sabato 28 maggio 2022

ELENCO DELLE SPARATORIE AVVENUTE IN SCUOLE DEGLI STATI UNITI DAL 1998 A OGGI


Le scuole in cui sono avvenute sparatorie negli USA tra il 1998 e ieri.


Thurston High School.
Columbine High School.
Heritage High School.
Deming Middle School.
Fort Gibson Middle School.
Buell Elementary School.
Lake Worth Middle School
University of Arkansas.
Junipero Serra High School.
Santana High School.
Bishop Neumann High School.
Pacific Lutheran University.
Granite Hills High School.
Lew Wallace High School.
Martin Luther King, Jr. High School.
Appalachian School of Law.
Washington High School.
Conception Abbey.
Benjamin Tasker Middle School.
University of Arizona.
Lincoln High School.
John McDonogh High
Red Lion Area Junior High School.
Case Western Reserve University.
Rocori High School.
Ballou High School.
Randallstown High School.
Bowen High School.
Red Lake Senior High School.
Harlan Community Academy High School.
Campbell County High School.
Milwee Middle School.
Roseburg High School.
Pine Middle School.
Essex Elementary School.
Duquesne University.
Platte Canyon High School.
Weston High School.
West Nickel Mines School.
Joplin Memorial Middle School.
Henry Foss High School.
Compton Centennial High School.
Virginia Tech.
Success Tech Academy.
Miami Carol City Senior High School.
Hamilton High School.
Louisiana Technical College.
Mitchell High School.
E.O. Green Junior High School.
Northern Illinois University.
Lakota Middle School.
Knoxville Central High School.
Willoughby South High School.
Henry Ford High School.
University of Central Arkansas.
Dillard High School.
Dunbar High School.
Hampton University.
Harvard College.
Larose-Cut Off Middle School.
International Studies Academy.
Skyline College.
Discovery Middle School.
University of Alabama.
DeKalb School.
Deer Creek Middle School.
Ohio State University.
Mumford High School.
University of Texas.
Kelly Elementary School.
Marinette High School.
Aurora Central High School.
Millard South High School.
Martinsville West Middle School.
Worthing High School.
Millard South High School.
Highlands Intermediate School.
Cape Fear High School.
Chardon High School.
Episcopal School of Jacksonville.
Oikos University.
Hamilton High School.
Perry Hall School.
Normal Community High School.
University of South Alabama.
Banner Academy South.
University of Southern California.
Sandy Hook Elementary School.
Apostolic Revival Center Christian School.
Taft Union High School.
Osborn High School.
Stevens Institute of Business and Arts.
Hazard Community and Technical College.
Chicago State University.
Lone Star College-North.
Cesar Chavez High School.
Price Middle School.
University of Central Florida.
New River Community College.
Grambling State University.
Massachusetts Institute of Technology.
Ossie Ware Mitchell Middle School.
Ronald E. McNair Discovery Academy.
North Panola High School.
Carver High School.
Agape Christian Academy.
Sparks Middle School.
North Carolina A&T State University.
Stephenson High School.
Brashear High School.
West Orange High School.
Arapahoe High School.
Edison High School.
Liberty Technology Magnet High School.
Hillhouse High School.
Berrendo Middle School.
Purdue University.
South Carolina State University.
Los Angeles Valley College.
Charles F. Brush High School.
University of Southern California.
Georgia Regents University.
Academy of Knowledge Preschool.
Benjamin Banneker High School.
D. H. Conley High School.
East English Village Preparatory Academy.
Paine College.
Georgia Gwinnett College.
John F. Kennedy High School.
Seattle Pacific University.
Reynolds High School.
Indiana State University.
Albemarle High School.
Fern Creek Traditional High School.
Langston Hughes High School.
Marysville Pilchuck High School.
Florida State University.
Miami Carol City High School.
Rogers State University.
Rosemary Anderson High School.
Wisconsin Lutheran High School.
Frederick High School.
Tenaya Middle School.
Bethune-Cookman University.
Pershing Elementary School.
Wayne Community College.
J.B. Martin Middle School.
Southwestern Classical Academy.
Savannah State University.
Harrisburg High School.
Umpqua Community College.
Northern Arizona University.
Texas Southern University.
Tennessee State University.
Winston-Salem State University.
Mojave High School.
Lawrence Central High School.
Franklin High School.
Muskegon Heights High School.
Independence High School.
Madison High School.
Antigo High School.
University of California-Los Angeles.
Jeremiah Burke High School.
Alpine High School.
Townville Elementary School.
Vigor High School.
Linden McKinley STEM Academy.
June Jordan High School for Equity.
Union Middle School.
Mueller Park Junior High School.
West Liberty-Salem High School.
University of Washington.
King City High School.
North Park Elementary School.
North Lake College.
Freeman High School.
Mattoon High School.
Rancho Tehama Elementary School.
Aztec High School.
Wake Forest University.
Italy High School.
NET Charter High School.
Marshall County High School.
Sal Castro Middle School.
Marjory Stoneman Douglas High School
Great Mills High School
Central Michigan University
Huffman High School
Frederick Douglass High School
Forest High School
Highland High School
Dixon High School
Santa Fe High School
Noblesville West Middle School
University of North Carolina Charlotte
STEM School Highlands Ranch
Edgewood High School
Palm Beach Central High School
Providence Career & Technical Academy
Fairley High School (school bus)
Canyon Springs High School
Dennis Intermediate School
Florida International University
Central Elementary School
Cascade Middle School
Davidson High School
Prairie View A & M University
Altascocita High School
Central Academy of Excellence
Cleveland High School
Robert E. Lee High School
Cheyenne South High School
Grambling State University
Blountsville Elementary School
Holmes County, Mississippi (school bus)
Prescott High School
College of the Mainland
Wynbrooke Elementary School
UNC Charlotte
Riverview Florida (school bus)
Second Chance High School
Carman-Ainsworth High School
Williwaw Elementary School
Monroe Clark Middle School
Central Catholic High School
Jeanette High School
Eastern Hills High School
DeAnza High School
Ridgway High School
Reginald F. Lewis High School
Saugus High School
Pleasantville High School
Waukesha South High School
Oshkosh High School
Catholic Academy of New Haven
Bellaire High School
North Crowley High School
McAuliffe Elementary School
South Oak Cliff High School
Texas A&M University-Commerce
Sonora High School
Western Illinois University
Oxford High School
Robb Elementary School
Chi ha compilato questa lista ha sottolineato: queste sono solo le sparatorie nelle scuole. Poi ci sono quelle nelle chiese, nei supermercati e in altri luoghi.
Davvero abbiamo dei valori da spartire con questa inciviltà?
Sapete che i bambini fanno esercitazioni a scuola in cui si devono nascondere rapidamente sotto i banchi?

lunedì 25 aprile 2022

PARTIGIANI RUSSI NELLA RESISTENZA ITALIANA

 


di Maurizio Vezzosi e Giacomo Marchetti

...al fine di non perdere la memoria storica di fatti che furono determinanti per la vittoria sul nazifascismo in Italia nel 1945.....

Furono circa cinquemila i cittadini dell’ex-Unione Sovietica che combatterono al fianco dei partigiani in territorio italiano: di questi oltre quattrocento sacrificarono la propria vita per la Liberazione del nostro paese.
Catturati durante l’Operazione Barbarossa, con cui la Germania nazista, l’Italia fascista e i loro alleati aggredirono l’URSS nel 1941, si ritrovarono in Italia con differenti ruoli: come prigionieri, come ausiliari, o come lavoratori dell’apparato bellico del Reich in territorio italiano. Molti di loro riuscirono a fuggire, spesso in maniera rocambolesca, andando ad ingrossare le fila della Resistenza sin dal suo nascere.
Il loro contributo, vista l’esperienza militare acquisita nell’Armata Rossa, e il loro sprezzo del pericolo, fu preziosissimo per l’attività partigiana. Alla luce degli altri partigiani essi incarnavano la prova vivente della possibilità di sconfiggere il nazismo anche in condizioni disperate, come aveva dimostrato la vittoriosa battaglia di Stalingrado.
Nonostante la valenza di questa pagina della nostra storia ed il ricordo conservato nelle zone che ne furono interessate, in un clima di revisionismo sempre più cupo quest’aspetto della Resistenza è stato col tempo rimosso, ed il venire meno dei testimoni diretti di quei fatti, ossia gli italiani che combatterono al fianco dei sovietici, ha contribuito ad indebolirne la presenza tra le maglie della memoria sociale.
Considerando inoltre l’ostilità nei confronti della Federazione Russa e la stigmatizzazione negativa, spesso caricaturale, che ne fa l’Occidente, si comprende di non poter correre il rischio di consegnare all’oblio una pietra miliare della storia condivisa dal popolo italiano e dai popoli che di quella che fu l'Unione Sovietica. (...)

domenica 24 aprile 2022

"Un traditore in meno": Zelensky supervisiona la campagna di assassinio, rapimento e tortura dell'opposizione politica

Alexander Matjuschenko

  di Max Blumenthal

 

 19 aprile 2022

 Fonte: The Grayzone



Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha inquadrato la guerra del suo paese contro la Russia come una battaglia per la democrazia stessa. In un discorso accuratamente coreografato al Congresso degli Stati Uniti il ​​16 marzo, Zelensky ha dichiarato:

In questo momento si decide il destino del nostro Paese. Il destino del nostro popolo, se gli ucraini saranno liberi, se saranno in grado di preservare la loro democrazia.

I media aziendali statunitensi hanno risposto inondando Zelensky di stampa adulatoria, guidando una campagna per la sua candidatura al Premio Nobel per la pace e ispirando uno sgargiante tributo musicale a se stesso e all'esercito ucraino durante la cerimonia di premiazione dei Grammy 2022 il 3 aprile.

I media occidentali hanno guardato dall'altra parte, tuttavia, poiché Zelensky e alti funzionari della sua amministrazione hanno sanzionato una campagna di rapimento, tortura e assassinio di parlamentari ucraini locali accusati di collaborare con la Russia. Diversi sindaci e altri funzionari ucraini sono stati uccisi dallo scoppio della guerra, molti secondo quanto riferito da agenti statali ucraini dopo aver intrapreso colloqui di riduzione dell'escalation con la Russia.

"C'è un traditore in meno in Ucraina", ha dichiarato il consigliere del ministero degli Affari interni Anton Geraschenko a sostegno dell'omicidio di un sindaco ucraino accusato di collaborare con la Russia.

Zelensky ha ulteriormente sfruttato l'atmosfera di guerra per mettere fuori legge una serie di partiti di opposizione e ordinare l'arresto dei suoi principali rivali. I suoi decreti autoritari hanno innescato la scomparsa, la tortura e persino l'omicidio di una serie di attivisti per i diritti umani, organizzatori comunisti e di sinistra, giornalisti e funzionari governativi accusati di simpatie “filo-russe”.

I servizi di sicurezza della SBU ucraina (i servizi segreti) sono serviti come braccio esecutivo della campagna di repressione ufficialmente autorizzata. Con l'addestramento della CIA e uno stretto coordinamento con i paramilitari neonazisti ucraini sostenuti dallo stato, la SBU ha trascorso le ultime settimane a riempire il suo vasto arcipelago di segrete di tortura con dissidenti politici

"La guerra viene utilizzata per rapire, imprigionare e persino uccidere membri dell'opposizione che si esprimono critici nei confronti del governo", ha commentato lo scorso aprile un attivista di sinistra picchiato e perseguitato dai servizi di sicurezza ucraini.

Tutti dobbiamo temere per la nostra libertà e per la nostra vita.

Tortura e sparizioni forzate “pratiche comuni” della SBU ucraina

Quando un governo sostenuto dagli Stati Uniti prese il potere a Kiev, in seguito all'operazione di cambio di regime Euromaidan del 2013-14, il governo ucraino intraprese un'epurazione a livello nazionale di elementi politici ritenuti filo-russi o insufficientemente nazionalisti. L'approvazione delle leggi sulla "decomunistizzazione" da parte del parlamento ucraino ha ulteriormente facilitato la persecuzione degli elementi di sinistra e il perseguimento degli attivisti per discorsi politici.

Il regime post-Maidan ha concentrato la sua ira sugli ucraini che hanno sostenuto un accordo di pace con i separatisti filo-russi nell'est del paese, coloro che hanno documentato violazioni dei diritti umani da parte dell'esercito ucraino e membri di organizzazioni comuniste. Elementi dissidenti hanno affrontato la costante minaccia di violenze ultranazionaliste, incarcerazioni e persino omicidi.

Il servizio di sicurezza ucraino, noto come SBU, è stato il principale sostenitore della campagna di repressione politica interna del governo post-Maidan. Osservatori filo-occidentali, tra cui l'Ufficio dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite (ONU OHCR) e Human Rights Watch, hanno accusato la SBU di torturare sistematicamente oppositori politici e dissidenti ucraini nella quasi totale impunità.

L'OHCR delle Nazioni Unite ha rilevato nel 2016 che "la detenzione arbitraria, le sparizioni forzate, la tortura e il maltrattamento di tali detenuti legati al conflitto erano pratiche comuni della SBU... Un ex ufficiale della SBU di Kharkiv ha spiegato: "Per la SBU, la legge praticamente non esiste in quanto tutto ciò che è illegale può essere classificato o spiegato facendo riferimento alla necessità dello Stato”.

Yevhen Karas, il fondatore della famigerata unità neonazista C14, ha descritto in dettaglio lo stretto rapporto che la sua banda e altre fazioni di estrema destra hanno intrattenuto con la SBU. La SBU "informa non solo noi, ma anche Azov, il settore destro, e così via", si vantava Karas in un'intervista del 2017.

Kiev approva ufficialmente l'assassinio di sindaci ucraini per aver negoziato con la Russia

Da quando la Russia ha lanciato la sua operazione militare all'interno dell'Ucraina, la SBU ha dato la caccia ai funzionari locali che hanno deciso di accettare forniture umanitarie dalla Russia o hanno negoziato con le forze russe per organizzare corridoi per l'evacuazione dei civili.

Il 1° marzo, ad esempio, Volodymyr Strok, sindaco della città orientale di Kreminna, nella parte di Lugansk controllata dall'Ucraina, è stato rapito da uomini in uniforme militare, secondo sua moglie, e gli hanno sparato al cuore.

Il 3 marzo sono apparse le immagini del corpo visibilmente torturato di Strok. Un giorno prima del suo omicidio, secondo quanto riferito, Strok aveva esortato i suoi colleghi ucraini a negoziare con funzionari filo-russi.

Anton Gerashchenko, consigliere del ministero degli Interni ucraino, ha celebrato l'omicidio del sindaco, dichiarando sulla sua pagina Telegram (vedi sotto):

C'è un traditore in meno in Ucraina. Il sindaco di Kreminna nella regione di Luhansk, ex deputato del parlamento di Luhansk, è stato trovato ucciso.

Secondo Geraschenko, Strok era stato giudicato dal "tribunale del popolo".

Il funzionario ucraino ha quindi lanciato un messaggio agghiacciante a chiunque abbia scelto di cercare una cooperazione con la Russia: fallo e perdi la vita.

Il 7 marzo il sindaco di Gostomel, Yuri Prylipko, è stato trovato assassinato. Secondo quanto riferito, Prylipko aveva avviato negoziati con l'esercito russo per organizzare un corridoio umanitario per l'evacuazione dei residenti della sua città, una linea rossa per gli ultranazionalisti ucraini che erano stati a lungo in conflitto con l'ufficio del sindaco.

Successivamente, il 24 marzo, Gennady Matsegora, sindaco di Kupyansk, nell'Ucraina nord-orientale, ha rilasciato un video (sotto) in cui si appellava al presidente Volodymyr Zelensky e alla sua amministrazione per il rilascio di sua figlia, che era stata tenuta in ostaggio dagli agenti dell'intelligence ucraina SBU.

Poi c'è stato l'omicidio di Denis Kireev, un membro di spicco della squadra negoziale ucraina, ucciso in pieno giorno a Kiev dopo il primo round di colloqui con la Russia. Kireev è stato successivamente accusato dai media ucraini locali di "tradimento".

La dichiarazione del presidente Volodymyr Zelensky secondo cui "ci sarebbero conseguenze per i collaboratori" indica che queste atrocità sono state sanzionate dai più alti livelli di governo.

Ad oggi mancano undici sindaci di diverse città ucraine. I media occidentali hanno seguito la linea di Kiev senza eccezioni, sostenendo che tutti i sindaci sono stati arrestati dall'esercito russo. Il ministero della Difesa russo ha negato l'accusa, tuttavia, e esistono poche prove per corroborare la linea di Kiev sui sindaci scomparsi.

Zelensky bandisce l'opposizione politica, autorizza l'arresto di rivali e blitz di propaganda di guerra

Quando lo scorso febbraio è scoppiata la guerra con la Russia, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha emesso una serie di decreti che formalizzavano la campagna di Kiev contro l'opposizione politica e i discorsi in dissenso.

In un ordine esecutivo del 19 marzo, Zelensky ha invocato la legge marziale per vietare 11 partiti di opposizione. I partiti fuorilegge erano costituiti dall'intero spettro di sinistra, socialista o anti-NATO in Ucraina. Includevano: il Partito per la vita, l'opposizione di sinistra, il Partito socialista progressista dell'Ucraina, il Partito socialista ucraino, l'Unione delle forze di sinistra, i socialisti, il Partito di Shariy, Il nostro Stato, il blocco di opposizione e il blocco Volodymyr Saldo.

Tuttavia, i partiti apertamente fascisti e filonazisti come il Corpo nazionale d'Azov non sono stati toccati dal decreto presidenziale.

"Le attività di quei politici finalizzate alla divisione o alla collusione non avranno successo, ma riceveranno una dura risposta", ha affermato il presidente Zelensky.

Mentre spazzava via la sua opposizione, Zelensky ordinò un'iniziativa di propaganda interna senza precedenti per nazionalizzare tutte le trasmissioni di notizie televisive e combinare tutti i canali in un unico canale 24 ore su 24 chiamato "United News" per "dire la verità sulla guerra".

Successivamente, il 12 aprile, Zelensky ha annunciato l'arresto del suo principale rivale politico, Viktor Medvedchuk, da parte dei servizi di sicurezza ucraini della SBU.

Molti sui canali Telegram stanno ipotizzando che la SBU abbia tenuto Medvedchuk nel seminterrato di una prigione per settimane e abbia pubblicato le foto ora per distrarre dalle perdite dell'Ucraina sul campo di battaglia. Non c'è modo di saperlo, ma non può essere escluso.

Viktor Medvedchuk


Il fondatore del secondo partito più grande in Ucraina, l'ormai illegale Patriots for Life, Medvedchuk è il rappresentante de facto della popolazione etnica russa del paese. Sebbene Patriots for Life sia considerato "pro-Russia", in parte a causa dei suoi stretti rapporti con Vladimir Putin, il nuovo presidente del partito ha condannato l'"aggressione" della Russia contro l'Ucraina.

Membri del corpo nazionale del battaglione neonazista Azov sponsorizzato dallo stato hanno attaccato la casa di Medvedchuk nel marzo 2019, accusandolo di tradimento e chiedendo il suo arresto.

Nell'agosto 2020, il Corpo nazionale di Azov ha aperto il fuoco su un autobus che trasportava rappresentanti del partito di Medvedchuk, ferendone diversi con proiettili d'acciaio rivestiti di gomma.

L'amministrazione di Zelensky ha intensificato l'assalto al suo principale avversario nel febbraio 2021 quando ha chiuso diversi media controllati da Medvedchuk. Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha apertamente approvato la mossa del presidente, dichiarando che gli Stati Uniti "sostengono gli sforzi ucraini per contrastare l'influenza maligna della Russia..."

Tre mesi dopo, Kiev ha incarcerato Medvedchuk e lo ha accusato di tradimento. Zelensky ha giustificato il blocco del suo principale rivale sulla base del fatto che aveva bisogno di "combattere contro il pericolo dell'aggressione russa nell'arena dell'informazione".

Medvedchuk è sfuggito agli arresti domiciliari all'inizio della guerra tra Russia e Ucraina, ma è di nuovo prigioniero e potrebbe essere usato come garanzia per uno scambio di prigionieri del dopoguerra con la Russia.

Sotto la sorveglianza di Zelensky, "la guerra viene utilizzata per rapire, imprigionare e persino uccidere membri dell'opposizione"

Da quando le truppe russe sono entrate in Ucraina il 24 febbraio, il servizio di sicurezza SBU ucraino si è scatenato contro qualsiasi continuazione di opposizione politica interna. Gli attivisti ucraini di sinistra hanno subito trattamenti particolarmente duri, inclusi rapimenti e torture.

Questo 3 marzo nella città di Dnipro, ufficiali della SBU accompagnati da ultranazionalisti Azov hanno fatto irruzione nella casa di attivisti dell'organizzazione Livizja (di sinistra), che si è organizzata contro i tagli alla spesa sociale e la propaganda dei media di destra. Mentre una attivista ha affermato che il membro dell'Azov "mi ha tagliato i capelli con un coltello", gli agenti della sicurezza dello stato hanno torturato suo marito, Alexander Matjuschenko, premendogli la canna di una pistola alla testa e costringendolo a gridare ripetutamente il saluto nazionalista, "Slava ukraini!”

“Poi ci hanno messo delle borse in testa, ci hanno legato le mani con del nastro adesivo e ci hanno portato all'edificio della SBU in macchina. Lì hanno continuato a interrogarci e hanno minacciato di tagliarci le orecchie”, ha detto la moglie di Matjuschenko alla pubblicazione tedesca di sinistra Junge Welt.

I membri dell'Azov e gli agenti della SBU hanno registrato la sessione di tortura e pubblicato online le immagini del volto insanguinato di Matjuschenko.

Matjuschenko è stato incarcerato con la motivazione che stava "conducendo una guerra aggressiva o un'operazione militare" e ora rischia da 10 a 15 anni di carcere. Nonostante abbia subito diverse costole rotte dal pestaggio da parte di ultranazionalisti sostenuti dallo stato, gli è stata negata la libertà su cauzione. Nel frattempo, dozzine di altri esponenti di sinistra sono stati incarcerati con accuse simili a Dnipro.

Tra quelli presi di mira dalla SBU c'erano Mikhail e Aleksander Kononovich, membri dell'Unione della gioventù comunista leninista fuorilegge dell'Ucraina. Entrambi sono stati arrestati e incarcerati il ​​6 marzo e accusati di "diffondere opinioni filo-russe e filo-bielorusse".

Nei giorni successivi, la SBU ha arrestato il giornalista televisivo Yan Taksyur e lo ha accusato di tradimento; l'attivista per i diritti umani Elena Berezhnaya; Elena Viacheslavova, una sostenitrice dei diritti umani il cui padre, Mikhail, è stato bruciato a morte durante l'attacco della folla ultranazionalista del 2 maggio 2014 ai manifestanti anti-Maidan fuori dalla Camera dei sindacati di Odessa; il giornalista indipendente Yuri Tkachev, accusato di tradimento, e un numero imprecisato di altri; l'attivista per i diritti dei disabili Oleg Novikov, che ad aprile è stato incarcerato per tre anni perché sosteneva il "separatismo".

L'elenco di coloro che sono stati imprigionati dai servizi di sicurezza ucraini dallo scoppio della guerra cresce di giorno in giorno ed è troppo ampio per essere riprodotto qui.

(Oleg Novikov, attivista dell'opposizione a Kharkov, perseguitato in passato dal regime di Zelensky, è stato rapito il 5/04/22 alle 6 del mattino dal Servizio di sicurezza dell'Ucraina (SBU) e portato in un luogo sconosciuto. Oleg è disabile e ha 3 bambini piccoli. (L'immagine è di un precedente arresto) pic.twitter.com/KSeHYC7DWJ)


Forse l'incidente più orribile di repressione è avvenuto quando i neonazisti sostenuti dal governo ucraino hanno rapito Maxim Ryndovskiy, un combattente professionista, e lo hanno brutalmente torturato per il crimine di essersi allenato con combattenti russi in una palestra in Cecenia. Anche Ryndovskiy era ebreo, con una stella di David tatuata sulla gamba, e aveva parlato sui social media contro la guerra nell'Ucraina orientale.

Maxim Ryndovskiy


La SBU ucraina ha persino dato la caccia a figure dell'opposizione al di fuori dei confini del paese. Come ha riferito il giornalista Dan Cohen, Anatoly Shariy del Partito di Shariy recentemente bandito ha affermato di essere stato l'obiettivo di un recente tentativo di omicidio della SBU. Shariy è stato un esplicito oppositore del regime di Maidan, sostenuto dagli Stati Uniti, ed è stato costretto a fuggire in esilio dopo aver sopportato anni di molestie da parte dei nazionalisti.

Questo marzo, il politico libertario ed esperto online ha ricevuto un'e-mail da un amico, "Igor", che cercava di organizzare un incontro. Successivamente ha appreso che Igor era trattenuto dalla SBU in quel momento e che veniva usato per indurre Shariy a rivelare la sua posizione.

Da parte sua, Shariy è stato inserito nella famigerata lista nera pubblica di Myrotvorets dei "nemici dello stato" fondata da Anton Geraschenko, il consigliere del Ministero degli affari interni che ha approvato l'assassinio di parlamentari ucraini accusati di simpatie russe. Diversi giornalisti e dissidenti ucraini, tra cui l'importante editorialista Oles Buzina, sono stati assassinati dagli squadroni della morte sostenuti dallo stato dopo che i loro nomi erano comparsi nell'elenco.

Anche i comuni cittadini ucraini sono stati sottoposti a tortura dall'inizio della guerra lo scorso febbraio. Apparentemente innumerevoli video sono apparsi sui social media che mostrano civili legati ai lampioni, spesso con i genitali scoperti o con la faccia dipinta di verde. Perpetrati da volontari della Difesa Territoriale incaricati di far rispettare la legge e l'ordine durante la guerra, questi atti di umiliazione e tortura hanno preso di mira tutti, dagli accusati simpatizzanti russi ai rom fino ai presunti ladri.

I Rom ("zingari") hanno lasciato Kiev come rifugiati e si sono recati nella città di confine, Lviv, dove subiscono discriminazioni da parte degli ucraini. Come qui, legato ai pali. (Un popolare canale Telegram ucraino celebra questa azione e prende in giro le vittime.#Kiev #Ucraina #Russia #Nazi pic.twitter.com/3cWZ9a78uA)

La SBU ucraina studia la tortura e l'assassinio dalla CIA

Vassily Prozorov, un ex ufficiale della SBU che ha disertato in Russia a seguito del colpo di stato di Euromaidan, ha descritto in dettaglio la sistematica dipendenza dei servizi di sicurezza post-Maidan dalla tortura per schiacciare l'opposizione politica e intimidire i cittadini accusati di simpatie russe.

Secondo Prozorov, ex ufficiale della SBU, i servizi di sicurezza ucraini sono stati direttamente consigliati dalla CIA dal 2014. "I dipendenti della CIA sono presenti a Kiev dal 2014. Risiedono in appartamenti clandestini e case di periferia", ha detto. "Tuttavia, vengono spesso all'ufficio centrale della SBU per tenere, ad esempio, riunioni specifiche o pianificare operazioni segrete".

Di seguito, la russa RIA Novosti ha diffuso l'immagine di Prozorov e ha pubblicato le sue rivelazioni in uno speciale del 2019.



Il giornalista Dan Cohen ha intervistato un uomo d'affari ucraino di nome Igor che è stato arrestato dalla SBU per i suoi legami finanziari con società russe e detenuto lo scorso marzo nel famigerato quartier generale del servizio di sicurezza nel centro di Kiev. Igor ha detto di aver sentito per caso i prigionieri di guerra russi picchiati con i tubi da volontari della Difesa Territoriale allenati da ufficiali della SBU. Presi a pugni al suono dell'inno nazionale ucraino, i prigionieri russi furono brutalizzati fino a quando non confessarono il loro odio per Putin.

Poi è arrivato il turno di Igor. "Hanno usato un accendino per scaldare un ago, poi me lo hanno messo sotto le unghie", ha detto a Cohen. “Il peggio è stato quando mi hanno messo un sacchetto di plastica in testa e mi hanno soffocato e quando mi hanno puntato alla testa la bocca di un fucile Kalashnikov e mi hanno costretto a rispondere alle loro domande”.

Valentyn Nalyvaichenko, il primo capo della SBU dopo l'operazione di cambio di regime di Euromaidan del 2013-14, aveva già stretti legami con Washington da quando aveva servito come console generale presso l'ambasciata ucraina negli Stati Uniti durante l'amministrazione di George W. Bush. Durante quel periodo, Nalyvaichenko fu reclutato dalla CIA, secondo il suo predecessore alla SBU, Alexander Yakimenko, che prestò servizio sotto il governo di orientamento russo del deposto presidente Viktor Yanukovich.

Nel 2021, Zelensky ha nominato una delle figure più famose dell'intelligence ucraina, Oleksander Poklad, a capo della divisione di controspionaggio della SBU. Poklad è soprannominato "Lo strangolatore", in riferimento alla sua reputazione di usare torture e sporchi trucchi assortiti per incastrare i rivali politici dei suoi capi con l'accusa di tradimento.

Ad aprile, è emersa una vivida illustrazione della brutalità della SBU sotto forma di video (sotto) che mostra i suoi agenti che prendono a pugni un gruppo di uomini accusati di simpatie russe nella città di Dnipro.

La SBU ucraina sta arrestando civili a Dnipropetrovsk


“Non faremo mai prigionieri soldati russi”: l'esercito ucraino ostenta i suoi crimini di guerra

Mentre i media occidentali si sono concentrati esclusivamente sulle presunte violazioni dei diritti umani in Russia dallo scoppio della guerra, i soldati ucraini e gli account dei social media filo-ucraini hanno esposto con orgoglio crimini di guerra sadici, dalle esecuzioni sul campo alla tortura dei soldati prigionieri.

A marzo, un canale Telegram filo-ucraino chiamato White Lives Matter ha pubblicato un video di un soldato ucraino che chiamava la fidanzata di un prigioniero di guerra russo, visto sotto, e la scherniva con la promessa di castrare il prigioniero.

L'uso da parte dei soldati ucraini dei cellulari dei soldati russi morti per deridere e aggredire i loro parenti sembra essere una pratica comune. In effetti, il governo ucraino ha iniziato a utilizzare la tecnologia notoriamente invasiva di riconoscimento facciale di Clearview Al, una società tecnologica statunitense, per identificare le vittime russe e schernire i loro parenti sui social media.

Ad aprile, un canale Telegram filo-ucraino chiamato fckrussia2022 ha pubblicato un video che ritrae un soldato russo con uno degli occhi bendati, suggerendo che era stato scavato durante la tortura, e lo ha deriso definendolo un maiale "con un occhio solo".

Forse l'immagine più raccapricciante apparsa sui social media nelle ultime settimane è la foto di un soldato russo torturato a cui è stato cavato un occhio prima di essere ucciso. Il post di accompagnamento era intitolato "Alla ricerca di nazisti".

Ad aprile è emerso anche un video che mostra soldati ucraini che sparano alle gambe di prigionieri di guerra russi indifesi fuori dalla città di Kharkov. Un video separato pubblicato da soldati della Legione georgiana ucraina e appoggiata dagli Stati Uniti mostrava i combattenti che eseguivano esecuzioni sul campo di prigionieri russi feriti vicino a un villaggio fuori Kiev.

È probabile che questi soldati fossero stati incoraggiati dalle benedizioni dei loro superiori. Mamula Mamulashvili, il comandante della legione georgiana, che ha partecipato alle esecuzioni sul campo di prigionieri di guerra russi feriti, si è vantato questo aprile che la sua unità si impegna liberamente in crimini di guerra: “Sì, a volte leghiamo loro mani e piedi. Parlo a nome della Legione georgiana, non faremo mai prigionieri i soldati russi. Nessuno di loro sarà fatto prigioniero”.

Allo stesso modo, Gennadiy Druzenko, il capo del servizio medico militare ucraino, ha dichiarato in un'intervista con l'Ucraina 24 di aver "emesso un ordine di castrare tutti gli uomini russi perché erano subumani e peggiori degli scarafaggi".

Funzionari ucraini presentano una donna torturata e uccisa da Azov come vittima della Russia

Mentre i media occidentali si concentrano sulle violazioni dei diritti umani russe in patria e all'interno dell'Ucraina, il governo ucraino ha autorizzato una campagna di propaganda nota come "Guerra totale" che include la diffusione di immagini fasulle e storie false per coinvolgere ulteriormente la Russia.

In un esempio particolarmente cinico della strategia, Ucraina 24, un canale televisivo in cui gli ospiti hanno chiesto lo sterminio genocida dei bambini russi, ha pubblicato ad aprile una foto che ritrae un cadavere femminile marchiato con una svastica insanguinata sullo stomaco. L'Ucraina 24 ha affermato di aver trovato questa donna a Gostumel, una delle regioni dell'Oblast di Kiev che i russi hanno lasciato il 29 marzo.

Lesia Vasylenko, un membro del parlamento ucraino, e Oleksiy Arestovych, il principale consigliere del presidente Zelensky, hanno pubblicato la foto del cadavere di una donna oltraggiata sui social media. Mentre Vasylenko ha lasciato la foto online, Arestovych l'ha cancellata otto ore dopo la pubblicazione quando si è confrontato con il fatto di aver pubblicato un falso.

In effetti, l'immagine è stata estratta da filmati originariamente registrati da Patrick Lancaster, un giornalista statunitense con sede a Donetsk che aveva filmato il cadavere di una donna torturata e uccisa dai membri del battaglione ucraino Azov in un seminterrato di una scuola Mariupol che avevano trasformato in una base .

Con l'arrivo di armi in Ucraina dagli stati della NATO e l'intensificarsi della guerra, è quasi certo che le atrocità si accumuleranno e con la benedizione della leadership a Kiev. Come ha proclamato Zelensky durante una visita alla città di Bucha lo scorso aprile, "se non troviamo una via d'uscita civile, conosci la nostra gente, troverà una via d'uscita incivile".


Max Blumenthal è un giornalista pluripremiato e autore di numerosi libri, tra cui i bestseller Republican Gomorrah, Goliath, The Fifty One Day War e The Management of Savagery. Ha prodotto articoli cartacei per una serie di pubblicazioni, molti reportage video e numerosi documentari, tra cui Killing Gaza. Blumenthal ha fondato The Grayzone nel 2015 per far luce giornalistica sullo stato di guerra perpetua dell'America e sulle sue pericolose ripercussioni interne. Seguilo su Twitter su @MaxBlumenthal.

 (Traduzione di Diego Siragusa)