RECENSIONI

Il Biellese - 4/11/2016



Eco di Biella - 5/10/2013



Primorski Dnevnik - marzo 2014


Il Biellese del 1 aprile 2014



Eco di Biella del 8 ottobre 2012
 
Il Biellese del 30 ottobre 2012


Il Piccolo del 7 gennaio 2013


Messaggero Veneto del 18 gennaio 2013



Di Eco di Biella del 25 novembre 2010

La Nuova Provincia di Biella del 1 ° dicembre 2010



La Stampa del 2 dicembre 2010


Il Biellese del 17 dicembre 2010



Nella Nebbia

Rivista mensile con Uno sguardo trasversale sull'arte
Facebook
Seguici su Facebook
Complici le incursioni natalizie Nelle librerie, allo scopo di Intraprese Acquistare interessanti Romanzi da regalare, m'è capitato di tradi le mani il bel testo "La festa di san Napoleone" di Diego Siragusa, edito per i Tipi di Albatros Nel 2010.
Sono infatti Stata Subito incuriosita Dagli argomenti Trattati e Dalla Presentazione di Giuseppe Pontiggia, il Che in copertina recita "E 'Un romanzo storico Scritto con insolita finezza stilistica e accuratezza di Ricostruzione. Lo SI Legge con INTERESSE e con Piacere ..."
Il romanzo narra le Vicende della Contessa Angela Maria Reinaldi di Falicone, sposa del conte Crispino Avogadro, il Che vive Nel Primi decenni del 1800, Quando l'eco della Rivoluzione Francese AVEVA cambiato e Diviso per Semper le idee Politiche del popolo e dell'aristocrazia . Il Piemonte negligenza Anni della dominazione napoleonica vedeva il contrapporsi di Personaggi con "anime tiepide" contro "anime ardenti" di vivace modernità, TRA Coloro Che desideravano rimanere Fedeli alla monarchia e Coloro Che avevano dissipato le ombre della falsità e della meschinità Umane Nascoste dietro i parrucconi. Conciliare Le Due visioni Nella stessa Famiglia, Vieni ACCADE in casa Avogadro, era opera ardua, foriera di trame Pericolose e, vieni vedremo Nella Lettura del Libro, Portera all'emergere nia Protagonisti passioni represse e inconfessabili. Momento Chiave del romanzo e Il Giorno Dedicato All'Imperatore, il 15 agosto, festa di san Napoleone: un delitto e le Indagini per scoprirne il Colpevole riescono a togliere la polvere alle Verità dei conti Avogadro. Le due Facce di Crispino tra "Conte" e "Cittadino" SI scontrarono con il tradimento della moglie e la mesta assuefazione al rango.
E 'davvero Libro Un bel, ben Scritto, Che coinvolge il Lettore Dalla prima all'ultima pagina. Il classico Libro Che vi fa Lontano Tardi la sera, i cui Personaggi vi tengono Compagnia e vi Dispiace lasciare Quanto chiudete l'ultimo Capitolo. Siragusa ha il dono della scioltezza, della leggerezza Nel trattare Complessi Temi Storici, inserendoli in filigrana tradizione Una vicenda e l'Altra della vita della contessa. Un romanzo Interessante, specie se lo SI Legge in QUESTO 2011, anno del 150 ° anniversario dell'Unità d'Italia, il Che contribuisce a chiarire Venire la Storia d'Italia non SIA Una Semplice successione di avvenimenti, ma Una storia di PERSONE. I Protagonisti Sono gli Italiani, considerati Nella Loro Diversità e raccontati in Tutte Quelle FASI Che li Hanno GUARDA unirsi in Un sentimento di comune Appartenenza. Queste tappe Fanno altera parte di ONU percorso Lungo 150 Anni Durante il Quale "Siamo diventati italiani".
"La festa di san Napoleone" cela ONU Libro Dai MOLTI Sensibilità e Livelli di Lettura: dal Semplice romanzo giallo quasi, alla Precisa Operazione di Recupero storico degli USI e costumi del tempo, il Che davvero ci fa entrare, immediatamente pinna Dalla Prima Pagina, Nella vita dei Protagonisti, alla narrazione storica del Piemonte dell'epoca. Biellesi e vercellesi sorrideranno e commuoveranno SI, FORSE, poi, delle tante, poetiche Ricostruzioni di Tradizioni Che Ancora perdurano al Giorno d'oggi, ed ancor Oggi Sono le Nostre Tradizioni, Venire la descrizione della processione al Santuario d'Oropa:
"Maggio 1799. Era tempo Da Molto consuetudine Che la prima domenica di maggio la municipalità di Biella partecipasse alla processione Fino al Santuario d'Oropa. Ho Repubblicani erano inquieti. Giungevano Notizie Che le armate austro-russe avevano gia Occupato Milano e minacciavano Apertamente il Piemonte. Il corteo Lungo e cantilenante Entro Nel santuario Senza Particolare fervore. Nel Quella massa cristiana di borghesi, nobili e contadini erano mescolate la fazione repubblicana e monarchica Quella Che SI guatavano A DISTANZA inviandosi silenziosi e reciproci loquaci improperi. Persino la schiera del Clero epoca Nettamente divisa e l'Una Contro L'Altra armata: i Democratici cantavano le lodi mariane con accento Francese, i monarchici, invece, sottolineavano Nelle invocazioni la Madre Divina di Cristo Re e, con impeto e fervore incontenibili, gridavano Più del Solito: Regina Montis Oropae, ora pro nobis "!
Gia l'incipit del romanzo incuriosisce il Lettore e lo spinge a continuare la Lettura. Il Primo Capitolo SI APRE con l'annuncio della morte della Duchessa del Chiablese, Sorella del re, il Che giunge alla contessa tramite Una Lettera. Poichè era intenzione del re Che al lutto partecipasse anche la nobiltà per il tempo di tre Mesi, Epoca Nella missiva descritto l'abbigliamento anche Che Tutti i nobili dovevano portare per il lutto:
La foggia del lutto per la nobiltà Sara Nel Primo Periodo di quarantacinque Giorni in abito, sottoveste, calzoni neri di lana, calzetti e guanti neri di foretto, spada e fibbie nere, cappello liscio e Senza velo. Nel Secondo Periodo SI useranno le stoffe nere di seta non operare per Giorni
Ventuno, e per i restanti ventiquattro saranno lecite le stoffe nere di seta operare, e porteranno la spada, fibbie d'argento o d'Altro metallo.
Abbigliamento Che Senza indugio la contessa SI accinge ad Acquistare ndr da da indossare. Gia questa descrizione Proietta il Lettore nel Tempo a cui SI svolge il romanzo, quasi SI trattasse non di ONU Libro MA Pellicola di un, ne Vede di Fronte Agli Occhi Tutti i PARTICOLARI, puo curiosare negligenza armadi della Contessa Nelle Stanze del Suo castello.
Diego Siragusa E nato ad Alcamo. Laureato in Filosofia, alla non E SUA prima Fatica letteraria; ah Pubblicato infatti tre Volumi di poesie: Homo tripudians, 1982; L'uomo copernicano, 1984; La fanciulla di Vermeer, 1985. Sono Seguiti I Libri di Storia: Biella giacobina (1797-1801), 1989; Biella napoleonica, da Marengo a Waterloo, 1995; QUANDO i pesci volano e Gli Uccelli nuotano, 1997. Con Cercate l'Angkar, 2004 Scritto in Collaborazione con Bovannrith Tho Nguon, ha Vinto Nel 2007 il premio letterario "Firenze per le culture di pace", Dedicato a Tiziano Terzani. Ah
Pubblicato anche La botola Sotto il letto, Nel 2007. Ha Tradotto da: Leon Felipe, Ben Jonson, sir Philip Sidney, John Keats, ndr ALTRI Autori Contemporanei.