio (che si è propriamente ufficializzata dopo il lancio della "guerra" qualche giorno fa).Il governo francese e i responsabili delle multinazionali del gas e del petrolio hanno sempre, ufficialmente, relativizzato o minimizzato le scoperte in materia di risorse minerarie nel Sahel tra Mauritania, Mali, Niger e l'Algeria (si è pure parlato di "miraggio del Mali"). Tuttavia, i dati sono ben più conosciuti e certificati che non si voglia ammettere e Jean François Arrighi de Casanova, direttore della Total del Nord Africa, non ha esitato a parlare di un "nuovo Eldorado" con immense scoperte di gas e petrolio. La regione ha almeno cinque dei bacini più promettenti. Il bacino di Touadenni al confine mauritano, ha già rivelato l'importanza delle sue risorse. A cui si deve aggiungere i bacini di Tamesna e Iullemeden (frontiera con il Niger), il bacino di Nara (vicino a Mopti) e la fossa di Gao. L'Autorità per la ricerca petrolifera (AUREP) conferma il potenziale del sottosuolo del nord del  Mali in materia di risorse minerarie (soprattutto petrolio e gas). Mali, Mauritania, Niger e Algeria sono i soggetti primari e - con la caduta del colonnello Gheddafi - le prospettive di esploatazione si sono aperte per le società francesi (in primo luogo per la Total), italiane (ENI) e algerine (Sipex, filiale di Sonatrach) che hanno già investito più di 100 milioni di dollari (secondo le stime) in studi e perforazione, nonostante le difficoltà dovute a siccità e insicurezza. Il popolo amico del Mali merita dunque davvero che si difenda il suo sangue, la sua libertà e dignità quando si sa, così per caso, ciò che può serbare di petrolio e gas il suo deserto. Non sono le risorse minerarie del nord del Mali ad essere un miraggio, ma la realtà della decolonizzazione.Porsi alcuni interrogativi non è dunque legittimo? Nessuno può negare l'esistenza di gruppi violenti estremisti e radicalizzati che hanno una comprensione errata e inaccettabile dell'Islam. Lo abbiamo già detto, dobbiamo condannarli. Va notato che questi gruppi hanno strategie politiche contraddittorie e la disgraziata tendenza a stabilirsi esattamente nei luoghi in cui le risorse minerarie sono una questione centrale. Si sapeva in Afghanistan (in un territorio immensamente ricco di petrolio, gas, oro, litio, ecc.) ed ecco - non si capisce perché – che i "folli" estremisti si stabiliscono nel Sahel del Mali, al fine di applicare le loro "sharia" inumana e così poco islamica. Nel Sahel desertico! Capiamoci bene, non v'è dubbio circa l'esistenza di questi gruppi estremisti, ma si pongono legittimi interrogativi circa una loro possibile infiltrazione (i servizi di intelligence americani, come pure europei, hanno ammesso di servirsi di infiltrazioni attraverso agenti istigatori). La scelta dei luoghi e le loro modalità di operare potrebbero ben essere incoraggiate e orientate: lo sapevamo con George W. Bush, lo vediamo adesso in Mali, si può fare un uso utile dei "terroristi". Un leader militare del Mali ci ha espresso il suo turbamento durante la nostra ultima visita: "Abbiamo ricevuto l'ordine di sterminarli, di 'distruggerli '(sic), anche quando sono disarmati. Niente prigionieri! Facciamo di tutto per farli impazzire e radicalizzarsi. " Strategia di guerra davvero sorprendente. Più in generale, il Canard Enchaîné rivela che l'alleato della Francia, il Qatar, avrebbe firmato un accordo con la Total - circa le esploatazione del Sahel - e, paradossalmente, sosterrebbe finanziariamente e logisticamente gruppi radicali come "Gli insorti del MNLA ( indipendentisti e laici) i movimenti Ansar Dine, Aqmi e Mujao (djihad in Africa occidentale). " Se i fatti sono veri, si tratterebbe di una contraddizione? O di un modo per incoraggiare e spingere gli incendiari (estremisti) con lo scopo di rendere utile, necessario e indispensabile l'azione dei pompieri (francesi)? Una assegnazione dei ruoli sentita, particolarmente efficace, e talmente cinica.
 
Il mondo osserva e la recente cattura degli ostaggi in Algeria provoca un'ulteriore mobilitazione del sentimento nazionale a sostegno dell'operazione militare. Degli ostaggi americani, francesi, norvegesi, ecc. e per di più sul suolo algerino: la questione va ora oltre la Francia. Il popolo del Mali in maggioranza si rallegra, ma molti non sono ingenui: la Francia amica è sopratutto amica dei suoi interessi e il suo modo di intervenire selettivamente (in Mali e in Libia e non in Siria o in Palestina) non è una novità. La politica distorta "Francia-Africa" è finita ci è stato detto, le colonizzazioni politiche e  / o economiche hanno fatto il loro tempo, l'ora della libertà dei popoli, della dignità delle nazioni e della democrazia è scoccata! Si dovrebbe quindi aderire beatamente a questa ipocrisia generale. Si deve condannare gli estremisti, si deve condannare le loro azioni e la loro strumentalizzazione della religione e delle culture, ma viene il giorno in cui dobbiamo anche guardare in faccia le responsabilità. Agli stati africani e arabi che dimenticano i principi elementari dell'autonomia e della responsabilità politica (e quelli del rispetto della dignità dei loro popoli);alle élites africane e arabe, e a tutti noi, che siamo così incapaci di proporre una visione chiara dell'indipendenza politica, economica e culturale:ai popoli che si lasciano trascinare dalle emozioni popolari e dai miraggi delle "potenze amiche" ... a tutti noi, politici, intellettuali e cittadini preoccupati per la la dignità e la giustizia nel Sud, si deve vedere il riflesso della nostra responsabilità ultima in ciò che accade sotto i nostri occhi. La "distruzione" degli estremisti jihadisti nel nord del Mali non è una promessa di libertà del popolo del Mali, ma a lungo termine, una nuova forma sofisticata di alienazione. Pertanto, mai come oggi le forze di resistenza dei paesi del “Global South" (con i movimenti politici e intellettuali impegnati al Nord), mai queste forze, dicevamo, hanno avuto così numerose opportunità di aprire altri orizzonti e un nuovo cammino verso la loro libertà.Ma oggi non si vede niente oltre a questa euforia, questa celebrazione o questo silenzio, davanti all'azione liberatrice della Francia e della "comunità internazionale" che la sostiene unanimemente. Come se il Medio Oriente e l'Africa avessero accettato di essere sottomessi davanti alle ultime cartucce sparate da un Occidente contuso e morente per i dubbi e le crisi economiche, politiche e identitarie che lo attraversano. Il miglior servizio che l'Africa può fare a se stessa e all'Occidente, è quello di non piegarsi davanti alla nostalgia e ai deliri di potenza di quest'ultimo, ma di resistergli con dignità e coerenza in nome degli stessi valori che l'Occidente e la Francia difendono e che pertanto tradiscono ogni giorno a filo delle loro politiche false e ipocrite in Sud America, Africa e Asia. Il Nord Mali è un segnale che dà la pelle d'oca: ecco un popolo che canta la sua liberazione politica la quale è associata ad una nuova concatenazione e strangolamento economico; ecco dei politici e intellettuali africani o arabi che sorridono e applaudono (coscienti o incoscienti , ingenui, arrivisti o compromessi). L'ipocrisia e la viltà di questi ultimi non sono che lo specchio dell'ipocrisia e della manipolazione delle principali potenze occidentali. Niente di nuovo sotto il cielo delle colonie.
 
Tariq Ramadan

Giovedj, 17 gennaio, 2013 
Traduzione di Patrizia Khadija Dal Monte

FEBBRAIO 24, 2013


Dmitrij Minin Strategic Culture Foundation 23/02/2013





Il sito Debka, vicino ai servizi segreti militari israeliani, conosce bene tutti i dettagli dei retroscena della politica regionale. Pochi giorni fa ha riferito in merito a una svolta fondamentale nello svolgersi degli eventi in Siria. Secondo gli israeliani, (1) gli estremisti siriani hanno ricevuto un carico di armi pesanti, per la prima volta da quando è iniziata la guerra. I mittenti sono i gruppi del Kosovo e della Repubblica di Bosnia-Erzegovina legati ad al-Qaida. Il pacchetto comprende sistemi anticarro Kornet e Fagot forniti dall’Unione Sovietica all’ex Jugoslavia in passato*. Le armi sono finite nelle mani degli estremisti a causa dei ben noti fatti di sangue. Per quanto riguarda le fonti d’intelligence israeliane, le armi pesanti sono state trasportate dai Balcani alla Siria via mare con l’aiuto della mafia albanese, che opera silenziosamente dietro queste operazioni... Ksenja Svetlova, esperta russa sul Medio Oriente, pensa che fluiscano le armi di contrabbando attraverso il confine tra Turchia e Siria, a dispetto che gli Amici della Siria, ufficialmente, evitino l’invio diretto di armi ai ribelli. (2)
Questa è la prima volta che le forze antigovernative in Siria ricevano un considerevole carico di armi pesanti aggirando il controllo delle agenzie speciali occidentali e arabe (le agenzie d’intelligence straniere hanno semplicemente ignorato la spedizione). La maggior parte delle armi viene inviata al Jabhat al-Nusra, un gruppo islamico legato ad al-Qaida. Dopo aver ricevuto le armi, i gruppi armati di Jabhat al-Nusra azzardano interventi in Libano impegnando Hezbollah nella roccaforte sciita della valle della Bekaa, cercando di farla finita con un alleato di Bashar Assad. Sono diventati abbastanza forti da lanciare offensive in alcune aree della Siria. Le azioni di combattimento vanno avanti con intense attività terroristiche, per esempio, un altro attentato sanguinario ha avuto luogo nel cuore di Damasco, nei pressi della sede del Baath, non lontano dall’ambasciata russa, provocando la morte di decine civili, tra cui molti bambini di una scuola vicina. Secondo le Nazioni Unite, almeno 70 mila persone hanno perso la vita in Siria, a seguito dello scontro tra le forze governative e i ribelli. Due colpi di mortaio sono esplosi nello stadio Tishreen di Damasco, quando gli atleti si stavano allenando. Secondo SANA, un giocatore della squadra di calcio Watbah è stato ucciso, e due suoi compagni sono rimasti feriti.
Gli eventi del Medio Oriente non sono ignorati nella parte musulmana dei Balcani. Le forniture di armi alla Siria non sono un’eccezione. Dopo aver messo a tacere i fucili lì, i movimenti e le organizzazioni radicali islamici hanno iniziato a svolgere le loro attività sotto copertura, ma oggi sono venute alla luce. Il motivo è che gli estremisti si sentivano a loro agio in Europa fino a quando non hanno iniziato a vietargli l’ingresso e la cittadinanza in molti Paesi del continente, spingendoli a recarsi in altri posti. (3) In passato al-Qaida ha sostenuto i suoi sodali in Kosovo e Bosnia, inviando veterani e armi. Ora vuole che i debiti siano pagati. Gli emissari di al-Qaida non hanno intenzione di ridurre le loro attività nei Balcani. Mentre infuriava la guerra in Bosnia-Erzegovina, circa duemila militanti provenienti dai Paesi arabi vi si recarono per gettarsi nella mischia. Alcuni di loro avevano legami diretti con Usama bin Ladin. Dopo la fine della guerra, a seguito degli accordi di Dayton, molti rimasero nel Paese e ne divennero cittadini. L’Arabia Saudita finanziò la moschea re Fahd di Sarajevo, che si crede sia la sede dei militanti wahhabiti. Atti terroristi vengono commessi dagli islamici nella Repubblica. Per esempio, il 23enne Mevlid Jasarevic, proveniva dalla Serbia, dalla regione meridionale del Sangiaccato, per sparare con il fucile presso l’ambasciata degli Stati Uniti di Sarajevo, ferendo gravemente un poliziotto. Una bomba è esplosa alla stazione di polizia del distretto di Bugojno, uccidendo un poliziotto e ferendone sei. Fu opera di un locale militante wahhabita.
Naturalmente, l’occidente è ben consapevole di tali attività. Un rapporto della NATO dedicato alle minacce islamiche in Europa, parla di un gruppo basato in Bosnia-Erzegovina denominato  Gioventù attiva islamica – AIY. I mujahidin bosniaci istruiscono al terrorismo i membri del gruppo, sulle tecniche di manipolazione degli esplosivi, per esempio. All’inizio di questo febbraio, radicali albanesi hanno dichiarato la costituzione del “Movimento islamico per l’Unità” o LISBA, considerato in occidente come il primo Partito davvero fondamentalista nei Balcani. Il partito è registrato e si sta preparando alle elezioni parlamentari del Kosovo. LISBA ha un leader pubblico, Arsim Krasniqi, anche se Fuad Ramiqi è ampiamente indicato come la figura dominante. È noto per essere legato alla rete fondamentalista musulmana europea guidata dall’islamista Tariq Ramadan, una celebrità mediatica, e dal predicatore dell’odio del Qatar Yusuf al-Qaradawi. Ha legami con il più moderato Partito dell’Azione Democratica SDA in Bosnia-Erzegovina, e con organizzazioni simili in Macedonia. Ramiqi ha protestato contro il divieto alle ragazze di portare il velo (hijab) nelle scuole pubbliche del Kosovo. (4)
Questa è solo la cima dell’iceberg. La radicalizzazione della popolazione in Kosovo è aggravata  dalla disoccupazione totale e dalla diffusa criminalità. L’auto-proclamata indipendenza del Kosovo, sostenuta dall’occidente, ha dato ben poco alla gente comune, non c’è da sorprendersi che sia vulnerabile alla propaganda islamista. Alcuni kosovari sono legati al contrabbando di armi, si comportano come istruttori sul loro uso in Siria, arricchendo la propria esperienza in combattimento. Flussi di droga già inondano l’Europa. In futuro, si potrà aggiungervi la riesportazione delle competenze belliche per difendere i diritti dei musulmani europei. La politica dell’occidente in Siria è miope. Perdendo il controllo sugli eventi in questo Paese, in realtà, offre rifugio ai terroristi, e si affaccia la prospettiva di far riversare in Europa un furioso terrorismo. I focolai dell’estremismo islamico, apparsi con la complicità dell’occidente nella ex Jugoslavia, vengono di nuovo scatenati dall’influenza degli eventi in Medio Oriente. L’Europa sembra essere minacciata da un grande incendio...

*Il missile anticarro Fagot è un’arma che risale al 1970, difficilmente costituirà un serio problema per i carri armati siriani, quasi tutti dotati di corazze reattive. Riguardo al missile Kornet, Debka sparge disinformazione, come al solito, poiché non è mai stato esportato in Jugoslavia, ma in Turchia sia. (NdT)



(1) Debka
(2) Zman
(3) Iimes.ru
(4) Weekly Standard

La ripubblicazione è gradita con riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

 "Incriminate la CIA" 

a cura di Patrick Boylan
Un editoriale di Micromega da diffondere


Tre settimane fa la Cassazione ha avuto il coraggio di condannare definitivamente 23 agenti della CIA per il sequestro illegale dell'imam di Milano e per le torture alle quali egli è stato poi sottoposto.
David Swanson, uno degli attivisti più noti negli Stati Uniti, ha appena scritto un editoriale per MicroMega Online (ne ho curato io la traduzione dall'inglese) in cui:
1) chiede al Ministro Severino di inoltrare la richiesta di estradizione dei 23 agenti, tuttora liberi negli Stati Uniti, invece di insabbiare la pratica, come potrebbe avvenire; quegli agenti vanno sbattuti in galera;
2) chiede alla Magistratura italiana di andare oltre e -- come il giudice Garzon nel caso Pinochet -- di incriminare ora i funzionari statunitensi che praticano la tortura a Guantanamo e nelle prigioni americane, ivi compreso i loro mandanti, un certo ex-presidente americano, ora latitante nel suo rifugio texano, e l'attuale occupante della Casa Bianca.
Ecco l'editoriale: temi.repubblica.it
Va data la massima diffusione a questo articolo.
Infatti, noi Statunitensi per la Pace e la Giustizia (Roma) formeremo una delegazione per andare a vedere il Ministro Severino, per sollecitare l'estradizione dei 23 agenti. Serve un po' di clamore per dare peso alla nostra richiesta di colloquio.
Patrick Boylan

logo micromega

micromega-online

Cari Italiani, aiutateci a combattere la tortura in Usa

Con la condanna degli agenti della Cia coinvolti nell’illegale sequestro dell’imam Abu Omar il sistema giudiziario italiano ha dimostrato che davvero la legge può essere “uguale per tutti”. Ora, quasi diecimila cittadini americani chiedono all’Italia di andare oltre.

di David Swanson*, traduzione di Patrick Boylan

Quasi diecimila americani hanno già inviato i loro ringraziamenti all’Ambasciata italiana a Washington in seguito alle condanne definitive inflitte in Italia dalla Cassazione, lo scorso 19 settembre, ai 23 agenti della Cia rei di aver rapito l’ex imam di Milano il 17 febbraio, 2003, e di averlo mandato in Egitto per essere interrogato sotto tortura. Noi di RootsAction.org, movimento di cittadinanza tra i più attivi negli USA, abbiamo promosso una raccolta di ringraziamenti per dire al governo italiano che esiste un’America felice della sentenza della Cassazione e che ora vuole l’estradizione in Italia dei 23 condannati che altrimenti continuerebbero a vivere liberi e impuniti negli Stati Uniti.
Nella foto che ritrae i giudici della Cassazione che hanno emesso la sentenza si intravede, sulla parete alle loro spalle, la frase: “La legge è uguale per tutti”. E la loro sentenza ne è la prova. Ma sarà davvero “uguale per tutti” anche l’esecuzione della sentenza?
Infatti, se la legge è davvero uguale per tutti, il ministro della Giustizia dovrà avviare senza indugi o rinvii le pratiche di estradizione. Paola Severino potrebbe addirittura disporre il trasferimento coatto in Italia dei 23 condannati, tramite i Servizi segreti italiani operanti negli Stati Uniti, precisando alla Casa Bianca che si tratta di una “extraordinary rendition”…
Anzi, se la legge è davvero uguale per tutti, non ci sarà nemmeno bisogno di estradizioni o trasferimenti. Lo stesso governo statunitense manderà in galera i 23 condannati, per non affollare le prigioni di un Paese amico. Non solo, ma arresterà e processerà anche i loro mandanti, ivi compresi un certo ex capo di stato, ora latitante nel suo rifugio texano.
E non è finita, poiché se la legge è davvero uguale per tutti, gli Stati Uniti smetteranno di ordire piani per sequestrare Julian Assange. Riconosceranno che non esistono le basi legali per la sua estradizione negli Stati Uniti, e nemmeno in Svezia, perché egli non è mai stato condannato (e neppure accusato formalmente) per reati commessi nei due Paesi in questione.
Ma forse è troppo sperare. Forse bisogna ritornare con i piedi per terra, dato che la realtà ci racconta ben altro. Ad esempio…
Un giorno, mentre Abu Omar cammina tranquillamente per strada a Milano, lo fermano due poliziotti, lo interrogano per qualche minuto, poi si apre con fragore lo sportello di un furgone parcheggiato alle sue spalle e due gorilla lo trascinano dentro. Richiuso lo sportello con altrettanto fragore, il veicolo riparte a tutta velocità. Durata dell’operazione: tre secondi. Dentro, al buio, Omar viene pestato: botte e calci nello stomaco, nelle gambe, nel petto, in testa. Poi viene imbavagliato e incappucciato, i polsi e le caviglie glieli stringono con delle corde. Trascorrono alcune ore. Il furgone si ferma. Omar viene trascinato in un secondo veicolo. Poi un’altra ora di viaggio nel buio e nel terrore. Qualcuno lo fa scendere, lo spoglia, gli infila brutalmente un tampone nell’ano, gli avvolge le parti basse in un pannolino e la testa con del nastro da imballo. Poi egli viene scaraventato, mezzo stordito, sul sedile di un aereo. Destinazione: Egitto.
Il resto è indescrivibile. Quando finalmente Omar esce dal carcere di Tura, è invecchiato, riesce a malapena a camminare. Aveva subito torture raccapriccianti. E non erano torture egiziane, tranne che per l’esecuzione materiale. Erano torture a stelle e strisce.
Questo famigerato sequestro è stato il lavoro di una ventina di agenti della Cia i quali, mentre preparavano il colpo, si godevano la bella vita milanese negli alberghi più lussuosi. Incredibile a dirsi, gli inquirenti hanno potuto identificarli perché usavano normali schede telefoniche e carte di credito, tutte rintracciabili, e adottavano pseudonimi simili ai loro nomi reali. Perché tanta leggerezza? Perché si ritenevano al di sopra della legge.
Pertanto il grande merito del sistema giudiziario italiano è stato quello di aver dimostrato a questi delinquenti che non erano affatto al di sopra della legge. Perché “la legge è uguale per tutti.”
Perciò, grazie, Italia. Nessun altro Paese ha finora fatto altrettanto. E questa è la ragione per la quale i governi degli Stati Uniti vivono nella convinzione di potersi permettere di operare secondo regole diverse da quelle osservate dal resto dell’umanità. Convinzione che diventa intollerabile sfacciataggine quando George W. Bush e Richard B. Cheney raccontano le loro nefandezze in libri che portano la loro firma, o nelle loro conferenze pubbliche, senza essere chiamati a risponderne davanti a un tribunale. Ma il Presidente Obama ha dato ordini al Ministro USA della Giustizia di non incriminare la Cia per le sue pratiche di tortura né chi, dalla Casa Bianca, le ordinava. Obama si giustifica asserendo: “Bisogna guardare al futuro, non al passato.” Un futuro, dunque, di presidenti e di Servizi segreti fuorilegge e impuniti. C’è da aver paura.
Sotto l’amministrazione Obama gli abusi di Bush si sono dunque formalizzati, per diventare “normative di politica esecutiva”. Grazie ad esse, il presidente ha ormai il potere di spiare qualsiasi cittadino senza un regolare mandato; può incarcerare chiunque senza processo e per un tempo illimitato; può rapire qualsiasi cittadino di qualsiasi Paese e farlo torturare nelle prigioni di Paesi terzi; può assassinare segretamente chiunque – bambini, donne, uomini, di qualsiasi nazionalità – usando velivoli robot (droni) in grado di invadere qualsiasi spazio aereo senza autorizzazione.
Inoltre, grazie alle normative introdotte da Obama, il presidente può dar inizio a guerre senza chiedere l’approvazione del Parlamento: viene aggirata la legge che imporrebbe tale vincolo. Bush, meno furbo, ha dovuto ricorrere alle menzogne per ottenere dal Parlamento l’autorizzazione d’iniziare le guerre che ha fatto.
E’ pur vero che Obama ha vietato, sotto la sua amministrazione, la pratica delle forme estreme di tortura introdotte illegalmente da Bush. Ma soltanto sotto la sua amministrazione. Infatti Mitt Romney, candidato Repubblicano alla presidenza, ha ipotizzato il ripristino di quelle pratiche estreme – e dal momento che una “normativa interpretativa” di Obama ha insabbiato la legislazione che le proibisce, il Presidente Romney (o qualsiasi altro futuro presidente) avrà via libera. Ormai nelle prigioni americane può accadere di tutto con il beneplacito della Casa Bianca: basta che il torturato non muoia e non riporti cicatrici. In sostanza la tortura, da crimine contro l’umanità, è diventata un optional della politica del presidente di turno. Pertanto non è facile capire quali strumenti legali siano ancora rimasti per opporsi alla discrezionalità senza controllo dei presidenti statunitensi, e alla loro impunibilità.
Ed è per questo che noi statunitensi, oggi come oggi, abbiamo bisogno di tutta la rinomata saggezza giuridica italiana. Stiamo annaspando e cerchiamo una mano amica per venirne fuori. Ci serve l’integrità e la risolutezza del sistema giudiziario italiano, che opera per far valere il diritto senza guardare in faccia nessuno, nemmeno il presidente della Repubblica.
Dal canto nostro, noi non ci tireremo indietro. Non abbiamo paura di riconoscere ad alta voce i nostri torti – non c’è patriottismo che tenga. L’ho detto qualche anno fa in Italia, ad una manifestazione contro la costruzione della mega base militare USA a Vicenza: “Cari amici italiani, sappiamo che vi stiamo facendo un torto; lo ammettiamo; ce ne scusiamo. Aiutateci a porvi rimedio!”.
Badate bene, non sto chiedendo il commissariamento del mio Paese. Sto chiedendo l’applicazione della giurisdizione universale precisamente per quei casi in cui va applicata: laddove una determinata popolazione non riesce a far rispettare il diritto dal proprio governo. Pertanto chiedo che il sistema giudiziario italiano s’incarichi anche della questione delle torture praticate istituzionalmente da determinati funzionari degli Stati Uniti, come ha appena fatto nel caso di Abu Omar. Quest’ultimo caso è stato indubbiamente più facile da affrontare perché i fatti sono avvenuti in Italia, e pur tuttavia il principio di giurisdizione universale consentirebbe alla magistratura italiano di incriminare i funzionari statunitensi anche per i crimini contro l’umanità da loro commessi sul suolo americano: tortura psicologica (caso Bradley Manning), sequestro finalizzato alla tortura (caso Maher Arar), ecc.
E in ogni caso, sarebbe già un grande passo avanti se l’Italia, nella propria giurisdizione naturale, facesse – finalmente! – capire all’amministrazione USA che intende far valere il diritto senza fare sconti a nessuno. A nessuno! L’Iraq lo ha già fatto. Ha informato, senza mezzi termini, le autorità militari USA che i loro mercenari e paramilitari non potranno più agire impunemente sul suolo iracheno. Risultato: gli Stati Uniti hanno ritirato i mercenari e i paramilitari dall’Iraq.
Se gli agenti della Cia che operano in Italia sapessero di doversi sottoporre alla legge del Paese, una legge davvero “uguale per tutti”, magari, come i mercenari americani in Iraq, fuggirebbero dal Bel Paese tutti quanti. Ve la immaginate, un’Italia senza agenti della Cia? Credo che saprebbe sopravvivere benissimo. E rifiorire.
* David Swanson, noto attivista statunitense (RootsAction), lavora come addetto stampa per l’ONG Veterans for Peace, in passato per il sindacato AFL-CIO e per la candidatura democratica di Dennis Kucinich alle elezioni presidenziali del 2004. Ha un master in filosofia. Anima il movimento Occupy e lo storico blog pacifista http://warisacrime.org. Il suo quarto libro è appena uscito: "The Military Industrial Complex at 50".
(9 ottobre 2012)

QUESTA FOTO DI PAUL HANSEN, CHE DOCUMENTA L'UCCISIONE DI BAMBINI A GAZA AD OPERA DEGLI ISRAELIANI, E' STATA PREMIATA DALLA WORLD PRESS COME FOTO DELL'ANNO 2012





L'ex capo del Mossad: Per la prima volta, ho paura per il futuro del sionismo. La nazione di Israele sta galoppando alla cieca verso la guerra di Bar Kochba sull'impero romano. Il risultato di questo conflitto fu 2000 anni di esilio.

di Shabtai Shavit


Pubblicato   02:00 24.11.14

Dall'inizio del sionismo nel tardo 19 ° secolo, la nazione ebraica in Terra d'Israele è stata sempre più forte in termini di demografia e territorio, nonostante il conflitto in corso con i palestinesi. Siamo riusciti a farlo perché abbiamo agito con saggezza e stratagemmi piuttosto che impegnarci in un folle tentativo di convincere i nostri nemici che eravamo nel giusto.

Oggi, per la prima volta da quando ho cominciato a formare le mie opinioni, io sono veramente preoccupato per il futuro del progetto sionista. Sono preoccupato per la massa critica delle minacce contro di noi, da un lato, e la cecità del governo e  la paralisi politica e strategica, dall'altro. Anche se lo Stato di Israele si appoggia agli Stati Uniti, il rapporto tra i due paesi ha raggiunto un punto basso senza precedenti. L’ Europa, il nostro più grande mercato, si è stancata di noi e si sta orientando per imporci delle sanzioni. Per la Cina, Israele è un interessante progetto di alta tecnologia, e stiamo vendendo loro le nostre attività nazionali per il profitto. La Russia sta gradualmente orientando  contro di noi  sostenendo e assistendo i nostri nemici.

L'antisemitismo e l'odio per Israele hanno raggiunto dimensioni sconosciute da prima della seconda guerra mondiale. La nostra diplomazia pubblica e le relazioni pubbliche hanno fallito miseramente, mentre quelli dei palestinesi hanno raccolto molti successi importanti del mondo. I campus universitari in Occidente, soprattutto negli Stati Uniti, sono diventati serre per la futura classe dirigente dei rispettivi paesi. Stiamo perdendo la lotta per il sostegno a Israele nel mondo accademico. Un numero crescente di studenti ebrei si allontanano da Israele. Il movimento globale BDS (boicottaggio, disinvestimento, sanzioni) contro Israele, che lavora per delegittimare Israele, è cresciuto, e non pochi ebrei sono membri.

In questa epoca di guerra asimmetrica non stiamo usando tutte le nostre forze, e questo ha un effetto negativo sul nostro potere deterrente. Il dibattito sul prezzo del budino al latte e la sua centralità nel dibattito pubblico dimostrano una erosione della solidarietà che è una condizione necessaria per la nostra continua esistenza qui. La corsa degli  israeliani per acquisire un passaporto straniero, basato sul desiderio di cittadinanza straniera, indica che la sensazione di sicurezza delle persone ha cominciato a incrinarsi.

Temo che per la prima volta, vedo superbia e arroganza, insieme a non poco pensiero messianico che si precipitano a trasformare il conflitto in una guerra santa. Se questo è stato, finora, un conflitto politico locale che due piccole nazioni stanno conducendo su un piccolo e definito pezzo di territorio, maggiori forze del movimento religioso sionista stanno stupidamente facendo tutto il possibile per trasformarlo nella più orribile delle guerre, in cui l'intero mondo musulmano starà contro di noi.

Vedo anche, nella stessa misura, il distacco e la mancanza di comprensione dei processi internazionali e il loro significato per noi. Questa destra, nella sua cecità e stupidità, sta spingendo la nazione di Israele nella posizione disonorevole di una "nazione che abiterà da sola e non sarà annoverata tra le nazioni" (Numeri 23: 9).

Sono preoccupato perché vedo che la storia si ripete. La nazione di Israele sta galoppando ciecamente in un tunnel del tempo verso l’epoca di Bar Kochba e la sua guerra contro l’Impero Romano. Diversi secoli di esistenza nazionale in Terra d'Israele furono il risultato di quel conflitto, seguito da 2000 anni di esilio.

Sono preoccupato perché mi pare di capire che  l'esilio spaventa davvero solo il settore laico dello Stato, la cui visione del mondo si trova politicamente al centro e a sinistra. Questo è il settore sano e liberale consapevole che l'esilio simboleggia la distruzione del popolo ebraico. Il settore haredi vive in Israele solo per motivi di convenienza. In termini di territorio, Israele e Brooklyn sono uguali per loro; continueranno a vivere come gli ebrei in esilio, e attendere pazientemente l'arrivo del Messia.

Il movimento religioso sionista, in confronto, crede che gli ebrei siano "scelti. da Dio" Questo movimento, che santifica il territorio al di là di qualsiasi altro valore, è disposto a sacrificare tutto, anche a prezzo del fallimento e di un pericolo totale. Se la distruzione deve avvenire, essi lo spiegheranno in termini di fede, dicendo che non siamo riusciti, perché "Abbiamo peccato contro Dio." Perciò, si dirà, non è la fine del mondo. Andremo in esilio, preserveremo la nostra ebraismo e aspetteremo  pazientemente la prossima occasione.

Ricordo Menachem Begin, uno dei padri della visione del Grande Israele. Aveva combattuto tutta la vita per la realizzazione di quel sogno. E poi, quando si aprì il cancello per la pace con l'Egitto, il più grande dei nostri nemici, rinunciò al Sinai - territorio egiziano tre volte più grande del territorio di Israele all'interno della Linea Verde - per il bene della pace. In altre parole, alcuni valori sono più sacri della terra. La pace, che è la vita e l'anima di una vera democrazia, è più importante della terra.

Mi preoccupa che ampi segmenti della nazione di Israele hanno dimenticato, o messo da parte, la visione originale del sionismo: stabilire uno stato ebraico e democratico per il popolo ebraico nella Terra d'Israele. Non furono definiti i confini in quella visione, e la politica attuale di sfida sta lavorando contro di essa.

Che cosa si può e deve essere fatto? Abbiamo bisogno di creare una leva di Archimede per fermare il degrado attuale e invertire subito lo stato di cose esistente. Propongo la creazione di quella leva utilizzando la proposta della Lega Araba del 2002, che, in parte,  fu creata  dall'Arabia Saudita. Il governo deve prendere una decisione la cui  proposta sarà la base dei colloqui con gli Stati arabi moderati, guidati da Arabia Saudita ed Egitto.

Il governo dovrebbe fare tre cose per preparare questo annuncio: 1) Si dovrebbe definire una futura strategia negoziale, con la sua posizione su ciascuno dei temi inclusi nella proposta della Lega araba. 2) si dovrebbe aprire un canale segreto di dialogo con gli Stati Uniti per esaminare l'idea e l’accordo in anticipo relativo alle nostre linee rosse e le proposte che gli Stati Uniti saranno disposti a investire in tale processo. 3) Si dovrebbe aprire un segreto canale americano-israeliano di dialogo con l'Arabia Saudita per raggiungere accordi con essa in anticipo sui limiti dei temi che verranno sollevati nei colloqui e coordinare le aspettative. Una volta completati i processi segreti, Israele annuncerà pubblicamente che è disposta ad avviare colloqui sulla base del documento della Lega Araba.

Non ho alcun dubbio che gli Stati Uniti e l'Arabia Saudita, ciascuno per le proprie ragioni, risponderanno positivamente all'iniziativa israeliana, e l'iniziativa sarà la leva che porterà ad un drastico cambiamento della situazione. Con tutte le critiche che ho per il processo di Oslo, non si può negare che per la prima volta nella storia del conflitto, subito dopo la firma degli accordi di Oslo, quasi tutti i paesi arabi hanno cominciato a parlare con noi, ci hanno aperto le loro porte e cominciarono a impegnarsi in imprese cooperative senza precedenti in campo economico e in altri campi.

Anche se non sono così ingenuo da pensare che tale processo porterà la pace agognata, sono certo che questo tipo di processo, lungo e faticoso come sarà, potrebbe produrre misure di fiducia in un primo momento e, più tardi , accordi di sicurezza che entrambe le parti in conflitto saranno disposte a condividere. Il progresso dei colloqui, naturalmente, sarà la condizione per la calma nel settore della sicurezza, che entrambe le parti saranno impegnate a mantenere. Può accadere che mentre le cose procedono, entrambe le parti saranno d'accordo per esaminare compromessi reciproci che promuoveranno l'idea di coesistere una accanto all'altra. Se la fiducia reciproca dovesse svilupparsi - e le possibilità che questo accada sotto gli auspici americani e sauditi sono piuttosto alte - sarà pure possibile iniziare i colloqui per la risoluzione completa del conflitto.

Un'iniziativa di questo tipo richiede veri e coraggiosi  statisti, che è difficile individuare in questo momento. Ma se il primo ministro dovesse  interiorizzare la gravità della massa di minacce contro di noi in questo momento, la follia della politica attuale, il fatto che i creatori di questa politica sono elementi significativi del movimento religioso sionista e dell'estrema destra, coi loro devastanti risultati - fino alla distruzione della visione sionista - allora forse troverà il coraggio e la determinazione di portare a termine l'azione proposta.

Ho scritto le dichiarazioni di cui sopra, perché sento che li devo ai miei genitori, che hanno dedicato la loro vita alla realizzazione del sionismo; ai miei figli, i miei nipoti e alla nazione di Israele, che ho servito per decenni.

L'autore è un ex direttore generale del Mossad.

(Traduzione di D. Siragusa)


Former Mossad chief: For the first time, I fear for the future of Zionism
The nation of Israel is galloping blindly toward Bar Kochba's war on the Roman Empire. The result of that conflict was 2,000 years of exile.

By Shabtai Shavit

Published 02:00 24.11.14

Menachem Begin before an image of David Ben-Gurion. / Photo by Joseph Roth/GPO
From the beginning of Zionism in the late 19th century, the Jewish nation in the Land of Israel has been growing stronger in terms of demography and territory, despite the ongoing conflict with the Palestinians. We have succeeded in doing so because we have acted with wisdom and stratagem rather than engaging in a foolish attempt to convince our foes that we were in the right.
Today, for the first time since I began forming my own opinions, I am truly concerned about the future of the Zionist project. I am concerned about the critical mass of the threats against us on the one hand, and the government’s blindness and political and strategic paralysis on the other. Although the State of Israel is dependent upon the United States, the relationship between the two countries has reached an unprecedented low point. Europe, our biggest market, has grown tired of us and is heading toward imposing sanctions on us. For China, Israel is an attractive high-tech project, and we are selling them our national assets for the sake of profit. Russia is gradually turning against us and supporting and assisting our enemies.
Anti-Semitism and hatred of Israel have reached dimensions unknown since before World War II. Our public diplomacy and public relations have failed dismally, while those of the Palestinians have garnered many important accomplishments in the world. University campuses in the West, particularly in the U.S., are hothouses for the future leadership of their countries. We are losing the fight for support for Israel in the academic world. An increasing number of Jewish students are turning away from Israel. The global BDS movement (boycott, divestment, sanctions) against Israel, which works for Israel’s delegitimization, has grown, and quite a few Jews are members.
In this age of asymmetrical warfare we are not using all our force, and this has a detrimental effect on our deterrent power. The debate over the price of Milky pudding snacks and its centrality in public discourse demonstrate an erosion of the solidarity that is a necessary condition for our continued existence here. Israelis’ rush to acquire a foreign passport, based as it is on the yearning for foreign citizenship, indicates that people’s feeling of security has begun to crack.
I am concerned that for the first time, I am seeing haughtiness and arrogance, together with more than a bit of the messianic thinking that rushes to turn the conflict into a holy war. If this has been, so far, a local political conflict that two small nations have been waging over a small and defined piece of territory, major forces in the religious Zionist movement are foolishly doing everything they can to turn it into the most horrific of wars, in which the entire Muslim world will stand against us.
I also see, to the same extent, detachment and lack of understanding of international processes and their significance for us. This right wing, in its blindness and stupidity, is pushing the nation of Israel into the dishonorable position of “the nation shall dwell alone and not be reckoned among the nations” (Numbers 23:9).
I am concerned because I see history repeating itself. The nation of Israel is galloping blindly in a time tunnel to the age of Bar Kochba and his war on the Roman Empire. The result of that conflict was several centuries of national existence in the Land of Israel followed by 2,000 years of exile.
I am concerned because as I understand matters, exile is truly frightening only to the state’s secular sector, whose world view is located on the political center and left. That is the sane and liberal sector that knows that for it, exile symbolizes the destruction of the Jewish people. The Haredi sector lives in Israel only for reasons of convenience. In terms of territory, Israel and Brooklyn are the same to them; they will continue living as Jews in exile, and wait patiently for the arrival of the Messiah.
The religious Zionist movement, by comparison, believes the Jews are “God’s chosen.” This movement, which sanctifies territory beyond any other value, is prepared to sacrifice everything, even at the price of failure and danger to the Third Commonwealth. If destruction should take place, they will explain it in terms of faith, saying that we failed because “We sinned against God.” Therefore, they will say, it is not the end of the world. We will go into exile, preserve our Judaism and wait patiently for the next opportunity.
I recall Menachem Begin, one of the fathers of the vision of Greater Israel. He fought all his life for the fulfillment of that dream. And then, when the gate opened for peace with Egypt, the greatest of our enemies, he gave up Sinai – Egyptian territory three times larger thanIsrael’s territory inside the Green Line – for the sake of peace. In other words, some values are more sacred than land. Peace, which is the life and soul of true democracy, is more important than land.
I am concerned that large segments of the nation of Israel have forgotten, or put aside, the original vision of Zionism: to establish a Jewish and democratic state for the Jewish people in the Land of Israel. No borders were defined in that vision, and the current defiant policy is working against it.

What can and ought to be done? We need to create an Archimedean lever that will stop the current deterioration and reverse today’s reality at once. I propose creating that lever by using the Arab League’s proposal from 2002, which was partly created by Saudi Arabia. The government must make a decision that the proposal will be the basis of talks with the moderate Arab states, led by Saudi Arabia andEgypt.

The government should do three things as preparation for this announcement: 1) It should define a future negotiating strategy for itself, together with its position on each of the topics included in the Arab League’s proposal. 2) It should open a secret channel of dialogue with the United States to examine the idea, and agree in advance concerning our red lines and about the input that the U.S. will be willing to invest in such a process. 3) It should open a secret American-Israeli channel of dialogue with Saudi Arabia in order to reach agreements with it in advance on the boundaries of the topics that will be raised in the talks and coordinate expectations. Once the secret processes are completed, Israel will announce publicly that it is willing to begin talks on the basis of the Arab League’s document.
I have no doubt that the United States and Saudi Arabia, each for its own reasons, will respond positively to the Israeli initiative, and the initiative will be the lever that leads to a dramatic change in the situation. With all the criticism I have for the Oslo process, it cannot be denied that for the first time in the conflict’s history, immediately after the Oslo Accords were signed, almost every Arab country started talking with us, opened its gates to us and began engaging in unprecedented cooperative ventures in economic and other fields.
Although I am not so naïve as to think that such a process will bring the longed-for peace, I am certain that this kind of process, long and fatiguing as it will be, could yield confidence-building measures at first and, later on, security agreements that both sides in the conflict will be willing to live with. The progress of the talks will, of course, be conditional upon calm in the security sphere, which both sides will be committed to maintaining. It may happen that as things progress, both sides will agree to look into mutual compromises that will promote the idea of coexisting alongside one another. If mutual trust should develop – and the chances of that happening under American and Saudi Arabian auspices are fairly high – it will be possible to begin talks for the conflict’s full resolution as well.

An initiative of this kind requires true and courageous leadership, which is hard to identify at the moment. But if the prime minister should internalize the severity of the mass of threats against us at this time, the folly of the current policy, the fact that this policy’s creators are significant elements in the religious Zionist movement and on the far right, and its devastating results – up to the destruction of the Zionist vision – then perhaps he will find the courage and determination to carry out the proposed action.
I wrote the above statements because I feel that I owe them to my parents, who devoted their lives to the fulfillment of Zionism; to my children, my grandchildren and to the nation of Israel, which I served for decades.

The author is a former director general of the Mossad.

Nessun commento:

Posta un commento